Apertura in affanno per la Borsa di Milano (-0,74%). Lo spread oltre quota 287 punti penalizza i bancari

dalla Redazione
Economia

Il rialzo dello spread oltre quota 287 punti penalizza la Borsa di Milano. A Piazza Affari, dopo un avvio in lieve rialzo, l’indice Ftse Mib lascia sul campo lo 0,74%, frenato dai bancari Ubi Banca (-1,51%), Intesa (-1,35%), Unicredit (-1,55%) e Banco Bpm (-1,41%). Male anche Poste (-0,72%) ed Mps (-0,76%), mentre, tra i pochi titoli in rialzo, si segnala Ferragamo (+8,3%). Bene Juventus (+1,09%) ed Stm (+0,6%), mentre il calo del greggio (-0,9% il Wti) penalizza Saipem (-1,91%) ed Eni (-1%). Debole anche Snam (-0,86%), bene Astaldi (+4,4%) e Mediaset (+2,39%), giù Maire Technimont (-3,87%), fiacca Salini Impregilo (-0,23%).