Grottesco definire Reddito di “emergenza” un contributo che arriva a babbo morto

di Gaetano Pedullà

Sapete come si dice, no? L’ottimo è nemico del buono. Dalle parti del Governo se ne rammentino, perché mentre aspettiamo il migliore dei decreti economici, famiglie e imprese non ce la fanno più. E definire “di emergenza” un Reddito che arriva a babbo morto sa di grottesco. A frenare questo contributo – e non solo – sono Italia Viva e il Pd, con la scusa di voler evitare le sbavature del Reddito di cittadinanza concretizzato da quegli “incompetenti” dei Cinque Stelle. Quando però entrano in campo “quelli bravi” il risultato è lo stesso di sempre: non si muove foglia.

Nel frattempo dobbiamo prendere atto che la solidarietà in Europa è merce rara, e d’altra parte non è che ne avanzi pure in casa nostra. Se era noto da tempo che c’è un giudice a Berlino, ora sappiamo di un’intera Corte costituzionale pronta a smontare l’argine della Banca centrale europea alla crisi scatenata dal Coronavirus. La riserva sull’acquisto dei titoli di debito pubblico è un’ipoteca sugli stessi valori dell’Ue.

In Italia, invece, chi si conferma senza generosità sono le banche, nelle quali l’Esecutivo ha mal riposto la sua fiducia. Malgrado la copertura pubblica del cento per cento dei rischi, gli istituti di credito continuano a tirar fuori scuse e burocrazia, negando alle piccole aziende che ne hanno fatto richiesta anche quel minimo di liquidità promessa. Di questo in futuro si dovrà tenere conto, soprattutto quando i banchieri torneranno a bussare a Palazzo Chigi o al Ministero dell’economia per avere nuovi aiuti. Perché sia chiaro: nessuno ha chiesto alle banche di fare beneficienza, ma se rinunciano a prestare il denaro senza alcun rischio allora vuol dire che non sanno o non vogliono fare il loro mestiere.

Con questi chiari di luna diventa arduo pensare alla fase successiva, con i finanziamenti a fondo perduto. Se seguiranno le vie maestre, Conte e Gualtieri ci condanneranno a tempi lunghi e nuova burocrazia. Servono perciò sovvenzioni da erogare in modo diretto e veloce, mettendo in conto che persino lo sciacallaggio dei soliti furbi è il male minore rispetto all’economia del Paese che muore.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una destra che ci mette in pericolo

Se ci fossero ancora dubbi, il Centrodestra sceso ieri in piazza ha certificato quanto siamo fortunati ad avere un premier come Giuseppe Conte e non degli irresponsabili con in testa Salvini e Meloni. Il virus che ci lascia 33mila morti e un Paese con l’economia a pezzi sta perdendo potenza, ma questa inutile manifestazione a…

Continua

La stagione delle divisioni inaccettabili

Noi ci lamentiamo, e giustamente, dei governatori di Regione che si contraddicono tra loro e poi tutti insieme fanno guerra al Governo, ma negli Stati Uniti se la passano peggio. La partita delle nostre autonomie locali è grottesca, come s’è visto nella gestione della pandemia e delle riaperture agli spostamenti di domani. Perché siamo arrivati…

Continua

Formigoni ci ricorda dov’è il virus

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana messo alle strette dai pm di Bergamo ha fatto il salto della quaglia e scaricato su Roma la responsabilità della diffusione del Covid nella sua regione. La tesi è che il compito di istituire le famose zone rosse, isolando i focolai del virus, non gli competeva perché toccava al…

Continua

Salviamoci dai matti delle regioni

Ci mancavano solo i governatori che chiudono i confini delle regioni, che per farci passare chiedono il passaporto e se va avanti così tra un po’ si dichiarano guerra tra loro. Non serviva il Coronavirus per mostrare chiaramente che il regionalismo in Italia è un immenso fallimento. Ma la situazione adesso ha raggiunto le soglie…

Continua

Ai sovranisti restano le chiacchiere

Di grande successo in Italia, il cabaret di Salvini e Meloni adesso fa ridere il mondo. Esattamente come usano con il Governo di Giuseppe Conte, a cui i leader sovranisti aggiungono un più davanti a qualunque provvedimento, ieri i leader sovranisti hanno bocciato la poderosa proposta della Commissione europea per superare i disastrosi effetti economici…

Continua

Italia Viva e Paese moribondo

Nulla di nuovo dalla Destra abituata a difendersi dai processi e non nei processi. A meno di una improbabile giravolta dell’Aula del Senato, Matteo Salvini non andrà a processo per la vicenda Open Arms, come chiesto dai pm siciliani. Le novità arrivate dal voto della Giunta per le autorizzazioni sono invece significative per Cinque Stelle…

Continua

Che paura gli assistenti civici

Non ci salvano neppure il volontariato. La destra più becera e cialtrona di sempre, fiancheggiata da giornali e tv costretti a sfidare il senso del ridicolo pur di contestare il governo anche se moltiplicasse i pani e i pesci, ieri non ha trovato di meglio che dichiarare guerra a un esercito di pensionati, di padri,…

Continua

Autostrade e la beffa agli italiani

Il Gruppo che ha incassato miliardi grazie a una concessione pubblica delle autostrade ancora oggi inspiegabilmente vantaggiosa fa causa allo Stato perché la pacchia è finita. Un epilogo inevitabile, perché la vecchia politica non gli ha consegnato soltanto le chiavi di un patrimonio che appartiene a noi tutti, ma ha permesso di blindare legalmente il…

Continua

Chi ha paura del bis della Raggi

Da qualche giorno la romanella dei salotti e degli abusi sfuggiti per decenni al Campidoglio è in agitazione. La Raggi potrebbe candidarsi per un nuovo mandato e se ce la facesse tutte le piaghe dell’Egitto non farebbero altrettanto male. La maturazione del Movimento Cinque Stelle ha fatto comprendere che non disperdere l’esperienza dei suoi portavoce…

Continua

Basta fenomeni da circo

Dopo averne dette di tutti i colori sul Governo e il ministro della Giustizia, Matteo Renzi non ha votato la sfiducia a Conte e Bonafede. Cose da pazzi? No, perché questo signore a furia di piroette non ha più una faccia da perdere e divide il suo tempo strillando per avere potere e poi facendo…

Continua