L’Italia delle riforme impossibili

di Gaetano Pedullà

Fare le riforme in Italia non è difficile, come dice il ministro Franceschini. È impossibile. E chi dice il contrario mente sapendo di mentire, a meno di voler considerare riforme quei brodini annacquati che ci propinano da anni, spesso spacciati per grandi cene gourmet, come nel caso del Jobs Act, giusto per citare il fiore all’occhiello del governo riformista di Matteo Renzi. Dietro il nome altisonante e anglofono – che fa tanto modernità – c’era ben poco e infatti dello shock promesso per far ripartire sul serio l’occupazione non si è vista l’ombra. Perciò non stupisce più di tanto l’ultima decisione del Consiglio di Stato, la settima sulla stessa vicenda, che blocca la decisione del Governo di nominare alcuni non italiani alla direzione di altrettanti musei. Una vicenda che può sembrare minore e che riguarda direttamente poche persone, ma che è la cartina di tornasole di come questo Paese sia paralizzato dalla ragnatela di norme, magistrature e corpi intermedi dello Stato che di fatto si sono sostituiti alla politica, e alla fine contano molto di più di chi ha avuto un mandato popolare per gestire la cosa pubblica. Per rispettare il castello di leggi e garanzie accumulate in decenni dai legislatori, non di rado in contraddizione tra di loro e spesso con un orizzonte più ideologico che funzionale, si è ammazzato il principio fondamentale di ogni democrazia: chi è legittimato dal voto fa le sue scelte e al termine del mandato i cittadini gli danno torto o ragione, confermando chi ha fatto bene e mandando a casa chi ha deluso.

Ebbene, tutto questo ormai da anni in Italia non è più possibile, perché andare al governo non equivale affatto a poter governare. E il massimo organo della magistratura amministrativa che blocca persino la decisione sui direttori dei musei è solo l’ultima di una serie infinita di prove. Alla democrazia, dunque, si è sostituita una tecnocrazia autoreferenziale e che nessuno controlla, blindata dalle trincee costruite in nome dell’autonomia attorno ai vari Consigli di Stato, Tribunali amministrativi, Corte costituzionale, Corte dei conti e compagnia cantando. Tutti organi che non rispondono ad altri se non a loro stessi e che fanno il bello e il cattivo tempo su ogni decisione della politica, da Palazzo Chigi al più piccolo dei Consigli comunali. Tanto varrebbe perciò risparmiare qualche soldo abolendo Camera e Senato per trasferire direttamente a queste altre latitudini il potere di decidere che fare. Battute a parte, il deficit di riforme vere e profonde è imbarazzante per il nostro Paese. E lascia di stucco vedere che nei programmi dei partiti – evidentemente consapevoli delle loro limitate possibilità – ci sono decine di riforme settoriali (spesso pure irrealizzabili) ma non quei cambiamenti strutturali e profondi di cui abbiamo bisogno.

Su questo piano a dire il vero c’è un precedente poco incoraggiante: la riforma costituzionale finita come sappiamo nel referendum che anziché cambiare la Carta ha cambiato le fortune politiche di Renzi. Se però è vero che chi ha toccato (o provato a farlo) la Costituzione non ha fatto una bella fine, è anche vero che se non tiriamo l’Italia fuori dal pantano in cui siamo la brutta fine la facciamo tutti. La Politica, quella con la P maiuscola, dovrebbe cogliere quindi questa sfida, correndo i rischi che pone, ma offrendo agli elettori una prospettiva di semplificazione amministrativa e di capacità effettiva dei livelli decisionali nello stabilire e poi poter fare le cose.

A questo punto i soliti pedanti sacerdoti della camicia di forza fatta con le regole che ci strangolano, opporranno che far piazza pulita di un po’ dei pesi e contrappesi che paralizzano la cosa pubblica può aprire un’autostrada alla corruzione. Vero. Ma la corruzione si combatte perseguendo duramente i corrotti, non impedendo di fare le cose in modo da eliminare alla radice la ragione stessa di questo reato. Buttare il bambino con l’acqua sporca, insomma, è la soluzione degli imbecilli. Non resta perciò che non rassegnarsi e spingere, anche utilizzando la leva elettorale, affinché la politica non rinunci ad affrontare una stagione di riforme. Mentre qui dormivamo, o ci accontentavamo giusto di qualche assaggio, i nostri competitor in Europa hanno fatto passi da giganti. Il risultato, oltre al Pil cresciuto molto più del nostro? Vedono un futuro che noi oggi neppure ci sogniamo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La retorica bugiarda del Paese che non cambia

