I sovranisti travolti dal treno giusto dell’Europa

di Gaetano Pedullà

Tolti i soliti arnesi della propaganda elettorale, una delle poche contestazioni mosse seriamente ai Cinque Stelle è quella di essersi presentati come forza politica anti-europea, mentre oggi sostengono un Governo europeista col Pd. Detta così, il Movimento avrebbe fregato i suoi sostenitori e pertanto merita di essere ricambiato con la stessa moneta, magari dirottando i consensi sul fronte sovranista, all’apparenza più coerente. La ragione sta nel fatto che Bruxelles ha calpestato i diritti fondamentali di milioni di cittadini, utilizzando l’alibi del rigore sui conti pubblici e del mercato. Così ha massacrato il welfare e la crescita dei Paesi più indebitati, tra cui l’Italia, e saccheggiato interi Stati a partire dalla Grecia.

Perciò è solo folle appoggiare quell’Europa, se però quell’Europa ci fosse ancora. Non tanto per generosità, ma perché la stessa locomotiva tedesca arranca per l’economia in stagnazione, e l’avanzata delle Le Pen e dei Salvini ha dato la sveglia a Parigi e Berlino, il nuovo corso intrapreso dalla Commissione della von der Leyen punta a una solidarietà e a un Green deal mai visti prima, tanto da lanciare ieri un piano da mille miliardi per arrivare all’obiettivo di emissioni zero nel 2050. Insomma, proprio adesso che l’Ue inizia a darci quello che ci serve, la Lega, Fratelli d’Italia e altri avventurieri vogliono dichiararle guerra, con personaggi che spaziano da Borghi a Paragone, il cui solo nome fa salire di decine di punti lo spread, cioè gli interessi che tutti noi paghiamo sul debito.

Questo cappio, si dirà, al pari degli altri accordi finanziari e monetari sottoscritti dall’Italia non può condizionare all’infinito le nostre scelte economiche, ma quando le regole non piacciono più si cambiano – come stanno contribuendo a fare i Cinque Stelle e il Governo Conte – oppure si rompono, se però si ha la forza di farlo. Una forza che non hanno avuto neppure gli inglesi – per non andare lontano con la memoria – arenatisi per anni sulla Brexit malgrado la sterlina e la fortuna di non trascinarsi il debito pubblico di quasi 2.500 miliardi che abbiamo.
Fossero coerenti per davvero, i sovranisti dovrebbero invece informare gli italiani e il partito del Pil, a cui continuamente si rivolgono, su come finanzieranno con nuovo deficit la flat tax e tutte le meraviglie che promettono, facendoci saltare dalla Comunità europea e dall’Euro giusto adesso che Bruxelles stanzia una barca di quattrini e la Banca centrale mantiene i tassi più bassi di sempre, sostenendo con l’immissione di liquidità finanziaria la ripartenza del credito a famiglie e piccole imprese.

Certo, così serviranno ancora tempo e molti sacrifici per rimettere forse in piedi la nostra economia, ma con le soluzioni shock il risultato è certo, e porta in un baratro dove – semmai finiremo – avremo moltissimi anni per pentirci di aver dato credito alle sparate demagogiche di Salvini e dei suoi compari.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

M5S, Pd e la saggezza tra alleati

Quando si vede un brutto film è da matti pagare il biglietto per rivederlo ancora. Eppure nella politica italiana i casi da psichiatria non mancano e dunque non c’è da meravigliarsi di nulla. Il soggetto della vecchia pellicola è un tradimento ambientato sulla spiaggia del Papeete, quando l’estate scorsa Matteo Salvini pugnalò Luigi Di Maio…

Continua

Le Regionali e tre lezioni per il futuro di Governo e Cinque Stelle

La maledizione dei referendum sulla propria persona colpisce anche l’altro Matteo, dopo Renzi tocca a Salvini, e l’appuntamento col citofono di Palazzo Chigi per far sloggiare il premier Conte è rinviato almeno di un anno, ma forse per tutta la durata della legislatura. Il leader della Lega e i suoi improbabili esperti di democrazia parlamentare…

Continua

Un voto determinante per consentire al Governo di far ripartire il Paese

Quello del silenzio elettorale è il giorno in cui pensare che Paese siamo e dove vogliamo andare. Al di là degli aspetti locali e delle rassicurazioni che arrivano da Palazzo Chigi e dintorni, il voto in Emilia Romagna e Calabria avrà ripercussioni sull’Esecutivo e potenzialmente sulla fine della legislatura e sul ritorno al Governo del…

Continua

È Vespa il padrone della Rai

Se ne doveva andare Bruno Vespa e invece se n’è andato Luigi Di Maio. Basta questo per spiegare – meglio di tante raffinate analisi politiche – la parabola dei Cinque Stelle. La forza che aveva promesso un profondo cambiamento nel Paese ha tollerato che restasse intatto l’emblema più visibile, quasi sacro, della conservazione del vecchio…

Continua

Aspettate a seppellire Luigi

Chi ha tirato fuori lo Champagne per festeggiare la caduta di Luigi Di Maio aspetti a stappare. In un Paese dove le carriere politiche durano decenni, un leader di appena 33 anni, con capacità e un non indifferente seguito personale può rallentare a una curva, ma chissà poi quanta altra strada può fare. Luigi (come…

Continua

All’Ilva si è sventata una rapina

Strike sulle bugie dell’Ilva. Nelle memorie dei commissari straordinari depositate ieri al tribunale di Milano c’è finalmente la verità su mesi di battaglie per lo scudo penale. La decisione di togliere questa sorta di privilegio feudale (presa dal Governo Conte 1 su pressione del Movimento Cinque Stelle) fu usata dal colosso dell’acciaio ArcelorMittal per provare…

Continua

Silvio Pellico si rivolta nella tomba

Visto che Carnevale arriva dopo le prossime regionali, per fare in tempo a mascherarsi da Silvio Pellico e rendere credibile il travestimento annunciando il rischio di finire in prigione, a Matteo Salvini non restava che spararsi sui piedi. La maggioranza, altrettanto in vena di scherzi, gli ha giocato un brutto tiro non presentandosi in Giunta…

Continua

L’arbitro che diventa goleador

Ci mancava l’arbitro che si finge super partes e poi fa gol nella porta avversaria. Il voto decisivo della presidente del Senato Casellati sulla vicenda Gregoretti segna un altro cedimento delle nostre istituzioni alle logiche politiche di parte, in un contesto in cui persino la Corte costituzionale è attaccata violentemente da Salvini per aver bocciato…

Continua

Che errore le urne su misura

Se non l’avessimo letto con i nostri occhi non potremmo crederci: la bocciatura del referendum sulla legge elettorale proposto dalla Lega “è un furto di democrazia” da parte di “Pd e Cinque Stelle che sono e restano attaccati alle poltrone”. Parole di Matteo Salvini, lo stesso che vuole buttare 300 milioni di soldi pubblici per…

Continua

Chi sta lacerando il Paese

Fino al momento in cui scrivo questo fondo non è scoppiata alcuna bomba nella sede di Repubblica, ma l’allarme che ieri sera ha costretto giornalisti e personale ad evacuare di corsa l’edificio è solo l’ultimo segnale di un’insopportabile stagione di intolleranza. In tanti hanno commentato che quel giornale se l’è cercata, perché sempre ieri titolava…

Continua