Di Maio tra i terremotati di Accumoli. “Rilanciare e velocizzare la ricostruzione”. Le aree colpite dal sisma “rischiano lo spopolamento”

dalla Redazione
Politica

“Il mio obiettivo qui è rilanciare e velocizzare la ricostruzione ma anche ricordare che questo territorio si salva solo se si crea nuovo lavoro, soprattutto nelle nuove tecnologie”. E’ quanto ha detto il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, intervenendo ad Accumoli, il comune del Reatino epicentro del sisma dell’agosto 2016, all’inaugurazione di una struttura polivalente realizzata da Cisco in collaborazione con ActionAid.

“Essere qui con grandi multinazionali come Cisco e con grandi organizzazioni come ActionAid – ha aggiunto il ministro – indica una strada importante per far tornare i giovani a scegliere questa terra per far crescere le loro famiglie. Quello che dobbiamo evitare è avere una ricostruzione senza la gente: il rischio di spopolamento è reale e noi dobbiamo lavorare per evitarlo”.

Con Di Maio ad Accumoli c’era anche il neo Commissario del governo alla ricostruzione, Piero Farabollini. “Sono felice – ha aggiunto il vicepremier – di avere qui con me il nuovo Commissario straordinario. Agirà nel pieno della sua autonomia, secondo coscienza e conoscenza. L’unico consiglio che voglio dargli è stare sempre accanto alla gente. Ogni ricostruzione, ogni azione del governo e degli enti locali – ha detto ancora Di Maio – deve essere accompagnata da un coinvolgimento pieno delle persone, altrimenti ogni intervento, anche il più rapido, non verrà riconosciuto e valutato correttamente dalle popolazioni”.