Le atlete che battono i razzisti

di Gaetano Pedullà

Se mettere argini alle fake news su internet è un’impresa disperata, arrestare la stupidità e il livore generati dalla rete non ha nessuna possibilità di successo. Le più banali chiacchiere da bar condivise con un pubblico vastissimo per molti diventano pagine di Vangelo. E così, protetti dallo schermo, tanti leoni da tastiera giudicano senza sapere, basando le loro sentenze su pregiudizi, momentanei stati d’animo e bassi istinti che qualcuno sintetizza nel concetto di “pancia del Paese”. D’altra parte sui social network chi ragiona e chi offende, chi parla con cognizione di causa e chi porta il cervello all’ammasso hanno tutti lo stesso diritto di tribuna. In rapporto all’epoca in cui i grandi canali di comunicazione, i giornali e le tv, erano appannaggio di pochi poteri forti, il web è dunque un grande spazio di democrazia, ma anche un luogo in cui è troppo facile confondersi o, peggio, confondere le menti. Esattamente quello che stiamo vedendo da domenica scorsa, subito dopo la meravigliosa vittoria di quattro atlete azzurre ai giochi del Mediterraneo. Una gara che ci ha fatto sentire orgogliosi mentre l’inno nazionale accompagnava le ragazze in cima al podio e il tricolore sopra tutte le altre bandiere. Unica particolarità: le quattro campionesse sono tutte di colore. Nulla di cui stupirsi per chi segue l’atletica, dove i tesserati italiani di colore sono presenti e vincenti da anni e in molte discipline. Persino nel calcio un personaggio controverso come Balotelli ha mostrato al mondo una nuova Italia multietnica.

Multietnica esattamente come sono diventati in moltissimi meno anni di storia gli Stati Uniti o le altre grandi ex potenze coloniali europee, con in testa Gran Bretagna, Francia e Portogallo. Quattro atlete di colore su quattro sono sembrate però un po’ troppo non a chi ha – per miseria sua – una vena razzista, ma a chi dichiara di non averla affatto e contrasta quel sentimento di superiorità raziale che purtroppo resta presente, non solo nelle periferie e nei ceti meno informati e benestanti. Le azzurre sono state così ingaggiate a loro insaputa per uno spot contro chi ce l’ha con gli immigrati, e primo tra tutti quel cattivone di Matteo Salvini. Ecco cosa si ottiene a non fare entrare più stranieri dai nostro porti: l’Italia si perde di questi campioni, è stato (in estrema ed edulcorata sintesi) il messaggio diretto al ministro dell’Interno. E giù con una pioggia di frasette buoniste, tutte ovviamente fuori bersaglio. Nella foga di banalizzare ogni tipo di concetto, la gestione dell’accoglienza – pretesa come non era mai stato fatto prima anche con l’Europa – è stata sintetizzata e rappresentata come razzismo, cioè inferiorità delle persone di un colore rispetto alle altre. Un equivoco creato ad arte e rilanciato decine di migliaia di volte, persino dopo il chiarimento dello stesso Salvini che mai nulla ha detto contro gli italiani di colore, nati o naturalizzati nel nostro Paese.

Ma cosa vogliano in effetti quelli che apparaentemente si presentano come difensori delle frontiere aperte è tutt’altro che comprensibile. Il bersaglio politico, è chiaro, è il modello Salvini, ma cosa si proponga in alternativa è talmente assente o confuso da rendere necessario un accostamento di quattro ragazze italiane a un tema tragico come l’immigrazione lasciata per troppi anni senza regole, strumentalizzando – stavolta sì – il colore delle atlete. Sarebbe bene andarci sulla rete per vedere che razza di dibattito ne è nato, confondendo le acque tra odioso razzismo e necessaria regolazione degli accessi sul territorio nazionale, fino alle accuse di crimini contro l’umanità per le navi delle Ong strappate al loro ruolo di taxi dall’Africa verso l’Italia mentre i barconi lasciati partire da Libia e Tunisia affondano con il loro carico umano.

