L’idea giusta che manca sulle Regioni

di Gaetano Pedullà

Ore decisive per le liste delle Regionali, ma tanto per cambiare la politica si occupa di tutto tranne che del tema del contendere, in questo caso appunto le Regioni. Il voto di maggio è già etichettato come un referendum sul governo e così il resto ciccia! Ma qual è – se c’è – il progetto dei partiti per questi immensi carrozzoni che ci costano miliardi e ci restituiscono ben poco? Impossibile saperlo. E c’è un motivo. La grande politica si presenta oggi con un partito riformista – il Pd di Renzi – che dell’unica riforma vera da fare, cioè abolirle le Regioni, neppure si arrischia a parlare. Dall’altra parte del cielo politico, il Centrodestra si sta disintegrando e dunque non c’è proprio il soggetto capace di avanzare una proposta credibile, se non promettere invano i soliti mari e monti. C’è infine il Movimento di Grillo, in ripresa nei sondaggi, che però è tradizionalmente debolissimo quando si tratta di prendere voti per le amministrative. In questo modo le prossime Regionali rischiano di diventare già un’occasione sprecata, con l’astensionismo grandissimo vincitore. L’idea vincente, quel sogno che potrebbe scaldare gli elettori, non si vede neppure. E mentre ci si scandalizza per i milioni sprecati con i vitalizi dei consiglieri regionali, si lasciano a decuplicare i miliardi bruciati da decine di Asl, decine di aziende partecipate che sono solo poltronifici e calamite di clientele, gli stessi stipendi delle centinaia di consiglieri regionali che quando va bene premono due bottoni a settimana. Un’Italia che vuole davvero voltare pagina può far finta di niente? Può votare felice per queste Regioni costose improduttive? Eppure fino al 1970 gli Enti non esistevano e l’Italia viveva felice lo stesso. Di una proposta riformista così sincera e profonda però dalla grande politica non vediamo traccia. Fatte partire per dare alcuni centri di potere alla Sinistra, in un’epoca in cui al governo centrale non poteva esserci alternanza (siamo in un mondo diviso per blocchi ideologici), le Regioni sono oggi il fulcro della riforma che sta cambiando il Senato. Un piccolo passo avanti verso la semplificazione politica che però non ha il coraggio di affrontare uno dei grandi nodi della spesa pubblica. Così le Regioni campano. E gli italiani tartassati crepano. Nel silenzio di chi non vota o di chi questi argomenti non li vuole neppure sfiorare, troppo preso dal referendum sul premier e le altre menate della politica che si guarda l’ombelico. E si scorda di guardare in faccia i problemi veri degli elettori.

Lascia un commento

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Formigoni ci ricorda dov’è il virus

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana messo alle strette dai pm di Bergamo ha fatto il salto della quaglia e scaricato su Roma la responsabilità della diffusione del Covid nella sua regione. La tesi è che il compito di istituire le famose zone rosse, isolando i focolai del virus, non gli competeva perché toccava al…

Continua

Salviamoci dai matti delle regioni

Ci mancavano solo i governatori che chiudono i confini delle regioni, che per farci passare chiedono il passaporto e se va avanti così tra un po’ si dichiarano guerra tra loro. Non serviva il Coronavirus per mostrare chiaramente che il regionalismo in Italia è un immenso fallimento. Ma la situazione adesso ha raggiunto le soglie…

Continua

Ai sovranisti restano le chiacchiere

Di grande successo in Italia, il cabaret di Salvini e Meloni adesso fa ridere il mondo. Esattamente come usano con il Governo di Giuseppe Conte, a cui i leader sovranisti aggiungono un più davanti a qualunque provvedimento, ieri i leader sovranisti hanno bocciato la poderosa proposta della Commissione europea per superare i disastrosi effetti economici…

Continua

Italia Viva e Paese moribondo

Nulla di nuovo dalla Destra abituata a difendersi dai processi e non nei processi. A meno di una improbabile giravolta dell’Aula del Senato, Matteo Salvini non andrà a processo per la vicenda Open Arms, come chiesto dai pm siciliani. Le novità arrivate dal voto della Giunta per le autorizzazioni sono invece significative per Cinque Stelle…

Continua

Che paura gli assistenti civici

Non ci salvano neppure il volontariato. La destra più becera e cialtrona di sempre, fiancheggiata da giornali e tv costretti a sfidare il senso del ridicolo pur di contestare il governo anche se moltiplicasse i pani e i pesci, ieri non ha trovato di meglio che dichiarare guerra a un esercito di pensionati, di padri,…

Continua

Autostrade e la beffa agli italiani

Il Gruppo che ha incassato miliardi grazie a una concessione pubblica delle autostrade ancora oggi inspiegabilmente vantaggiosa fa causa allo Stato perché la pacchia è finita. Un epilogo inevitabile, perché la vecchia politica non gli ha consegnato soltanto le chiavi di un patrimonio che appartiene a noi tutti, ma ha permesso di blindare legalmente il…

Continua

Chi ha paura del bis della Raggi

Da qualche giorno la romanella dei salotti e degli abusi sfuggiti per decenni al Campidoglio è in agitazione. La Raggi potrebbe candidarsi per un nuovo mandato e se ce la facesse tutte le piaghe dell’Egitto non farebbero altrettanto male. La maturazione del Movimento Cinque Stelle ha fatto comprendere che non disperdere l’esperienza dei suoi portavoce…

Continua

Basta fenomeni da circo

Dopo averne dette di tutti i colori sul Governo e il ministro della Giustizia, Matteo Renzi non ha votato la sfiducia a Conte e Bonafede. Cose da pazzi? No, perché questo signore a furia di piroette non ha più una faccia da perdere e divide il suo tempo strillando per avere potere e poi facendo…

Continua

Bonafede e i giochetti di Renzi

Arrivato sotto il 3%, come dicono i sondaggi, Matteo Renzi deve aver pensato di poter trascinare nel baratro anche i 5 Stelle, non limitandosi più a rallentare l’iter delle leggi e a pretendere poltrone: cioè lo sport che pratica dallo stesso giorno in cui promise invano di essere leale con la maggioranza giallorossa. Ora l’ex…

Continua

Una nuova stagione per l’Europa

Può servire più tempo e coraggio, ma le buone idee vincono sempre sugli egoismi e gli steccati ideologici. Così oggi dall’Europa arriva un segnale impensabile fino a un anno fa, quando proprio a maggio 2019 veniva eletto il nuovo Parlamento Ue e la mossa sorprendete e decisiva del premier Giuseppe Conte e della piccola pattuglia…

Continua