La lezione dei libri incendiati. Chi strizza l’occhio alla violenza non faccia finta di non sapere

di Gaetano Pedullà
Pecora Elettrica

Guai a dire che dietro la Destra che monta nel Paese c’è puzza di fascismo. Salvini ci fa sopra una grassa risata e strizzando l’occhio a Casapound ne nega l’evidenza. Ieri però a Roma hanno bruciato una libreria, e chi conosce giusto i rudimenti storici di quanto avveniva in Europa meno di cento anni fa non può non aver sentito un brivido. I regimi hanno pochi nemici più pericolosi dei libri, della cultura, e della conoscenza degli errori che abbiamo fatto e che rischiamo tristemente di fare ancora.

L’attentato alla Pecora elettrica, un piccolo esercizio tirato su con immensa fatica dai coraggiosi proprietari, e diventato suo malgrado un presidio di socialità e legalità nel quartiere periferico di Centocelle, non è un fatto di cronaca come tanti altri. La libreria di impronta chiaramente antifascista era stata già incendiata il 25 aprile scorso, casualmente festa della liberazione, e proprio oggi avrebbe dovuto riaprire dopo i lavori di ristrutturazione. Di fronte a una delle tante piazze di spaccio della droga nella Capitale, il locale dava anche fastidio ai pusher, esattamente come le uniche altre vetrine accese sulla stessa strada, quelle di una pizzeria andata pure questa in fiamme un mese fa.

Solo pochi giorni fa la Cassazione ci ha detto che a Roma non c’è la mafia, ma gli episodi di violenza legati a un mercato tipico dei clan – com’è la droga – sono continui, quanto quelli di stampo politico. Eppure la cosa sfugge al grande circuito mediatico, ed è lecito domandarsi cosa debba accadere per renderci tutti conto di quanto ci sta accadendo attorno. L’omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega, il grave ferimento di Manuel Bortuzzo, l’esecuzione sommaria di Luca Sacchi, solo per ricordare gli episodi più recenti, sono il segno di un controllo sempre più difficile del territorio, in una città dove criminalità comune e politica si saldano come tutti abbiamo visto nel sodalizio tra i colletti bianchi di Buzzi e l’ex terrorista nero Massimo Carminati, con i suoi metodi da criminalità di borgata. Roma è ridotta così, costretta a mettere sotto scorta dell’esercito persino gli impianti per il trattamento dei rifiuti. Chi strizza l’occhio alla violenza non faccia finta di non sapere di cosa si sta rendendo complice.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Ci mancava il partito di Calenda. L’ex ministro ringrazia così il Pd che sei mesi fa lo fece diventare europarlamentare

Per chi ne sentiva la mancanza, tra breve arriverà un nuovo partito di cui al momento sappiamo tre cose: lo guiderà l’ex ministro ex montezemoliano ex renziano ex piddino Carlo Calenda; non è ancora nato e ha già provato a impossessarsi abusivamente delle sardine in piazza a Bologna contro Salvini; e infine – come unica…

Continua

Tocca a noi resistere ai soprusi. Ma la condanna dei Carabinieri per il pestaggio di Cucchi prova che neppure lo Stato è superiore alle leggi e a se stesso

È malato grave, ma anche il nostro sistema ha i suoi anticorpi. La condanna di due carabinieri per la morte di Stefano Cucchi, sicuramente non rimasto vittima di un raffreddore, è la prova che neppure lo Stato è superiore alle leggi e a se stesso. Per questo i principi base dal nostro diritto, a partire…

Continua

Che fine hanno fatto i 6 miliardi del Mose? Una parte è stata sprecata e l’altra direttamente rubata

Il governatore Luca Zaia è furente perché non ha idea di dove siano i sei miliardi spesi per il Mose. Forse è andato in Regione quanto Matteo Salvini al Viminale per non sapere che una parte di quei soldi è stata sprecata e l’altra direttamente rubata. Di tutto questo ovviamente non è solo colpa della…

Continua

Un avvocato di troppo per ArcelorMittal. Conte continua a spingere per ripristinare un inutile e illegale scudo penale

Chissà per quale motivo il premier Giuseppe Conte e un bel pezzo della maggioranza si stanno logorando sull’inutile e illegale scudo penale inventato per dare l’Ilva agli ex pretendenti di ArcelorMittal. Questi signori hanno già abbandonato l’affare, e anche gli osservatori più ingenui hanno capito che la revoca dell’immunità è la foglia di fico usata…

Continua

L’Italia ha bisogno di riforme profonde, ma ci si può fidare di Giorgetti?

Sediamoci attorno a un tavolo “per cambiare tutti insieme quattro-cinque cose e dare un governo decente al Paese”. A proporlo è stato ieri il numero due della Lega, Giancarlo Giorgetti, e non è esattamente quello che diceva ad agosto scorso, quando invece spingeva Salvini a staccare la spina del Governo gialloverde per prendersi i pieni…

Continua

I partiti investano solo in Btp. L’uso speculativo dei finanziamenti dovrebbe essere vietato

Il tesoriere della Lega, Giulio Centemero (nella foto), un signore che rischia il processo per finanziamento illecito ai partiti nello scandalo sullo stadio della Roma, ha negato ogni legame tra l’investimento di 300mila euro in bond dell’ArcelorMittal e la vicenda Ilva. Sebbene ieri Repubblica ha ricostruito una serie di collegamenti tra la maggiore delle nostre…

Continua

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Bruxelles non ha capito la lezione

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Per qualche ora, giusto il tempo di far capire l’aria che tira, i titoli del nostro debito pubblico sono diventati più rischiosi di quelli della Grecia. Un regalo, l’ultimo di una lunga serie della Commissione europea, o se vogliamo di quello che resta del vecchio governo…

Continua

L’autogol del Centrodestra su Conte e il caso Fiber

Se non imbrogliasse gli italiani con le bugie sull’aumento delle tasse, gli immigrati e il Governo che fa scappare dall’Ilva quei benefattori dell’ArcelorMittal, al Centrodestra resterebbe ben poco per tenersi stretto un consenso dopato da giornali e tv a reti unificate. Una prova l’abbiamo vista ieri, col tentativo di affibbiare al premier Giuseppe Conte un…

Continua

Non siamo una colonia di ArcelorMittal

La mossa della multinazionale indiana ArcelorMittal che minaccia di andarsene dall’Ilva non era affatto imprevista, e anzi era quasi scontata visto che parliamo di uno dei gruppi più rilevanti di un Paese che ci ha sequestrato per anni due nostri marò, e adesso pretende di gestire un’azienda altamente inquinante col salvacondotto dell’immunità penale, una sorta…

Continua

Un progetto di cambiamento per il Paese. Contro gli slogan sovranisti occorre convincere gli elettori che nel Centrodestra quando non si litiga non c’è nient’altro

Quanto resiste il governo, che fine fanno i Cinque Stelle. Giro l’Italia e le domande che mi fanno sono sempre queste, nella maggior parte dei casi con un tono che tradisce l’attesa di veder cadere tutto nel più breve tempo possibile. È il prezzo che si paga per aver dovuto mischiare l’acqua e l’olio formando…

Continua