Da una riforma al mese alla restaurazione stile Dc

di Gaetano Pedullà

Era il 5 marzo 2013 quando usciva il primo numero di questo giornale. A chi ci chiedeva il motivo di una nuova pubblicazione nel mezzo di una crisi epocale per l’editoria, spiegavamo che si sentiva il bisogno di un giornale autenticamente riformista, capace di rilanciare quelle parole d’ordine con cui Matteo Renzi aveva portato due milioni di italiani a votare ai banchetti del Pd: rottamazione, merito, cambiamento. Passarono i mesi e chi segue La Notizia sa benissimo quanto siamo oggi critici e severi con un premier che non ha mantenuto quelle promesse. Tanto che la sua rottamazione è ormai letta (non solo da noi) come una restaurazione di metodi e scelte democristiane. Per questo la rottamazione del Movimento Cinque Stelle appare oggi come più credibile e genuina. E ha convinto milioni di italiani a voltare le spalle al leader del Governo. Certi segnali però possono essere preziosi se si ha l’umiltà di ragionarci e prendere le dovute contromisure. Renzi valuti quanto gli è stato utile affidare la riforma della Costituzione a un ministro come Maria Elena Boschi. Partiamo da qui.

La Boschi è infatti quel ministro che ha tirato fuori dal cilindro il Senato nominato dalle Regioni (anziché abolirlo del tutto, come avrebbe fatto un vero rottamatore). E andiamo avanti. Valuti Renzi cosa portano riforme tiepide come il Jobs Act, la microscopica riduzione fiscale, l’accettazione supina dei diktat tedeschi ed europei sui conti pubblici, che affamano famiglie e imprese mentre il debito dello Stato addirittura cresce. Valuti cosa gli frutta occupare ogni spazio di potere con i suoi amici e non con le persone più competenti ed efficaci. Valuti a cosa gli servono manager pubblici come l’amministratore delegato dell’Enel, un signore capace di dire in una lezione all’Università che le aziende si cambiano mettendo paura ai collaboratori. Valuti che messaggio dà imporre un direttore generale della Rai che dovrebbero mostrare plasticamente la rottamazione renziana e invece lascia al loro posto persino i personaggi più emblematici della conservazione, come Bruno Vespa (e non solo). I prossimi giorni saranno durissimi nel Pd, con la vecchia guardia che giocherà tutte le ultime carte per riacciuffare quel potere che un giovane amministratore locale da Firenze si è portato via.

RIPRENDERE IL FILO
Se Renzi, al di là del commissariare il partito a destra e manca, dimostrerà di saper riprendere il filo di quel cambiamento promesso agli italiani, può ancora sperare di raddrizzare la rotta. Un segnale chiaro, in tal senso, potrebbe essere l’apertura di una riflessione su una legge elettorale che crea un obbrobrio se messa insieme alla attuale riforma costituzionale. Diversamente l’aria che tira è inequivocabile. E a ottobre il referendum completerà l’opera cominciata dal voto delle amministrative.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’Europa spartita all’Eliseo

Un’Europa più sovrana, efficace e democratica. Il presidente francese Macron e la quasi confermata cancelliera tedesca Merkel hanno deciso che sarà questo il volto dell’Europa che si stanno spartendo, alla faccia del rispetto per la democrazia e la sovranità degli altri Paesi. I due leader partono da un punto incontestabile: così com’è questa Europa non…

Continua

L’inutile guerra a Bettino

Un Paese che guarda avanti utilizzando gli occhiali del passato. E per questo sbatte regolarmente la testa al muro. Non bastassero i problemi che abbiamo, se per un giorno non c’è motivo di polemizzare e di dividerci, ecco che lo costruiamo in quattro e quattr’otto, a costo di spostarci con la memoria alla tangentopoli di…

Continua

Il fantastico Centro per l’impiego

In Italia un centro per l’impiego come quello che aprono oggi i Cinque Stelle non si era visto mai. I posti in palio sono decine e la paga non è male. Nessuna paura se non si dispone di un gran curriculum: basterà che votino un po’ di buoni amici e il gioco è fatto, si…

Continua

De Benedetti, l’autogol delle toghe

Se l’Italia è il Paese dei furbi che conosciamo parte della colpa è di una Giustizia che si fa fatica a comprendere, oltre che sentire giusta. E come credere davvero che la Legge sia uguale per tutti quando sentiamo da una parte il pm Di Matteo risalire agli Assiri e ai Babilonesi pur di incastrare…

Continua

Fake news e altre promesse

Una tassa che viene (sul serio) e una tassa che va (a chiacchiere). Il Pd di Matteo Renzi, convinto sostenitore della nuova imposta sulle buste dell’ortofrutta, si scorda di aver governato negli ultimi cinque anni, e a due mesi dalle elezioni promette l’abolizione del canone Rai. Perché non l’abbia fatto prima è un mistero, mentre…

Continua

La fortuna dei manager perplessi

La tassa sui sacchetti dell’ortofrutta non smette di stupire, non solo per l’approssimazione con cui si è fatta la norma, perfetta per fare incassare i produttori, molto meno per ridurre l’inquinamento. Renzi e il Pd hanno difeso a spada tratta l’iniziativa, senza spiegare però – se è così nobile – per quale motivo l’hanno infilata…

Continua

I voti del Pd gettati via a sacchetti

Matteo Renzi non ci sta a prendersi le maledizioni dei consumatori, centuplicate dai social network, per la norma che fa pagare le bustine dell’ortofrutta. L’esborso ha una nobile motivazione di politica ambientale – rivendica l’ex premier – ed è una fake news che il Parlamento abbia favorito una specifica azienda, facendo riferimento alla Novamont guidata…

Continua

Sui rifiuti chiacchiere e illusioni

Un dialogo tra sordi, dove l’unica cosa che si sente è la puzza di una politica rissosa e inconcludente. Un deputato Cinque Stelle emiliano, tale Michele Dell’Orco, attacca la sua Regione perché “inventa” l’emergenza rifiuti a Roma. Le 15mila tonnellate di spazzatura che la sindaca Raggi ha chiesto di smaltire eventualmente a Bologna sono quanto…

Continua

Agli statali non bastava un regalo

Se si fa un regalo elettorale bisogna farlo bene. E dunque dopo aver aperto il cordone della borsa per dare un aumento di stipendio agli statali, adesso si sta correndo per mettere in busta paga gli arretrati. Soldi da fare arrivare ovviamente un attimo prima del 4 marzo, guarda caso la data delle elezioni. Dopo…

Continua

Cinque anni al minimo sindacale

Il Presidente del Consiglio Gentiloni l’ha detta giusta: il suo Governo ha garantito una fine ordinata della legislatura. Per un esecutivo fotocopia di quello precedente, tirato fuori dal cilindro di Napolitano anziché dalle urne, il risultato minimo è comunque un risultato. Il Paese meritava di più, meritava di meglio? Certo che sì, soprattutto perché le…

Continua