Le dimissioni della Raggi, un epilogo inevitabile

di Gaetano Pedullà

Chissà che risate si sta facendo Ignazio Marino, il sindaco cacciato dal Campidoglio per qualche strisciata di troppo della carta di credito del Comune oltre che per il degrado in cui sprofondava Roma. Virginia Raggi, che gli è subentrata, oltre allo stesso identico degrado della città, a quanto pare era la beneficiaria di un’assicurazione sulla vita pagata dal suo ex capo della segreteria, Salvatore Romeo. Una polizza da 30mila euro di cui solo in teoria la prima cittadina poteva non sapere. Poiché non capita a tutti di trovarsi intestata una polizza, e visto che la stessa Raggi dopo la sottoscrizione di questa assicurazione nomina Romeo e gli triplica lo stipendio, il destino politico della sindaca è segnato. Vada a casa e senza farci vedere altre lacrime, altri rapporti inconfessati con Previti e dintorni, altri collaboratori come Raffaele Marra, arrestato per aver preso soldi dall’immobiliarista Scarpellini, altri assessori come Paola Muraro, capaci di nascondere per mesi un avviso di garanzia, altri complotti come quello per denigrare il collega del Movimento Marcello De Vito. La Raggi finisce qui. E con lei la credibilità di Grillo nel selezionare la classe dirigente.

  • LLan

    Tesi molto astuta, direttore: 30.000 euro a Romeo defunto, in cambio di un lauto stipendio immediatamente, vero?
    Ma si sciacqui la bocca quando parla della Raggi!

    • lbrtfnc

      Certo! Perchè uno sputo sulla Raggi non è abbastanza: ci vuole una boccata piena. Son successi fatti strani, fin da subito dopo l’ elezione; non si può essere stupidi fino a quel punto. Non può essere che una mentitrice patologica.

  • honhil

    Un lampo e poi il buio. Questo è stato ed è e sarà, la sindaca di Roma. Una giovane donna acqua e sapone e dalla lacrima facile all’apparenza. Ma nella sostanza all’acqua raggia. Eppure, è ancora lì a fare il sindaco di Roma. Figlia d’un’incongruenza tutta grilina. Dal destino segnato, però. Dato che iI miraggi, purtroppo per lei, hanno la stessa inconsistenza delle illusioni.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Informazione mai tanto in ostaggio

Queste sì che sono soddisfazioni. L’Italia guadagna 25 posizioni nella classifica più farlocca del pianeta: sulla libertà di stampa siamo passati dal 77 al 52esimo posto. Un balzo in avanti che già da solo la dice lunga su come è compilata questa graduatoria. E d’altra parte chi può battere i giornalisti sul terreno delle fake…

Continua

Battaglia oscurantista sulla salute

Non c’è niente di più oscurantista delle guerre di religione. Se Mao definiva le fedi l’oppio dei popoli, non serve un approccio particolarmente laico e ragionante per definire folli quei sedicenti martiri che si fanno esplodere in odiosi attentati o si fanno ammazzare dopo aver affidato ai loro kalashnikov la nuova semina di odio e…

Continua

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua