Da una riforma al mese alla restaurazione stile Dc

di Gaetano Pedullà

Era il 5 marzo 2013 quando usciva il primo numero di questo giornale. A chi ci chiedeva il motivo di una nuova pubblicazione nel mezzo di una crisi epocale per l’editoria, spiegavamo che si sentiva il bisogno di un giornale autenticamente riformista, capace di rilanciare quelle parole d’ordine con cui Matteo Renzi aveva portato due milioni di italiani a votare ai banchetti del Pd: rottamazione, merito, cambiamento. Passarono i mesi e chi segue La Notizia sa benissimo quanto siamo oggi critici e severi con un premier che non ha mantenuto quelle promesse. Tanto che la sua rottamazione è ormai letta (non solo da noi) come una restaurazione di metodi e scelte democristiane. Per questo la rottamazione del Movimento Cinque Stelle appare oggi come più credibile e genuina. E ha convinto milioni di italiani a voltare le spalle al leader del Governo. Certi segnali però possono essere preziosi se si ha l’umiltà di ragionarci e prendere le dovute contromisure. Renzi valuti quanto gli è stato utile affidare la riforma della Costituzione a un ministro come Maria Elena Boschi. Partiamo da qui.

La Boschi è infatti quel ministro che ha tirato fuori dal cilindro il Senato nominato dalle Regioni (anziché abolirlo del tutto, come avrebbe fatto un vero rottamatore). E andiamo avanti. Valuti Renzi cosa portano riforme tiepide come il Jobs Act, la microscopica riduzione fiscale, l’accettazione supina dei diktat tedeschi ed europei sui conti pubblici, che affamano famiglie e imprese mentre il debito dello Stato addirittura cresce. Valuti cosa gli frutta occupare ogni spazio di potere con i suoi amici e non con le persone più competenti ed efficaci. Valuti a cosa gli servono manager pubblici come l’amministratore delegato dell’Enel, un signore capace di dire in una lezione all’Università che le aziende si cambiano mettendo paura ai collaboratori. Valuti che messaggio dà imporre un direttore generale della Rai che dovrebbero mostrare plasticamente la rottamazione renziana e invece lascia al loro posto persino i personaggi più emblematici della conservazione, come Bruno Vespa (e non solo). I prossimi giorni saranno durissimi nel Pd, con la vecchia guardia che giocherà tutte le ultime carte per riacciuffare quel potere che un giovane amministratore locale da Firenze si è portato via.

RIPRENDERE IL FILO
Se Renzi, al di là del commissariare il partito a destra e manca, dimostrerà di saper riprendere il filo di quel cambiamento promesso agli italiani, può ancora sperare di raddrizzare la rotta. Un segnale chiaro, in tal senso, potrebbe essere l’apertura di una riflessione su una legge elettorale che crea un obbrobrio se messa insieme alla attuale riforma costituzionale. Diversamente l’aria che tira è inequivocabile. E a ottobre il referendum completerà l’opera cominciata dal voto delle amministrative.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua

La finanza cade sempre in piedi

L’ipotesi del complotto per ora non regge. Il tribunale di Trani ha assolto le agenzie di rating Standard & Poor’s e Fitch dall’accusa di aver manipolato il mercato favorendo la grande speculazione che fece impennare lo spread sul nostro debito pubblico nel 2011. Un giochetto che gli italiani pagano ancora. Per effetto di quella crisi…

Continua

Juncker, ma ci faccia il piacere

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è un personaggio buffo. Dopo essere stato al governo del paradiso fiscale Lussemburgo, una volta approdato a Bruxelles è arrivato a darci lezione di sobrietà fiscale. Spiritoso, soprattutto quando ha il fiasco in mano, ieri ha superato se stesso lanciando un anatema alla perfida Albione. “Rimpiangerete l’Unione europea”,…

Continua