I rischi dello Stato imprenditore

di Gaetano Pedullà

Ci risiamo con lo Stato che fa l’imprenditore. Dopo le montagne di soldi pubblici gettati dalla finestra prima e durante la stagione dell’Iri, malgrado l’inevitabile clientelismo e l’inefficienza che si è sempre generata quando tra convenienze politiche ed esigenze manageriali sono prevalse sistematicamente le seconde. Perciò persino all’estrema Sinistra, lì dove il liberismo economico è ancora considerato sinonimo di sfruttamento dei lavoratori, sono rimasti in pochi a negare che nulla è più efficace dell’iniziativa dei privati all’interno, però, di un preciso quadro regolatorio.

Dei carrozzoni pubblici, insomma, non c’è affatto nostalgia, ma non si può nascondere che quel modello di Stato leggero che ha permesso ai grandi fornitori (pensiamo solo alla sanità privata) e ai concessionari di riempirsi le tasche , alla fine è ai comuni cittadini che lascia il suo bel conto da pagare. Un conto che unito all’enorme debito pubblico, alla bassa crescita economica e alla crisi di alcune aziende finite in più generali crisi industriali, non lascia scelta se non a un ritorno breve e ponderato dello Stato che fa impresa. I casi ormai sotto gli occhi di tutti sono quelli di Alitalia e ex Ilva, ma c’è un’altra vicenda, per quanto un po’ più datata, che non si può ignorare, perché a Siena il Ministero dell’Economia è già da oltre tre anni che è tornato a fare pure il banchiere, e a quanto pare presto continuerà a indossare lo stesso abito in Puglia, soccorrendo la Popolare di Bari.

Il contesto generale, si dirà, non lascia scelta, e non c’è dubbio che lo Stato per un periodo breve può gestire l’Ilva o salvare l’Alitalia, ma qui non c’è nulla di più definitivo di certe decisioni temporanee, e proprio la faccenda del prestito ponte da 900 milioni all’ex compagnia di bandiera è la prova che finito un tesoretto ne serve un altro. Così come è necessario che le autostrade siano rimesse a gara per consentire al privato di gestirle al meglio ma senza strapparci utili fuori mercato e assicurandosi che faccia le manutenzioni, allo stesso modo dalle banche all’Ilva lo Stato può svolgere un’azione di supplenza, ma non più di questa, se non vogliamo rifare gli stessi costosissimi errori del passato.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’inganno degli scudi penali

A situazioni straordinarie non serve a niente rispondere con misure ordinarie. Un concetto semplice, che in Europa stentano a capire, ma che qui in Italia qualcuno a modo suo ha capito benissimo, e non gli pare vero di approfittarne. Sull’Unione europea ormai c’è rimasto poco da dire. Germania e Olanda continuano a porre il veto…

Continua

L’Inps patrimonio del Paese

Dopo la Croce rossa, non c’è bersaglio su cui sparare più facile dell’Inps. Il sito internet da dove si accede al bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi e le Partite Iva mercoledì scorso è andato in tilt sotto la pressione di milioni di utenti. I partiti di opposizione con la grancassa delle tv…

Continua

C’è lo spot del Coronavirus

Armiamoci di pazienza e mettiamoci l’anima in pace, a meno di non volerci portare sulla coscienza altre migliaia di vittime. Fino al 13 aprile si deve restare a casa, e contribuire tutti a fermare un’epidemia che sta rallentando, ma può metterci un attimo a ripartire e ad esplodere, soprattutto nelle regioni del Sud dove finora…

Continua

Le Regioni che turbano la Merkel

Chissà che paura s’è presa la Merkel quando ieri le hanno portato la letterina vergata da un certo numero di presidenti di Regione, sindaci e liberi sottoscrittori, tipo Calenda. Un papello pubblicato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, nel quale si leggevano due messaggi. Il primo era un rimprovero per la carenza…

Continua

Basta sciacallaggi delle Destre. Così ammazzano il Paese

Chiamiamolo col suo nome: alto tradimento. Chi sta fomentando anche indirettamente il malcontento che c’è nel Paese, spingendo i cittadini rimasti senza un soldo persino per la spesa ad assaltare i supermercati, sappia che così non si mette in croce il Governo o la maggioranza che lo sostiene, ma la stessa democrazia e i princìpi…

Continua

Dio ci salvi da Draghi premier

Tanto vale farlo santo subito. Mario Draghi, l’uomo della provvidenza, quello che ha salvato l’euro e le cui parole sono Vangelo – sempre sia lodato dal sacro testo Financial Times – è il sogno a occhi aperti di veri e presunti poteri forti, dei giornaloni e di una destra disposta pure a rinnegare se stessa…

Continua

Pechino ci deve risposte

Chi fa giornalismo con serietà non può che tenersi alla larga tanto dai complottisti quanto dai negazionisti. Le fake news sono dietro ogni angolo, e da quando siamo tutti nella rete dei social network i produttori di bufale sono in servizio permanente effettivo. Ma altrettanto è un grave errore far finta di niente quando da…

Continua

Il disonore dei sindacati disfattisti

Mentre scrivo questo articolo il presidente del Consiglio e un manipolo di ministri, anziché occuparsi dell’emergenza sanitarie ed economica, sono riuniti a porte chiuse con i segretari dei grandi sindacati confederali per decidere se oggi insieme al virus avremo la calamità di centinaia di aziende in sciopero, e quei pochi trasporti che permettono di rifornire…

Continua

Regioni più dannose del virus

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende…

Continua

Conte vuole i soldi ma non il Mes. Giusto, però rischiamo una trappola

Scusate la mia brutta abitudine, per cui quando vedo la bava sparsa a fiumi su tv e giornali mi si alza il sopracciglio e sento puzza di bruciato. La brillantissima presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde completamente riabilitata per aver messo una pezza al buco fatto da lei stessa, è un caso tipico della…

Continua