Il Vaticano affronti i suoi guai o cadono le fondamenta

di Gaetano Pedullà

A volte ci sono segni profetici, capaci di mostrarci qualcosa che può avvenire, affinché ci si pensi meglio prima di favorire con i propri gesti il concretizzarsi del presagio. Il crollo nella chiesa di San Giuseppe dei falegnami, nel cuore di Roma, tempio affidato a un influente gesuita, strettissimo collaboratore di Papa Francesco, ha in se tutti gli elementi di un preciso avvertimento: una Chiesa a lungo trascurata viene giù rovinosamente. Chissà se ad appena qualche centinaio di metri di distanza, in Vaticano, si terrà conto di un tale oracolo, o si continuerà ad affrontare la fragilità delle massime istituzioni cattoliche esattamente come ha fatto la società delle Autostrade con il ponte di Genova. Dai primi atti dopo la diffusione del memoriale di monsignor Carlo Maria Viganò, non c’è molto di essere ottimisti. L’arcivescovo, con un gesto inedito nelle alte gerarchie, ha accusato pubblicamente il Pontefice di aver coperto alcuni potenti cardinali americani, pur sapendo delle loro intollerabili perversioni sessuali.

Il Papa ha risposto decidendo di non rispondere, lasciando intuire che si è trattato di una ripicca dell’ex nunzio negli Stati Uniti per la mancata promozione a cardinale. Ovviamente adesso l’ala più conservatrice della Chiesa, con le sue propaggini nei movimenti ecclesiali, nella politica e nella cultura, sta soffiando sullo scandalo sognando di arrivare persino alle dimissioni di un Santo Padre contestatissimo, perché considerato terzomondista, troppo tollerante sui temi etici e in estrema sintesi di Sinistra. Da parte sua, Francesco non sta affrontando adeguatamente la questione, limitandosi come un disco rotto a chiedere scusa in lungo e in largo per i peccati dei sacerdoti. Così il sospetto logora le fondamenta della Chiesa, mentre la battaglia di potere in corso prosegue come una guerra tra bande che di cristiano hanno davvero ben poco. Nel frattempo il cancro della pedofilia e in subordine della mancata osservanza dell’obbligo della castità continuano a non essere affrontati fino in fondo, e si va avanti come è stato fatto con la chiesa a cui è caduto ieri il tetto a Roma. Una follia, a meno di sperare in un miracolo o nella solita provvidenza.

Commenti

  1. honhil

    L’invasione programmata era ed è una truffa in tutti i sensi. Con una catena criminale che inizia con i commercianti di carne umana e finisce nei ‘centri d’accoglienza’ alla fiorentina. Intanto, da qualche parte, qualcuno scrive che le foto su cui il Papa ha fatto le sue riflessioni sulle torture che avvengono nei centri libici sono, invece, ‘opera dei trafficanti in Nigeria’. Essendo state rubate lì quelle immagini. Tuttavia, papa Bergoglio, bisogna capirlo. Era sotto scopa per i preti pedofili in Irlanda e nel resto del mondo, ma, soprattutto, per quell’indice dell’ex nunzio negli Stati Uniti, Carlo Maria Viganò, puntato contro. Qualcosa, per allontanare da sé quei tre o quattro miliardi di occhi accusatori puntati addosso, la doveva fare, e, da buon gesuita, sapendo che niente è più efficace in questi casi che dare in pasto agli avvoltoi dell’altra carne sanguinolenta, ha creato il suo bravo diversivo. E poco importava, se quelle foto raccontavo tutta un’altra storia. La cosa veramente importare era stornare l’attenzione, da sé. Vuol dire che i libici porteranno pazienza. Anche se sempre di trafficanti di carne umana si tratta. La domanda che emerge prepotentemente da ciò, però, è questa: ma di un Papa così che se ne fanno i credenti (e anche i non credenti)? Svenduta insomma la credibilità, di questo Francesco e di questa sinistra, che resta?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La lezione della Brexit. Dalla tela di ragno di Bruxelles non c’è modo di uscire

