L’idea giusta che manca sulle Regioni

di Gaetano Pedullà

Ore decisive per le liste delle Regionali, ma tanto per cambiare la politica si occupa di tutto tranne che del tema del contendere, in questo caso appunto le Regioni. Il voto di maggio è già etichettato come un referendum sul governo e così il resto ciccia! Ma qual è – se c’è – il progetto dei partiti per questi immensi carrozzoni che ci costano miliardi e ci restituiscono ben poco? Impossibile saperlo. E c’è un motivo. La grande politica si presenta oggi con un partito riformista – il Pd di Renzi – che dell’unica riforma vera da fare, cioè abolirle le Regioni, neppure si arrischia a parlare. Dall’altra parte del cielo politico, il Centrodestra si sta disintegrando e dunque non c’è proprio il soggetto capace di avanzare una proposta credibile, se non promettere invano i soliti mari e monti. C’è infine il Movimento di Grillo, in ripresa nei sondaggi, che però è tradizionalmente debolissimo quando si tratta di prendere voti per le amministrative. In questo modo le prossime Regionali rischiano di diventare già un’occasione sprecata, con l’astensionismo grandissimo vincitore. L’idea vincente, quel sogno che potrebbe scaldare gli elettori, non si vede neppure. E mentre ci si scandalizza per i milioni sprecati con i vitalizi dei consiglieri regionali, si lasciano a decuplicare i miliardi bruciati da decine di Asl, decine di aziende partecipate che sono solo poltronifici e calamite di clientele, gli stessi stipendi delle centinaia di consiglieri regionali che quando va bene premono due bottoni a settimana. Un’Italia che vuole davvero voltare pagina può far finta di niente? Può votare felice per queste Regioni costose improduttive? Eppure fino al 1970 gli Enti non esistevano e l’Italia viveva felice lo stesso. Di una proposta riformista così sincera e profonda però dalla grande politica non vediamo traccia. Fatte partire per dare alcuni centri di potere alla Sinistra, in un’epoca in cui al governo centrale non poteva esserci alternanza (siamo in un mondo diviso per blocchi ideologici), le Regioni sono oggi il fulcro della riforma che sta cambiando il Senato. Un piccolo passo avanti verso la semplificazione politica che però non ha il coraggio di affrontare uno dei grandi nodi della spesa pubblica. Così le Regioni campano. E gli italiani tartassati crepano. Nel silenzio di chi non vota o di chi questi argomenti non li vuole neppure sfiorare, troppo preso dal referendum sul premier e le altre menate della politica che si guarda l’ombelico. E si scorda di guardare in faccia i problemi veri degli elettori.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un Governo dalla parte degli italiani

Tre settimane sono nulla per fare un bilancio, ma l’aria che tira sui primi passi del Governo è quella tipica della luna di miele. Chi aspetta al varco Di Maio e Salvini, obietta subito che questi due non hanno mai smesso di fare campagna elettorale. Dunque siamo ancora sul terreno delle promesse, mentre di fatti…

Continua

Un condono necessario per ripartire

Non ci sono molti modi per far ripartire l’Italia. E non illudiamoci che sarà l’Europa a toglierci dai guai, permettendoci politiche economiche espansive o nuove spese in deficit. Dunque tocca solo a noi rimboccarci le maniche per creare ricchezza e occupazione. Uno sforzo già sovrumano visto che non ci facciamo mancare niente in termini di…

Continua

Le priorità non possono attendere

Spararle grosse non è mai un bel gesto verso gli elettori, ma nelle campagne elettorali bisogna prima di tutto vincere e quindi passi che si abusi. D’altra parte, in Italia di promesse irrealizzabili ne abbiamo sentite sempre così tante da esserci affezionati a questo andazzo, a tal punto da berci qualunque amenità, come capì bene…

Continua

Finti razzisti e ipocriti certificati

Se i risultati dei vertici internazionali si misurassero dall’intensità di sorrisi e strette di mano, quello di ieri tra Conte e la Merkel sarebbe poca cosa rispetto ad altri faccia a faccia tra la stessa cancelliera e nostri premier come Monti, Renzi e Gentiloni, giusto per fermarci agli esempi più recenti. Tutti incontri chiusi con…

Continua

Un silenzio da Prima Repubblica

L a natura differente dei Cinque Stelle. Differente dai vecchi partiti maneggioni, da chi governa e dice una cosa mentre ne pensa un’altra, dalla politica che nasconde la verità, trattando i cittadini come sudditi. Ecco perché il Movimento è diventato rapidamente un gigante nei consensi, fino a conquistare il Governo del Paese. Ora è chiaro…

Continua

L’intrallazzo Capitale non perdona

Sarebbe bene leggerle le 288 pagine dell’ordinanza che chiude la partita sullo stadio della Roma. Nelle intercettazioni della Procura c’è un concentrato dell’intrallazzo Capitale. Palazzinari che pagano per pilotare politici e burocrazia, consulenti che si spartiscono mazzette, esponenti di partito perennemente col cappello in mano: un film già visto, dove l’unica novità è che stavolta…

Continua

Un cinico traballante all’Eliseo

Inutile perdere troppo tempo sulle parole rivolte dal presidente francese Macron all’Italia per la vicenda della nave Aquarius. Come vedete accanto lo chiamiamo Micron, e abbiamo detto tutto. Quello che ci interessa di più è capire come sia possibile che l’enfant prodige della nuova politica trasversale ai tradizionali partiti di destra e sinistra sia arrivato…

Continua

La finta solidarietà di Madrid

Perdevamo colpendo uniti ai tempi delle crociate, a maggior ragione perdiamo oggi facendo tutta Europa di testa propria. Nella penosa vicenda della nave Aquarius, un esercito di poveri africani armati solo di fame e disperazione ha sbaragliato gli opulenti Paesi al di qua del Mediterraneo, carichi di egoismi e protagonismi, arrivati a livelli di disumanità…

Continua

Buona la prima di Conte al G7. L’Italia torna a contare nel mondo

Qualche decina di acuti frequentatori dei social network, quasi tutti dichiaratamente grillini, ieri ci ha duramente criticato per aver rivelato che alcuni ministri hanno rapporti forti con gli Stati Uniti. L’argomento è stato scambiato per un velleitario tentativo di screditare il Governo, quando invece da una tale informazione si evince che il premier e la…

Continua

Un giusto segnale alle imprese

Ora che ne ha meno bisogno, chissà quando Beppe Grillo offrirà una delle sue pastiglie di Maalox a Vincenzo Boccia e tutto il blasonato stato maggiore della Confindustria. Aver visto il leader dei Cinque Stelle Luigi Di Maio che promette mari e monti all’assemblea della Confcommercio, mentre alla stessa messa cantata degli industriali c’è andato…

Continua