Il Governo Conte non ha fatto ancora niente, siamo solo agli annunci, i fatti concreti non si vedono. La retorica delle opposizioni all’Esecutivo di M5S e Lega ci sta bombardando con queste parole d’ordine. Ma le cose stanno veramente così? Sfogliamo insieme questo giornale, e non c’è una sola pagina senza prove concrete di un…

Continua

Unione (alcolisti) Europea

L’Europa guidata da un ubriaco. Se qualcuno non avesse capito perché andiamo sempre a sbattere, si guardi le immagini del vertice di ieri tra i Paesi della Nato. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker si è presentato talmente fuori controllo da non stare neppure in piedi. Una fotografia tragica per le condizioni di quest’uomo…

Continua

Una nuova lezione dalle urne

Non solo un Pd ai minimi storici e così tramortito da non riuscire a darsi una nuova leadership. Nell’eredità del renzismo c’è il tracollo della Sinistra a ogni latitudine della società italiana, come dimostra anche il tracollo al Csm di quelle che una volta si sarebbero chiamate toghe rosse. La stragrande vittoria di un magistrato…

Continua

Democrazia in deficit nelle banche

A sentire l’Abi, l’associazione delle banche di casa nostra, con l’avanzata del nazionalismo l’Italia può finire in bancarotta come l’Argentina. Certo, il mago Otelma sarebbe stato più capace di prevedere il crollo delle Popolari o del Monte dei Paschi, ma il campanello d’allarme suonato dai banchieri non va comunque sottovalutato, anche perché l’avvertimento segue a…

Continua

Il Colle parli dei soldi della Lega

Hanno parlato di migranti e Libia. Forse anche del caldo che fa. Ma di magistratura neppure un cen- no. Così ci dice il Viminale e il Quirinale non lo smentisce. Dunque perché non crederci anche se il partito di Salvini ha quel problemuccio dei 49 milioni di euro sequestrati per i finanziamenti pubblici spariti ai…

Continua

Una svolta per politici e giudici

Il sottosegretario alla Giustizia Morrone (Lega) ieri sera ha chiarito: quando si è augurato che la magistratura si liberi delle correnti, e soprattutto di quelle della Sinistra, non voleva dire quello che ha detto. Al ministro Bonafede la giustificazione è bastata e dunque tutto bene madama la marchesa! La luna di miele tra politica e…

Continua

Sacrificare la stampa è un errore

Chi segue questo giornale da oltre cinque anni sa bene quanto malaffare abbiamo scoperchiato, denunciando una montagna di abusi anche nella pubblica amministrazione. Per poterlo fare liberamente non abbiamo voluto alle spalle editori impuri, cioè soggetti economici che hanno i loro business principali in settori diversi dalla pubblicazione dei quotidiani, e a scanso di equivoci…

Continua

L’ultima Ong con Boeri al comando

Il presidente dell’Inps Tito Boeri non c’entra nulla con i trafficanti che campano grazie ad immigrati e accoglienza. Dal suo osservatorio ripete da sempre che l’Italia deve dire grazie ai migranti, perché da loro l’Istituto di previdenza incassa un mucchio di contributi e con questi paga a tutti le pensioni. Ma Boeri non è certo…

Continua

Abracadabra soltanto sui soldi Pd

La Cassazione chiude i giochi sul tesoretto dei rimborsi elettorali fatti sparire dalla Lega. La vicenda risale all’epoca della segreteria di Umberto Bossi e per quella che è stata riconosciuta come una palese appropriazione illecita sono già arrivate diverse condanne, con in testa l’allora tesoriere del partito, Francesco Belsito. Parallelamente lo Stato ha cercato di…

Continua

Le atlete che battono i razzisti

Se mettere argini alle fake news su internet è un’impresa disperata, arrestare la stupidità e il livore generati dalla rete non ha nessuna possibilità di successo. Le più banali chiacchiere da bar condivise con un pubblico vastissimo per molti diventano pagine di Vangelo. E così, protetti dallo schermo, tanti leoni da tastiera giudicano senza sapere,…

Continua