Doveva essere un matrimonio d’amore o alla peggio d’interesse, e invece per molti Paesi l’Unione europea è diventata un costoso ménage, da cui per di più è impossibile divorziare. Il catastrofico verdetto del Parlamento di Londra alla Brexit negoziata dalla premier Theresa May è la prova che da questa tela di ragno non c’è modo…

Continua

Finito il principio per cui chi ha ucciso in nome di ideali comunisti e rivoluzionari non ne risponde

Preso Battisti, a sentire certi sapientoni di Sinistra il Governo ha strumentalizzato l’occasione per fare un po’ di passerella. Ci avesse pensato qualcun altro prima, la foto opportunity sarebbe stata diversa. Il punto è che nessuno è riuscito ad acchiappare prima questo assassino perché c’è una parte politica che ne ha coperto per 37 anni…

Continua

La legittima difesa del Governo

A leggere i giornali di ieri sembrava di vivere in due mondi diversi. Ad eccezione della Notizia e della Verità su tutti gli altri c’erano pagine e pagine sul logoramento della maggioranza, retroscena di veti incrociati su Reddito di cittadinanza e Quota cento, persino le previsioni di una imminente secessione di Salvini da Di Maio.…

Continua

La grande bufala del Governo sotto a un treno

Neanche il tempo di smentire la bufala dell’imminente caduta del Governo per i migranti sbarcati a Malta che ecco nuovi clamorosi scoop sui giornali dello sfascio. Grillo si è convertito ai vaccini come Renzi e Burioni, Lega e Cinque Stelle sono alla rottura totale su Tav e trivelle, il Reddito di cittadinanza slitta perché c’è…

Continua

La fermezza non dimentichi l’umanità

Troppo preso dalle grandi manovre dei partiti sovranisti in Europa, Matteo Salvini si è accorto solo ieri in Polonia che il Governo di cui è vicepremier è coinvolto da giorni in una trattativa per non far pagare ai 49 disperati a largo di Malta tutte le responsabilità e le contraddizioni di Bruxelles sui migranti. Furibondo…

Continua

Le nomine al Consiglio superiore di Sanità. Ipocrisia su politica e scienza

Parlano di scienza ma la storia che ci raccontano è di fantascienza. Ieri un manipolo di parlamentari del Pd, la loro gazzetta di riferimento – la Repubblica – e qualche professorone di complemento si sono indignati per la richiesta della ministra Grillo di sapere se i luminari che deve nominare nel prossimo Consiglio superiore di…

Continua

L’allarmante telefonata dalla Apple

Abbiate un po’ di pazienza e presto in qualche dibattito tv sentirete il tuttologo di turno che ci spiegherà come anche il crollo in Borsa della Apple è colpa di 5 Stelle e Lega, colpevoli di destabilizzare i mercati e creare incertezza in Europa e nel mondo con le loro spinte populiste e sovraniste. Purtroppo…

Continua

Dopo la carriola spunta il reato di monopattino

Dopo il famigerato reato di carriola contestato al padre di Luigi Di Maio adesso c’è chi invoca una pena per il monopattino. In questa Italia devastata da decenni di giganteschi abusi di potere, per non parlare di quelli edilizi e finanziari, nei giorni scorsi il settimanale Oggi ha fotografato Davide Casaleggio in giro per Milano…

Continua

Un augurio concreto dalla Notizia

La Notizia, come sanno bene i nostri lettori, non esce la domenica e il lunedì, e pertanto questo è per noi l’ultimo numero del 2018. Non vi mando di traverso gli avanzi del panettone con l’ennesimo papello di considerazioni e di bilanci, ma se dovessi definire l’anno che finisce con un’unica parola direi che è…

Continua

La Manovra per quanto virtuosa può fare poco. Ora più che mai servono nuove regole europee

Quello della Manovra non è stato un percorso facile e il lavoro più difficile comincerà dal giorno dopo l’approvazione definitiva, che presumibilmente arriverà alla Camera venerdì prossimo. Il parto è stato difficoltoso non perché la formulazione finale – che oggi leggeremo nel maxiemendamento del Governo – sia stata scritta a Bruxelles, ma perché una volta…

Continua