Due Mattei col terrore di sparire

di Gaetano Pedullà

Si dice che al peggio non c’è fine. Ma alla nostra povera Italia che poteva capitare di peggio di un Renzi che mette in bilico il Governo e se ne va a sciare, e di un Salvini che tra croci, rosari e crociate antiabortiste può riportare all’anno zero i diritti civili delle donne? A chi critica, e talvolta anche giustamente, il Governo Conte per le cose che non riesce a fare, sarebbe utile fare osservare che gli assi delle opposizioni all’interno e all’esterno all’Esecutivo hanno perso il lume della ragione.

Il primo, quello del partitino Italia morta, inchiodato al 4% e quasi certamente destinato a sparire dal Parlamento in caso di elezioni subito, ha in testa solo le nomine pubbliche, dove non potrà più piazzare le centinaia di amici e postulanti che ogni anno si presentano alla sua Leopolda, magari con ricche donazioni. Dopo aver usato l’alibi della prescrizione per tirare la corda e tenersi quante più poltrone (gli attuali manager e consiglieri delle partecipate pubbliche sono stati tutti nominati direttamente da lui o dal Governo Gentiloni) ora è terrorizzato che qualche suo parlamentare si metta in salvo da un leader impazzito e torni nel Pd. Così dell’ex rottamatore non ci sarà più bisogno in maggioranza e finalmente potrà andare a fare compagnia al suo omonimo frequentatore del Papeete.

Salvini, dopo l’errore monumentale del tradimento di Di Maio, ha sparato in pochi mesi tutte le cartucce che aveva per tenere i riflettori accesi su di sé, e se dovesse andare avanti così per tre anni arriverà a fine legislatura completamente spompato, facendo riscendere la Lega a livelli vicini al 4% dove l’aveva presa. Per questo, viste le prime avvisaglie in Emilia Romagna e nei sondaggi dove lo incalza la Meloni, non ha scelta che sparare ogni giorno una sciocchezza più grossa. Così a sentire l’ex ministro dell’Interno dovremmo uscire dell’Europa come ha fatto la Gran Bretagna, e pazienza se Londra con la sterlina e il paracadute americano può prendersi dei rischi che per noi con l’euro e 1.400 miliardi di debito pubblico sarebbero invece una certezza: il fallimento dello Stato. Un problemino da niente per chi preferisce andarsene a sciare o agitare il Paese dicendo fesserie.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’Inps patrimonio del Paese

Dopo la Croce rossa, non c’è bersaglio su cui sparare più facile dell’Inps. Il sito internet da dove si accede al bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi e le Partite Iva mercoledì scorso è andato in tilt sotto la pressione di milioni di utenti. I partiti di opposizione con la grancassa delle tv…

Continua

C’è lo spot del Coronavirus

Armiamoci di pazienza e mettiamoci l’anima in pace, a meno di non volerci portare sulla coscienza altre migliaia di vittime. Fino al 13 aprile si deve restare a casa, e contribuire tutti a fermare un’epidemia che sta rallentando, ma può metterci un attimo a ripartire e ad esplodere, soprattutto nelle regioni del Sud dove finora…

Continua

Le Regioni che turbano la Merkel

Chissà che paura s’è presa la Merkel quando ieri le hanno portato la letterina vergata da un certo numero di presidenti di Regione, sindaci e liberi sottoscrittori, tipo Calenda. Un papello pubblicato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, nel quale si leggevano due messaggi. Il primo era un rimprovero per la carenza…

Continua

Basta sciacallaggi delle Destre. Così ammazzano il Paese

Chiamiamolo col suo nome: alto tradimento. Chi sta fomentando anche indirettamente il malcontento che c’è nel Paese, spingendo i cittadini rimasti senza un soldo persino per la spesa ad assaltare i supermercati, sappia che così non si mette in croce il Governo o la maggioranza che lo sostiene, ma la stessa democrazia e i princìpi…

Continua

Dio ci salvi da Draghi premier

Tanto vale farlo santo subito. Mario Draghi, l’uomo della provvidenza, quello che ha salvato l’euro e le cui parole sono Vangelo – sempre sia lodato dal sacro testo Financial Times – è il sogno a occhi aperti di veri e presunti poteri forti, dei giornaloni e di una destra disposta pure a rinnegare se stessa…

Continua

Pechino ci deve risposte

Chi fa giornalismo con serietà non può che tenersi alla larga tanto dai complottisti quanto dai negazionisti. Le fake news sono dietro ogni angolo, e da quando siamo tutti nella rete dei social network i produttori di bufale sono in servizio permanente effettivo. Ma altrettanto è un grave errore far finta di niente quando da…

Continua

Il disonore dei sindacati disfattisti

Mentre scrivo questo articolo il presidente del Consiglio e un manipolo di ministri, anziché occuparsi dell’emergenza sanitarie ed economica, sono riuniti a porte chiuse con i segretari dei grandi sindacati confederali per decidere se oggi insieme al virus avremo la calamità di centinaia di aziende in sciopero, e quei pochi trasporti che permettono di rifornire…

Continua

Regioni più dannose del virus

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende…

Continua

Conte vuole i soldi ma non il Mes. Giusto, però rischiamo una trappola

Scusate la mia brutta abitudine, per cui quando vedo la bava sparsa a fiumi su tv e giornali mi si alza il sopracciglio e sento puzza di bruciato. La brillantissima presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde completamente riabilitata per aver messo una pezza al buco fatto da lei stessa, è un caso tipico della…

Continua

Usare tutte le risorse possibili. Solo così si salva l’Europa

Non ci voleva molto a capirlo, e il fatto che ieri – dopo una netta correzione di rotta – sia arrivata un po’ di calma sui mercati finanziari è la prova che la Banca centrale europea stava sbagliando tutto. Ostinarsi a non tagliare i tassi mentre le principali banche centrali del mondo l’avevano già fatto,…

Continua