Che errore nascondere la mafia nella Capitale

di Gaetano Pedullà
Salvatore Buzzi

Salvatore Buzzi, il dominus del processo mafia Capitale, che però secondo la Cassazione non era mafia, continuerà a scontare a casa la sua pena. Nella libera interpretazione di cos’è mafia e cosa no, se ci si chiama Brusca (cosa nostra) o Zagaria (clan dei casalesi) si resta in carcere e pure in regime di massima sicurezza. Se invece si agisce fuori dalle regioni tradizionalmente occupate dalle cosche mafiose, seppure con metodi oggettivamente identici, l’aggravante del 416 bis non è affatto scontata. Ne saranno lieti Buzzi e il sodale Massimo Carminati, l’ex terrorista nero ritenuto responsabile, nella stessa inchiesta, del reato di associazione a delinquere semplice.

Tutto questo però rischia di indurci in un gravissimo errore: la mafiosità non è un fenomeno confinato in alcune parti d’Italia e inesistente altrove. A Roma, proprio dove le indagini coordinate dall’allora procuratore Giuseppe Pignatone e dai pm Cascini, Ielo e Tescaroli fecero emergere la pericolosità del cosiddetto mondo di mezzo, dopo quel processo e indipendentemente dal fatto che al terzo grado di giudizio sia stato ribaltato il verdetto di mafia dell’Appello, i clan sono saltati fuori davvero, con due condanne storiche e anche queste ormai passate in giudicato ai clan Spada e Fasciani (mentre per i Casamonica e i Di Silvio pende un maxiprocesso con le stesse accuse sostenute dal procuratore aggiunto Prestipino).

Parte delle famiglie storiche siciliane e calabresi sono inoltre emigrate, inseguendo l’unica cosa che gli interessa, cioè i soldi, e hanno ben saldamente piantato le tende al Nord e all’estero (indimenticabile la strage di Duisburg del 2007 in Germania). E ramificazioni sono evidenti pure per la ‘ndrangheta calabrese, come emerso dall’operazione guidata dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, che proprio ieri ha parlato di una ramificazione dell’organizzazione criminale dalle Alpi alla Sicilia. Per questo indicare in Buzzi che se n’è tornato a casa, la prova che la mafia nel Lazio (e a cascata in tutte le altre aree fuori dal Mezzogiorno) non esiste è un errore. E insieme un regalo ai clan che possono proseguire più rasserenati i loro traffici.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’Inps patrimonio del Paese

Dopo la Croce rossa, non c’è bersaglio su cui sparare più facile dell’Inps. Il sito internet da dove si accede al bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi e le Partite Iva mercoledì scorso è andato in tilt sotto la pressione di milioni di utenti. I partiti di opposizione con la grancassa delle tv…

Continua

C’è lo spot del Coronavirus

Armiamoci di pazienza e mettiamoci l’anima in pace, a meno di non volerci portare sulla coscienza altre migliaia di vittime. Fino al 13 aprile si deve restare a casa, e contribuire tutti a fermare un’epidemia che sta rallentando, ma può metterci un attimo a ripartire e ad esplodere, soprattutto nelle regioni del Sud dove finora…

Continua

Le Regioni che turbano la Merkel

Chissà che paura s’è presa la Merkel quando ieri le hanno portato la letterina vergata da un certo numero di presidenti di Regione, sindaci e liberi sottoscrittori, tipo Calenda. Un papello pubblicato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, nel quale si leggevano due messaggi. Il primo era un rimprovero per la carenza…

Continua

Basta sciacallaggi delle Destre. Così ammazzano il Paese

Chiamiamolo col suo nome: alto tradimento. Chi sta fomentando anche indirettamente il malcontento che c’è nel Paese, spingendo i cittadini rimasti senza un soldo persino per la spesa ad assaltare i supermercati, sappia che così non si mette in croce il Governo o la maggioranza che lo sostiene, ma la stessa democrazia e i princìpi…

Continua

Dio ci salvi da Draghi premier

Tanto vale farlo santo subito. Mario Draghi, l’uomo della provvidenza, quello che ha salvato l’euro e le cui parole sono Vangelo – sempre sia lodato dal sacro testo Financial Times – è il sogno a occhi aperti di veri e presunti poteri forti, dei giornaloni e di una destra disposta pure a rinnegare se stessa…

Continua

Pechino ci deve risposte

Chi fa giornalismo con serietà non può che tenersi alla larga tanto dai complottisti quanto dai negazionisti. Le fake news sono dietro ogni angolo, e da quando siamo tutti nella rete dei social network i produttori di bufale sono in servizio permanente effettivo. Ma altrettanto è un grave errore far finta di niente quando da…

Continua

Il disonore dei sindacati disfattisti

Mentre scrivo questo articolo il presidente del Consiglio e un manipolo di ministri, anziché occuparsi dell’emergenza sanitarie ed economica, sono riuniti a porte chiuse con i segretari dei grandi sindacati confederali per decidere se oggi insieme al virus avremo la calamità di centinaia di aziende in sciopero, e quei pochi trasporti che permettono di rifornire…

Continua

Regioni più dannose del virus

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende…

Continua

Conte vuole i soldi ma non il Mes. Giusto, però rischiamo una trappola

Scusate la mia brutta abitudine, per cui quando vedo la bava sparsa a fiumi su tv e giornali mi si alza il sopracciglio e sento puzza di bruciato. La brillantissima presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde completamente riabilitata per aver messo una pezza al buco fatto da lei stessa, è un caso tipico della…

Continua

Usare tutte le risorse possibili. Solo così si salva l’Europa

Non ci voleva molto a capirlo, e il fatto che ieri – dopo una netta correzione di rotta – sia arrivata un po’ di calma sui mercati finanziari è la prova che la Banca centrale europea stava sbagliando tutto. Ostinarsi a non tagliare i tassi mentre le principali banche centrali del mondo l’avevano già fatto,…

Continua