L’apparente buonismo è diventato in questo modo il pretesto per un’ulteriore radicalizzazione delle tifoserie: chi sta con Salvini e chi lo vede come un moderno Hitler italiano, allontanando invece di avvicinare una riflessione onesta e non pretestuosa sull’integrazione oltre che sull’accoglienza. Un’occasione sprecata – l’ennesima – in nome dell’antichissima moda italica di dividerci su tutto, rinunciando a unire le forze per risolvere i problemi. Guai che ci sono, così come ci sono persone che hanno un animo razzista e che vanno isolate e condannate per questo. Ma facendo passare per razzista chi non lo è, alimentando con ogni artificio le polemiche, si diluisce la gravità del fenomeno, facendo il solletico a finti razzisti come Salvini, mentre i razzisti veri possono dilagare sulla rete.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una manovra a prova di divisioni

Davvero una mossa geniale questa dei leader del Pd: vederli passare dai caminetti alle cene con servitù è esattamente quello che aspettavano i loro ultimi eroici elettori per trasferirsi altrove. Un messaggio surreale per quell’Italia proletaria e di Sinistra che ha fame, e gli amati sapori di una volta li trova più facilmente sulla tavola…

Continua

Merde Alors a Salvini. L’ultima moda in Europa è insultare l’Italia

Abituato com’è ad abitare sul Colle, il Presidente Mattarella vola alto e forse fatica a vedere cosa accade giù, in basso, dove prolificano i nazionalismi, e di certa Europa non si vuole più sentir parlare. L’integrazione – dice il Capo dello Stato – ci ha portato benefici, i sovranismi sono un pericolo e non è…

Continua

Fuoco di fila contro il Governo

Quando fu eletto commissario europeo agli Affari economici, anche con il voto dell’Italia, Pierre Moscovici era considerato una colomba, cioè un “amico” dei Paesi con qualche guaio nei conti pubblici. Poi è arrivato Macron e il ritorno di quell’asse franco-tedesco che ha saldato gli interessi di Parigi a quelli di Berlino, a discapito degli Stati…

Continua

L’inutile diplomazia dell’Onu

Chi gira ogni tanto per il mondo sa quanto è sottile la considerazione per il nostro Paese. L’Italia degli spaghetti, mafia e mandolino è uno stereotipo che ci hanno affibbiato per farci male. Sia chiaro, noi ci abbiamo messo del nostro e in parte ci meritiamo un certo dileggio. Ma l’immagine di una nazione è…

Continua

Ora rischia la fiducia nelle toghe

Tre dei quatto capi d’accusa ipotizzati per Matteo Salvini sono già caduti, l’ultimo impegnerà per mesi il tribunale dei ministri, altri magistrati e un mucchio di dipendenti pubblici, tutti a caccia di un reato che per moltissimi italiani è invece una medaglia sul petto del ministro. Tanto è vero, che la popolarità del leader della…

Continua

La Chiesa perdona, i giudici No

Come volevasi dimostrare, un bel gruppo dei migranti arrivati in Italia con la nave Diciotti non ha perso tempo a dileguarsi. I magistrati però non corrono rischi: invece di dedicarsi a questi signori possono continuare a cercare capi d’accusa contro Salvini, il ministro che ha tenuto questa gente più a lungo possibile sul mezzo della…

Continua

La fortuna al contrario di Tripoli

Quanto ha senso indignarsi per mezzo mondo che vuole immigrare a casa nostra e poi continuare a fare le guerre coloniali? Si dirà che le colonie europee sparse per il pianeta – o i posti al sole come li smaltava il fascismo – non ci sono più, ma la guerra civile in corso in Libia…

Continua

Il Vaticano affronti i suoi guai o cadono le fondamenta

A volte ci sono segni profetici, capaci di mostrarci qualcosa che può avvenire, affinché ci si pensi meglio prima di favorire con i propri gesti il concretizzarsi del presagio. Il crollo nella chiesa di San Giuseppe dei falegnami, nel cuore di Roma, tempio affidato a un influente gesuita, strettissimo collaboratore di Papa Francesco, ha in…

Continua

La lobby del casello ha chiuso

Autostrade per l’Italia non ci sta a perdere per un processo sommario una concessione che le fa incassare ogni anno miliardi di euro di utili. È caduto un ponte di cui aveva la responsabilità, sono morte 39 persone (e il bilancio potrebbe essere più grave), l’immagine dell’Italia nel mondo ha subito un danno molto più…

Continua

Sulla Rai un conflitto scandaloso

Un Paese che non ha mai regolato sul serio i conflitti d’interesse tra politica e grandi capitali, c’è un caso che sta diventando grottesco per quanto è abnorme e scandalosamente alla luce del sole. L’azionista di riferimento del maggiore polo televisivo privato può permettersi di paralizzare la gestione della tv pubblica, protetto da una delle …

Continua