L’idea giusta che manca sulle Regioni

di Gaetano Pedullà

Ore decisive per le liste delle Regionali, ma tanto per cambiare la politica si occupa di tutto tranne che del tema del contendere, in questo caso appunto le Regioni. Il voto di maggio è già etichettato come un referendum sul governo e così il resto ciccia! Ma qual è – se c’è – il progetto dei partiti per questi immensi carrozzoni che ci costano miliardi e ci restituiscono ben poco? Impossibile saperlo. E c’è un motivo. La grande politica si presenta oggi con un partito riformista – il Pd di Renzi – che dell’unica riforma vera da fare, cioè abolirle le Regioni, neppure si arrischia a parlare. Dall’altra parte del cielo politico, il Centrodestra si sta disintegrando e dunque non c’è proprio il soggetto capace di avanzare una proposta credibile, se non promettere invano i soliti mari e monti. C’è infine il Movimento di Grillo, in ripresa nei sondaggi, che però è tradizionalmente debolissimo quando si tratta di prendere voti per le amministrative. In questo modo le prossime Regionali rischiano di diventare già un’occasione sprecata, con l’astensionismo grandissimo vincitore. L’idea vincente, quel sogno che potrebbe scaldare gli elettori, non si vede neppure. E mentre ci si scandalizza per i milioni sprecati con i vitalizi dei consiglieri regionali, si lasciano a decuplicare i miliardi bruciati da decine di Asl, decine di aziende partecipate che sono solo poltronifici e calamite di clientele, gli stessi stipendi delle centinaia di consiglieri regionali che quando va bene premono due bottoni a settimana. Un’Italia che vuole davvero voltare pagina può far finta di niente? Può votare felice per queste Regioni costose improduttive? Eppure fino al 1970 gli Enti non esistevano e l’Italia viveva felice lo stesso. Di una proposta riformista così sincera e profonda però dalla grande politica non vediamo traccia. Fatte partire per dare alcuni centri di potere alla Sinistra, in un’epoca in cui al governo centrale non poteva esserci alternanza (siamo in un mondo diviso per blocchi ideologici), le Regioni sono oggi il fulcro della riforma che sta cambiando il Senato. Un piccolo passo avanti verso la semplificazione politica che però non ha il coraggio di affrontare uno dei grandi nodi della spesa pubblica. Così le Regioni campano. E gli italiani tartassati crepano. Nel silenzio di chi non vota o di chi questi argomenti non li vuole neppure sfiorare, troppo preso dal referendum sul premier e le altre menate della politica che si guarda l’ombelico. E si scorda di guardare in faccia i problemi veri degli elettori.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Se si torna al rigore perdiamo noi

Una bugia detta anche mille volte non diventa una verità, ma raccontandoci ogni giorno che la Manovra del Governo non funziona, il Pil cala, la fiducia scende, il Paese declina e tutte queste belle amenità, alla fine il clima diventa negativo per forza. D’altra parte a noi italiani piace farci male da soli. Contrapposti da…

Continua

I miracoli che la Chiesa non vede

Il Governo italiano compie un autentico miracolo: riesce a far sedere allo stesso tavolo a Palermo i protagonisti della guerra civile in Libia, offrendo una speranza per stabilizzare una regione dove c’è ancora l’Isis, e qual era ieri lo sport preferito di quasi tutti i giornali online nazionali? Ma ovviamente dare addosso a Conte e…

Continua

E’ il rigore la vera epidemia

La Commissione europea non fa in tempo a bocciare le stime italiane sulla crescita che subito arriva il Fondo monetario internazionale a definirci pericolosi untori della sana e robusta economia di tutto il continente. Strano che alla danza funebre non si sia subito unita anche la Banca centrale di Mario Draghi, ma siamo fiduciosi che…

Continua

La bufala del contratto a pezzi

Lo storytelling di maggior successo su tv e giornali di queste settimane si è rivelato una bufala. Non che non sia vera la distanza tra Cinque Stelle e Lega su provvedimenti rilevanti, come la riforma della prescrizione, ma da qui ai duelli da cavalleria rusticana tra Di Maio e Salvini ce ne corre. I retroscena…

Continua

Sì allo shock no alle sciocchezze

Cinque Stelle e Lega se la stanno vedendo brutta, Salvini si è visto la partita e gli italiani rischiano di vedere sorci verdi. Diciamolo subito: il Governo gialloverde non cadrà per la riforma della prescrizione o per la ritorsione sul decreto sicurezza, ma di sicuro la maggioranza non sta facendo affatto una bella figura, prestando…

Continua

Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti…

Continua

L’ultima manina è di Arcuri

Il volante gira in una direzione, le ruote sterzano dall’altra parte. Naturale che un’auto del genere alle prime curve esca di strada. Esattamente quello che rischia di capitare al Governo gialloverde, ormai consapevole che la macchina su cui sta viaggiando risponde come vuole lei ai comandi. Con le opposizioni latitanti, infatti, il vero freno all’Esecutivo…

Continua

Un azzardo europeo contro di noi

Quando la Borsa sale e scende il costo degli interessi sul debito, mosso da quel numeretto che si chiama spread, chi è a digiuno delle faccende finanziarie può pensare che sono tutti più ricchi e contenti. Un errore. Ieri Piazza Affari, come gli altri principali mercati europei, ha guadagnato molti soldi, lasciando però un bel…

Continua

La politica che fa male all’Italia

Un po’ a sorpresa l’agenzia di rating Standard & Poor’s non si accoda agli uccelli del malaugurio e conferma l’attuale livello di solidità del debito pubblico italiano. Le prospettive sono negative, ma non c’è quella bocciatura sulla quale sta scommettendo la speculazione sui mercati, e di rincalzo la più fallimentare classe politica del nostro stesso…

Continua

Su zu Binnu una decisione grottesca

Forbita discussione di ieri a microfoni spenti in uno studio tv. La decisione della Corte dei diritti umani su Provenzano – per i mafiosi come lui “Zu Binnu” – è civilissima, ma impossibile da far digerire a un Paese come il nostro, capace di ragionare solo con la pancia e privo di cultura giuridica. Anzi,…

Continua