I rischi dello Stato imprenditore

di Gaetano Pedullà

Ci risiamo con lo Stato che fa l’imprenditore. Dopo le montagne di soldi pubblici gettati dalla finestra prima e durante la stagione dell’Iri, malgrado l’inevitabile clientelismo e l’inefficienza che si è sempre generata quando tra convenienze politiche ed esigenze manageriali sono prevalse sistematicamente le seconde. Perciò persino all’estrema Sinistra, lì dove il liberismo economico è ancora considerato sinonimo di sfruttamento dei lavoratori, sono rimasti in pochi a negare che nulla è più efficace dell’iniziativa dei privati all’interno, però, di un preciso quadro regolatorio.

Dei carrozzoni pubblici, insomma, non c’è affatto nostalgia, ma non si può nascondere che quel modello di Stato leggero che ha permesso ai grandi fornitori (pensiamo solo alla sanità privata) e ai concessionari di riempirsi le tasche , alla fine è ai comuni cittadini che lascia il suo bel conto da pagare. Un conto che unito all’enorme debito pubblico, alla bassa crescita economica e alla crisi di alcune aziende finite in più generali crisi industriali, non lascia scelta se non a un ritorno breve e ponderato dello Stato che fa impresa. I casi ormai sotto gli occhi di tutti sono quelli di Alitalia e ex Ilva, ma c’è un’altra vicenda, per quanto un po’ più datata, che non si può ignorare, perché a Siena il Ministero dell’Economia è già da oltre tre anni che è tornato a fare pure il banchiere, e a quanto pare presto continuerà a indossare lo stesso abito in Puglia, soccorrendo la Popolare di Bari.

Il contesto generale, si dirà, non lascia scelta, e non c’è dubbio che lo Stato per un periodo breve può gestire l’Ilva o salvare l’Alitalia, ma qui non c’è nulla di più definitivo di certe decisioni temporanee, e proprio la faccenda del prestito ponte da 900 milioni all’ex compagnia di bandiera è la prova che finito un tesoretto ne serve un altro. Così come è necessario che le autostrade siano rimesse a gara per consentire al privato di gestirle al meglio ma senza strapparci utili fuori mercato e assicurandosi che faccia le manutenzioni, allo stesso modo dalle banche all’Ilva lo Stato può svolgere un’azione di supplenza, ma non più di questa, se non vogliamo rifare gli stessi costosissimi errori del passato.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’arbitro che diventa goleador

Ci mancava l’arbitro che si finge super partes e poi fa gol nella porta avversaria. Il voto decisivo della presidente del Senato Casellati sulla vicenda Gregoretti segna un altro cedimento delle nostre istituzioni alle logiche politiche di parte, in un contesto in cui persino la Corte costituzionale è attaccata violentemente da Salvini per aver bocciato…

Continua

Che errore le urne su misura

Se non l’avessimo letto con i nostri occhi non potremmo crederci: la bocciatura del referendum sulla legge elettorale proposto dalla Lega “è un furto di democrazia” da parte di “Pd e Cinque Stelle che sono e restano attaccati alle poltrone”. Parole di Matteo Salvini, lo stesso che vuole buttare 300 milioni di soldi pubblici per…

Continua

Chi sta lacerando il Paese

Fino al momento in cui scrivo questo fondo non è scoppiata alcuna bomba nella sede di Repubblica, ma l’allarme che ieri sera ha costretto giornalisti e personale ad evacuare di corsa l’edificio è solo l’ultimo segnale di un’insopportabile stagione di intolleranza. In tanti hanno commentato che quel giornale se l’è cercata, perché sempre ieri titolava…

Continua

I sovranisti travolti dal treno giusto dell’Europa

Tolti i soliti arnesi della propaganda elettorale, una delle poche contestazioni mosse seriamente ai Cinque Stelle è quella di essersi presentati come forza politica anti-europea, mentre oggi sostengono un Governo europeista col Pd. Detta così, il Movimento avrebbe fregato i suoi sostenitori e pertanto merita di essere ricambiato con la stessa moneta, magari dirottando i…

Continua

Gasparri arbitro cornuto

Chi può reciti un Pateravegloria per Maurizio Gasparri. Il presidente della Giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato ieri mattina si sentiva così sicuro di poter aiutare Matteo Salvini sulla vicenda Gregoretti da promettere di fare l’arbitro in Commissione. Ora si sa che per definizione l’arbitro è cornuto, e infatti poche ore più tardi…

Continua

Inqualificabile giravolta della Lega sul taglio dei parlamentari. Ecco chi tradisce davvero gli elettori

Che voltagabbana che sono i 5 Stelle, traditori e attaccati alle poltrone. Dal Tav in poi, ogni promessa non mantenuta è colpa loro. E pazienza se non è stato possibile fermare i cantieri in Val di Susa perché tutto il Parlamento ha votato contro. E che dire del voto alla von der Leyen? Il Movimento…

Continua

Niente sconti ai signori del casello. I tempi sono maturi per recuperare un asset pagato con risorse dei cittadini

Uno Stato che rispetta il principio di legalità non può ricorrere mai alla vendetta, fosse anche di fronte a un grave torto come quello che tutti noi italiani abbiamo subito quando si sono affidate le nostre autostrade ai concessionari privati. Tale scelta in linea di principio non è sbagliata, perché negli anni d’oro delle partecipazioni…

Continua

Solo la stampa nemica dei 5S non sbaglia. Turchi e russi alimentano la crisi in Libia, ma si spara a senso unico su Di Maio

Voce di popolo – si dice – voce di Dio. Ma seppure quasi tutti i giornali sparino a senso unico sul ruolo marginale dell’Italia e del ministro Luigi Di Maio nella crisi libica, qui si capisce perché il suddetto popolo alla stampa crede pochissimo, e a buona ragione. Lasciamo perdere perciò quelle che sono libere…

Continua

Di Maio paga il conto di Trenitalia

I miei ormai affezionati haters, cioè gli odiatori seriali che a prescindere da ciò che dica o scriva mi coprono d’insulti sui social, non si scaldino subito: sono perfettamente consapevole che la situazione in Iraq e in Libia è così grave da rischiare una terza guerra mondiale. Allo stesso tempo ho ben chiaro che in…

Continua

Come volevasi dimostrare Salvini ha raccontato l’ennesima bugia

Come volevasi dimostrare, nelle carte consegnate da Matteo Salvini sulla vicenda Gregoretti non c’è traccia di un coinvolgimento diretto del premier Giuseppe Conte o dell’allora vicepremier Luigi Di Maio nel sequestro dei naufraghi sulla nave italiana; e come volevasi dimostrare il leader leghista non fa una piega su questa ennesima bugia, di cui peraltro non…

Continua