I finti benefattori di ArcelorMittal

di Gaetano Pedullà

Saltassero fuori le prove di quanto sospetta la Procura di Milano, potremo fregiarci della magra consolazione di essere stati tra i pochi a non genufletterci ai diktat degli indiani di ArcelorMittal. Da quasi tutta la politica fino ai grandi giornali, si è addebitata ai 5 Stelle la responsabilità di aver fatto fuggire un benefattore disposto a darci quattro miliardi per togliere l’inquinamento a Taranto e far lavorare diecimila persone. Per questo era da ingrati togliere una super cazzola come lo scudo penale, cioè il permesso di lasciare un pezzo del nostro Paese all’arbitrio dei generosi indiani invece che alla sovranità dello Stato italiano.

Una deroga al diritto che ha convinto qualcuno anche tra i 5S – ma non noi – malgrado la palese inadempienza sull’inizio dei lavori di messa in sicurezza ambientale, per cui moltissime persone continuano ad ammalarsi e a morire. In pochi siamo rimasti a denunciare la viltà di un Paese che accetta tali condizioni, avvertendo che concessa una volta questa deroga poi si dovrà darla a tutti, e addio così alla possibilità di perseguire i reati ambientali. In più, abbiamo provato ad aprire gli occhi dall’abbaglio di una facile soluzione – con ArcelorMittal o chicchessia – di uno dei più gravi problemi di riconversione industriale del Paese.

Ora i giudici sospettano che gli indiani abbiano preso l’ex Ilva col preciso disegno di chiuderla e tenersi i clienti a cui vendere i prodotti a basso costo e alto inquinamento made in Asia. Vedremo se salteranno fuori le prove, ma intanto sarebbe bene smettere di aspettare gli investitori esteri col cappello in mano e discernere tra imprenditori e prenditori, tra chi porta sviluppo e chi povertà, perché il denaro è tutto uguale ma come lo si utilizza no. E per curare i grandi mali lasciar perdere le aspirine e incidere profondamente, come va fatto dicendo basta a un’acciaieria aperta in mezzo a una città.

Di chiudere a Taranto però non si parla, perché gli esperti dicono che siamo un Paese manifatturiero, anche se nessuno ci spiega perché neppure tedeschi e francesi hanno acciaierie delle dimensioni dei cinesi e giapponesi, e però le loro industrie campano benissimo comprando, e pagando sempre meno, tutto l’acciaio che gli serve.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

C’è lo spot del Coronavirus

Armiamoci di pazienza e mettiamoci l’anima in pace, a meno di non volerci portare sulla coscienza altre migliaia di vittime. Fino al 13 aprile si deve restare a casa, e contribuire tutti a fermare un’epidemia che sta rallentando, ma può metterci un attimo a ripartire e ad esplodere, soprattutto nelle regioni del Sud dove finora…

Continua

Le Regioni che turbano la Merkel

Chissà che paura s’è presa la Merkel quando ieri le hanno portato la letterina vergata da un certo numero di presidenti di Regione, sindaci e liberi sottoscrittori, tipo Calenda. Un papello pubblicato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, nel quale si leggevano due messaggi. Il primo era un rimprovero per la carenza…

Continua

Basta sciacallaggi delle Destre. Così ammazzano il Paese

Chiamiamolo col suo nome: alto tradimento. Chi sta fomentando anche indirettamente il malcontento che c’è nel Paese, spingendo i cittadini rimasti senza un soldo persino per la spesa ad assaltare i supermercati, sappia che così non si mette in croce il Governo o la maggioranza che lo sostiene, ma la stessa democrazia e i princìpi…

Continua

Dio ci salvi da Draghi premier

Tanto vale farlo santo subito. Mario Draghi, l’uomo della provvidenza, quello che ha salvato l’euro e le cui parole sono Vangelo – sempre sia lodato dal sacro testo Financial Times – è il sogno a occhi aperti di veri e presunti poteri forti, dei giornaloni e di una destra disposta pure a rinnegare se stessa…

Continua

Pechino ci deve risposte

Chi fa giornalismo con serietà non può che tenersi alla larga tanto dai complottisti quanto dai negazionisti. Le fake news sono dietro ogni angolo, e da quando siamo tutti nella rete dei social network i produttori di bufale sono in servizio permanente effettivo. Ma altrettanto è un grave errore far finta di niente quando da…

Continua

Il disonore dei sindacati disfattisti

Mentre scrivo questo articolo il presidente del Consiglio e un manipolo di ministri, anziché occuparsi dell’emergenza sanitarie ed economica, sono riuniti a porte chiuse con i segretari dei grandi sindacati confederali per decidere se oggi insieme al virus avremo la calamità di centinaia di aziende in sciopero, e quei pochi trasporti che permettono di rifornire…

Continua

Regioni più dannose del virus

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende…

Continua

Conte vuole i soldi ma non il Mes. Giusto, però rischiamo una trappola

Scusate la mia brutta abitudine, per cui quando vedo la bava sparsa a fiumi su tv e giornali mi si alza il sopracciglio e sento puzza di bruciato. La brillantissima presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde completamente riabilitata per aver messo una pezza al buco fatto da lei stessa, è un caso tipico della…

Continua

Usare tutte le risorse possibili. Solo così si salva l’Europa

Non ci voleva molto a capirlo, e il fatto che ieri – dopo una netta correzione di rotta – sia arrivata un po’ di calma sui mercati finanziari è la prova che la Banca centrale europea stava sbagliando tutto. Ostinarsi a non tagliare i tassi mentre le principali banche centrali del mondo l’avevano già fatto,…

Continua

Tutti noi più generosi di Silvio

A caval donato non si guarda in bocca e quindi grazie alla famiglia Agnelli, a Silvio Berlusconi e a Giuseppe Caprotti, figlio del fondatore di Esselunga, per aver donato dieci milioni ciascuno e respiratori da destinare ai nostri ospedali. Certo, se consideriamo i patrimoni di questi signori è stato più generoso il Movimento 5 Stelle,…

Continua