Deficit tagliato al 2,04%, si sblocca la trattativa con l’Ue. Conte incontra Juncker: “Non tradiamo la fiducia degli italiani. Rispettiamo gli impegni. La procedura di infrazione si può evitare”

dalla Redazione
Politica

“Abbiamo anticipato la nostra proposta a Bruxelles sulla Manovra. Abbiamo illustrato il nostro piano. Non tradiamo affatto la fiducia degli italiani. Rispettiamo gli impegni presi. Rispettiamo sia la platea che gli importi delle misure sul reddito di cittadinanza e su quota cento. Il saldo finale che abbiamo proposto è il 2,04%”. E’ quanto ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a margine dell’incontro con il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, il vicepresidente Valdis Dombrovskis e il commissario europeo agli Affari economici e finanziari Pierre Moscovici. “Abbiamo messo sul tavolo – ha aggiunto il premier – una proposta seria. Confidiamo che questo negoziato possa concludersi in modo positivo. La maggioranza è compatta”.

“Sto lavorando per evitare una procedura per debito. Non mi sarei seduto al tavolo – ha detto ancora il premier – per un risultato minore”. Con l’Ue, ha assicurato Conte, “il clima è  molto proficuo, e c’è un dialogo sereno e costruttivo”. “Forse, se c’è tempo – ha aggiunto – ci sarà una riunione sugli emendamenti.  Abbiamo aggiunto qualcosa al piano di dismissioni e abbiamo calibrato questa nuova proposta”.