Il Vaticano affronti i suoi guai o cadono le fondamenta

di Gaetano Pedullà

A volte ci sono segni profetici, capaci di mostrarci qualcosa che può avvenire, affinché ci si pensi meglio prima di favorire con i propri gesti il concretizzarsi del presagio. Il crollo nella chiesa di San Giuseppe dei falegnami, nel cuore di Roma, tempio affidato a un influente gesuita, strettissimo collaboratore di Papa Francesco, ha in se tutti gli elementi di un preciso avvertimento: una Chiesa a lungo trascurata viene giù rovinosamente. Chissà se ad appena qualche centinaio di metri di distanza, in Vaticano, si terrà conto di un tale oracolo, o si continuerà ad affrontare la fragilità delle massime istituzioni cattoliche esattamente come ha fatto la società delle Autostrade con il ponte di Genova. Dai primi atti dopo la diffusione del memoriale di monsignor Carlo Maria Viganò, non c’è molto di essere ottimisti. L’arcivescovo, con un gesto inedito nelle alte gerarchie, ha accusato pubblicamente il Pontefice di aver coperto alcuni potenti cardinali americani, pur sapendo delle loro intollerabili perversioni sessuali.

Il Papa ha risposto decidendo di non rispondere, lasciando intuire che si è trattato di una ripicca dell’ex nunzio negli Stati Uniti per la mancata promozione a cardinale. Ovviamente adesso l’ala più conservatrice della Chiesa, con le sue propaggini nei movimenti ecclesiali, nella politica e nella cultura, sta soffiando sullo scandalo sognando di arrivare persino alle dimissioni di un Santo Padre contestatissimo, perché considerato terzomondista, troppo tollerante sui temi etici e in estrema sintesi di Sinistra. Da parte sua, Francesco non sta affrontando adeguatamente la questione, limitandosi come un disco rotto a chiedere scusa in lungo e in largo per i peccati dei sacerdoti. Così il sospetto logora le fondamenta della Chiesa, mentre la battaglia di potere in corso prosegue come una guerra tra bande che di cristiano hanno davvero ben poco. Nel frattempo il cancro della pedofilia e in subordine della mancata osservanza dell’obbligo della castità continuano a non essere affrontati fino in fondo, e si va avanti come è stato fatto con la chiesa a cui è caduto ieri il tetto a Roma. Una follia, a meno di sperare in un miracolo o nella solita provvidenza.

Commenti

  1. honhil

    L’invasione programmata era ed è una truffa in tutti i sensi. Con una catena criminale che inizia con i commercianti di carne umana e finisce nei ‘centri d’accoglienza’ alla fiorentina. Intanto, da qualche parte, qualcuno scrive che le foto su cui il Papa ha fatto le sue riflessioni sulle torture che avvengono nei centri libici sono, invece, ‘opera dei trafficanti in Nigeria’. Essendo state rubate lì quelle immagini. Tuttavia, papa Bergoglio, bisogna capirlo. Era sotto scopa per i preti pedofili in Irlanda e nel resto del mondo, ma, soprattutto, per quell’indice dell’ex nunzio negli Stati Uniti, Carlo Maria Viganò, puntato contro. Qualcosa, per allontanare da sé quei tre o quattro miliardi di occhi accusatori puntati addosso, la doveva fare, e, da buon gesuita, sapendo che niente è più efficace in questi casi che dare in pasto agli avvoltoi dell’altra carne sanguinolenta, ha creato il suo bravo diversivo. E poco importava, se quelle foto raccontavo tutta un’altra storia. La cosa veramente importare era stornare l’attenzione, da sé. Vuol dire che i libici porteranno pazienza. Anche se sempre di trafficanti di carne umana si tratta. La domanda che emerge prepotentemente da ciò, però, è questa: ma di un Papa così che se ne fanno i credenti (e anche i non credenti)? Svenduta insomma la credibilità, di questo Francesco e di questa sinistra, che resta?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

I miracoli che la Chiesa non vede

Il Governo italiano compie un autentico miracolo: riesce a far sedere allo stesso tavolo a Palermo i protagonisti della guerra civile in Libia, offrendo una speranza per stabilizzare una regione dove c’è ancora l’Isis, e qual era ieri lo sport preferito di quasi tutti i giornali online nazionali? Ma ovviamente dare addosso a Conte e…

Continua

E’ il rigore la vera epidemia

La Commissione europea non fa in tempo a bocciare le stime italiane sulla crescita che subito arriva il Fondo monetario internazionale a definirci pericolosi untori della sana e robusta economia di tutto il continente. Strano che alla danza funebre non si sia subito unita anche la Banca centrale di Mario Draghi, ma siamo fiduciosi che…

Continua

La bufala del contratto a pezzi

Lo storytelling di maggior successo su tv e giornali di queste settimane si è rivelato una bufala. Non che non sia vera la distanza tra Cinque Stelle e Lega su provvedimenti rilevanti, come la riforma della prescrizione, ma da qui ai duelli da cavalleria rusticana tra Di Maio e Salvini ce ne corre. I retroscena…

Continua

Sì allo shock no alle sciocchezze

Cinque Stelle e Lega se la stanno vedendo brutta, Salvini si è visto la partita e gli italiani rischiano di vedere sorci verdi. Diciamolo subito: il Governo gialloverde non cadrà per la riforma della prescrizione o per la ritorsione sul decreto sicurezza, ma di sicuro la maggioranza non sta facendo affatto una bella figura, prestando…

Continua

Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti…

Continua

L’ultima manina è di Arcuri

Il volante gira in una direzione, le ruote sterzano dall’altra parte. Naturale che un’auto del genere alle prime curve esca di strada. Esattamente quello che rischia di capitare al Governo gialloverde, ormai consapevole che la macchina su cui sta viaggiando risponde come vuole lei ai comandi. Con le opposizioni latitanti, infatti, il vero freno all’Esecutivo…

Continua

Un azzardo europeo contro di noi

Quando la Borsa sale e scende il costo degli interessi sul debito, mosso da quel numeretto che si chiama spread, chi è a digiuno delle faccende finanziarie può pensare che sono tutti più ricchi e contenti. Un errore. Ieri Piazza Affari, come gli altri principali mercati europei, ha guadagnato molti soldi, lasciando però un bel…

Continua

La politica che fa male all’Italia

Un po’ a sorpresa l’agenzia di rating Standard & Poor’s non si accoda agli uccelli del malaugurio e conferma l’attuale livello di solidità del debito pubblico italiano. Le prospettive sono negative, ma non c’è quella bocciatura sulla quale sta scommettendo la speculazione sui mercati, e di rincalzo la più fallimentare classe politica del nostro stesso…

Continua

Su zu Binnu una decisione grottesca

Forbita discussione di ieri a microfoni spenti in uno studio tv. La decisione della Corte dei diritti umani su Provenzano – per i mafiosi come lui “Zu Binnu” – è civilissima, ma impossibile da far digerire a un Paese come il nostro, capace di ragionare solo con la pancia e privo di cultura giuridica. Anzi,…

Continua

Il solito film in onda sulla Rai

Il Governo del cambiamento va bene, ma se si cambia sul serio e senza perdere tempo è meglio. Un concetto che a quanto pare non fa audience in Rai, dove il nuovo amministratore delegato Fabrizio Salini tra i suoi primi atti ha confermato il contratto con la trasmissione di Fabio Fazio, Che tempo che fa.…

Continua