Zingaretti: “Abbiamo evitato il salto nel buio. Ora si apre la sfida del buon governo. Dobbiamo tornare a concentrarci sui problemi degli italiani”

NICOLA ZINGARETTI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Noi abbiamo evitato il salto nel buio, abbiamo fatto bene ed è stato un passaggio importante aver scommesso e aver detto no a una crisi”. E’ quanto ha detto a Radio Immagina il segretario del Pd, Nicola Zingaretti. “Ora – ha detto ancora il leader dem – dobbiamo tornare a concentrarci sui problemi degli italiani. Si apre la sfida del buon governo, del rilancio dell’azione del governo, l’altro fronte è costruire una prospettiva politica. L’esito dei voti conferma che se si guarda al risultato raggiunto a Camera e Senato si conferma che non c’era altra ipotesi di governo che potesse raggiungere più voti. Però è giusto prendere atto che occorre voltare pagina, che occorre rafforzare e ampliare la forza parlamentare del governo perché è stato ed è un governo che trova la sua legittimazione nel voto parlamentare”. Con Conte, ha aggiunto Zingaretti, “ci siamo sentiti ieri sera, mi sembra che in lui ci sia la consapevolezza di muoversi su questi due fronti”.

“Anche in questo passaggio – ha detto ancora il segretario del Pd – l’Italia ha potuto contare su un Pd unito e unitario, questo ha fatto la differenza. Unito perché da parte di tutti c’è stata la consapevolezza che bisognava dare un contributo senza polemiche, unitario perché abbiamo fatto di tutto per tenere insieme l’alleanza, anche prima delle dimissioni delle due ministre. Io punto ad ottenere risultati e si ottengono rendendo protagonista una comunità, una squadra, una classe dirigente. Sono molto attivo ma credo al protagonismo di una comunità e questo credo sia anche il motivo per cui il Pd è una grande forza popolare unita, una certezza e un punto di riferimento. La nostra visibilità è data dai risultati che otteniamo per il paese che amiamo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA