Abracadabra soltanto sui soldi Pd

di Gaetano Pedullà

La Cassazione chiude i giochi sul tesoretto dei rimborsi elettorali fatti sparire dalla Lega. La vicenda risale all’epoca della segreteria di Umberto Bossi e per quella che è stata riconosciuta come una palese appropriazione illecita sono già arrivate diverse condanne, con in testa l’allora tesoriere del partito, Francesco Belsito. Parallelamente lo Stato ha cercato di riprendersi le somme erogate illecitamente, trovando però i conti correnti del Carroccio non capienti, perché nel frattempo chi era succeduto al senatur aveva spostato i fondi – questa volta quelli ottenuti lecitamente – dalla tesoreria della Lega nazionale alle sedi locali. Senza questi soldi un partito che è forza centrale di governo non potrebbe svolgere la sua attività politica, e pertanto il leader Matteo Salvini si batte da tempo per non far pagare a chi usa quel denaro correttamente gli errori fatti invece da altri, tutti allontanati ad eccezione del fondatore, lasciato in Parlamento con un gesto misurabile più sul piano umano che politico. Insomma, per prendere i soldi sperperati da chi non li restituirà mai più, si vanno a colpire i legittimi destinatari delle risorse che l’ordinamento assegna in modo proporzionale a tutti i più rilevanti soggetti politici. Naturale dunque che Salvini adesso parli di “processo politico”, anche se in linea strettamente di principio i giudici del Palazzaccio hanno solide e abbondanti motivazioni. La legge d’altra parte è legge, anche quando summum Ius diventa summa iniuria (cioè la piena giustizia si trasforma nella più grande delle ingiustizie). In questo caso però, affinché la giustizia sia effettivamente summa, i giudici dovrebbero applicare lo stesso rigore pure nei riguardi di chi si è inventato ben altre e indifendibili sottrazioni del denaro dei partiti rispetto ai naturali creditori, come ha fatto l’allora Pci/Pds/Ds riversando immobili e fondi per molti milioni di euro in Fondazioni fatte sorgere appositamente, lasciando il partito originario insolvente anche rispetto alle legittime pretese salariali dei dipendenti. Un giochetto sul quale la Giustizia non è stata affatto solerte come con la Lega.

Lascia un commento

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La vendetta di Renzi sulle nomine pubbliche. Ecco cosa c’è dietro le fibrillazioni dell’Esecutivo

Chi nasce tondo non può morire quadrato, e dunque ieri Matteo Renzi è arrivato in Senato direttamente dalle piste di sci in Pakistan e dopo aver escluso defezioni dal suo gruppo parlamentare ha annunciato addirittura l’arrivo di due rinforzi. Il bomba, come lo chiamavano già da giovane a Firenze, sa perfettamente di aver tirato la…

Continua

Due Mattei col terrore di sparire

Si dice che al peggio non c’è fine. Ma alla nostra povera Italia che poteva capitare di peggio di un Renzi che mette in bilico il Governo e se ne va a sciare, e di un Salvini che tra croci, rosari e crociate antiabortiste può riportare all’anno zero i diritti civili delle donne? A chi…

Continua

La battaglia in nome dell’equità

Fossimo in un Paese normale, il Governo Conte che mette mano alla questione meridionale – cioè il più grande problema nazionale dall’unità d’Italia – sarebbe la più importante notizia dei giornali. Ma visto che di normale qui c’è rimasto ben poco, si è costretti a dar conto di chi questo stesso Governo vuol farlo cadere,…

Continua

Una partita di potere per Renzi

Attenzione a sottovalutare Matteo Renzi, un personaggio riuscito a portare il Pd al massimo storico e poco dopo al suo minimo di sempre, per poi scendere ancora con il partitino fai-da-te Italia viva, stimato tra il 3 e il 5%. L’ex sedicente rottamatore sa bene che se continua a tirare la corda si rischia di…

Continua

Champagne a fiumi per i corrotti

Un passo avanti e due indietro. Se l’Italia sta messa come sta ci sarà qualche motivo, e il primo tra tutti è che siamo allergici alle riforme, soprattutto se toccano politici e colletti bianchi. A ricordarcelo, semmai ci illudessimo di voltare pagina, è stata ieri la Corte costituzionale, bocciando un principio di assoluto buonsenso: chi…

Continua

Sembravano sardine. Erano squali

Se la sardina col maglioncino Benetton era indigesta, sentire il loro leader Mattia Santori che difende i vitalizi dei parlamentari è da lavanda gastrica. Peccato, perché questo movimento sembrava poter dare ben altri contributi dopo il meritorio argine ai sovranisti in Emilia Romagna. Già in quella fase, a dire il vero, c’era qualcosa che non…

Continua

La casta e il Diritto dei furbi

Quant’è inutile discutere di etica quando ai più interessa solo la cotica. Il caso del momento è l’indomita resistenza degli ex senatori per tenersi il vitalizio, un privilegio di cui hanno goduto per decenni malgrado anche loro sia la colpa delle difficili condizioni in cui versa il Paese. Il Diritto pronunciato con due D non…

Continua

Finiamola con l’era dell’impunità

I renziani non riescono proprio a capirlo perché Conte e i Cinque Stelle mettano persino a rischio il Governo pur di non piegarsi al cosiddetto lodo Annibali, cioè il rinvio di un anno del blocco della prescrizione diventato da poco più di un mese legge dello Stato. I problemi della Giustizia sono tanti e al…

Continua

L’ultima balla sul Movimento che scende in piazza contro il suo stesso Governo

Se si potesse avere un centesimo per ogni bugia messa in circolazione dalla nascita dei Cinque Stelle ci potremmo pagare tutto il debito pubblico italiano, e in tasca ci resterebbe pure qualcosa. Le puntate precedenti le conosciamo: quello dei grillini è il partito (mentre in realtà è un Movimento) delle tasse e delle manette, nemico…

Continua

La Giustizia che serve ai furbi

Un Governo che rinvia le cose da fare si presenta male, ma se cerca di rinviare le cose già fatte va anche peggio. Dunque c’è da augurarsi che il premier non tenga conto delle false minacce di Matteo Renzi e di quella parte del Pd che vuole tornare indietro sulla prescrizione, una buona legge dello…

Continua