L’ultima Ong con Boeri al comando

di Gaetano Pedullà

Il presidente dell’Inps Tito Boeri non c’entra nulla con i trafficanti che campano grazie ad immigrati e accoglienza. Dal suo osservatorio ripete da sempre che l’Italia deve dire grazie ai migranti, perché da loro l’Istituto di previdenza incassa un mucchio di contributi e con questi paga a tutti le pensioni. Ma Boeri non è certo un alieno che vive su Marte, come gli ha ricordato Salvini, e sa perfettamente che il nuovo Governo vuole stringere i flussi, e per quanto lo riguarda sfilargli la poltrona. Perciò l’appello a fare spazio a nuovi lavoratori stranieri ha avuto l’effetto di una dichiarazione di guerra. Il numero uno dell’Ente si è calato in trincea, facendo degli immigrati a cui ha reso tanto merito i suoi scudi umani. Se il Ministero del Tesoro tra breve lo manderà a casa, sarà stato per aver difeso una nobile causa, dove però di nobile in realtà c’è poco. Quando Boeri afferma che grazie ai contributi degli immigrati l’Inps mantiene i pensionati italiani non dice affatto una bugia. Ma non si capisce proprio perché questi stessi contributi sarebbero meno utili se a versarli fossero lavoratori italiani, magari giovani e residenti in quelle zone del Paese dove la disoccupazione si respira a ogni angolo di strada. Gli italiani, si dirà, certi lavori non li vogliono fare, ma per questo c’è all’orizzonte il Reddito di cittadinanza, che avrà anche un ruolo educativo perché lascerà a secco chi dovesse dire tre volte no ai lavori che ci sono. Eppure Boeri invece di invitare gli italiani a rimboccarsi le maniche chiama gli stranieri. Evidentemente è pronto per guidare l’Inps africano.

Commenti

  1. honhil

    Boeri fa politica. Da radical chic. E fa finta di non sapere che, per reclutare la possibile manodopera di cui ha, o potrebbe avere, di bisogno lo Stivale, vi sono i consolati. Altro invece fanno le Ong e i trafficanti di esseri umani, come, per ultimo ma non ultimo, ha scritto su Le Figaro l’editorialista Renaud Girard. Del resto, il patto tra le Ong e gli scafisti, e quindi le mafie di almeno tre continenti, era cosa nota da sempre. E da sempre a denunciare tale intreccio mafiotico, una vera e propria associazione a delinquere, è stato il buonsenso. Inascoltato all’inizio e poi addirittura preso di mira da chi, per un verso o per un altro è stato ed è favorevole a questa invasione chiamata accoglienza, etichettato come razzista e fascista. Chi invece testardamente l’ha da sempre negato, oltre agli ultimi 4 governi napolitaniani, è stata la stampa italiana dalla cosiddetta schiena dritta, ed in modo particolari i giornali debenedettiani. Mentre la magistratura, a parte qualche procura non omologata al pensiero unico, se ne è aprioristicamente lavato le mani. E di fatto, portando alla sbarra solo gli scafisti, cestinando l’obbligatorietà dell’azione penale verso i possibili altri soggetti. Che dire? Benvenuto, Le Figaro!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Tra i grandi del mondo non ci siamo

Trump e Putin si siedono a tavolino e decidono le sorti del mondo. Certo, il vertice di Helsinki non è Yalta, ma i due non soffrono di sensi di inferiorità rispetto a Napoleone e Carlo Magno, figuriamoci per Roosvelt e Stalin. Quello che ha dell’incredibile è però che possono farlo, spartendosi ciò che gli pare…

Continua

La retorica bugiarda del Paese che non cambia

Il Governo Conte non ha fatto ancora niente, siamo solo agli annunci, i fatti concreti non si vedono. La retorica delle opposizioni all’Esecutivo di M5S e Lega ci sta bombardando con queste parole d’ordine. Ma le cose stanno veramente così? Sfogliamo insieme questo giornale, e non c’è una sola pagina senza prove concrete di un…

Continua

Unione (alcolisti) Europea

L’Europa guidata da un ubriaco. Se qualcuno non avesse capito perché andiamo sempre a sbattere, si guardi le immagini del vertice di ieri tra i Paesi della Nato. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker si è presentato talmente fuori controllo da non stare neppure in piedi. Una fotografia tragica per le condizioni di quest’uomo…

Continua

Una nuova lezione dalle urne

Non solo un Pd ai minimi storici e così tramortito da non riuscire a darsi una nuova leadership. Nell’eredità del renzismo c’è il tracollo della Sinistra a ogni latitudine della società italiana, come dimostra anche il tracollo al Csm di quelle che una volta si sarebbero chiamate toghe rosse. La stragrande vittoria di un magistrato…

Continua

Democrazia in deficit nelle banche

A sentire l’Abi, l’associazione delle banche di casa nostra, con l’avanzata del nazionalismo l’Italia può finire in bancarotta come l’Argentina. Certo, il mago Otelma sarebbe stato più capace di prevedere il crollo delle Popolari o del Monte dei Paschi, ma il campanello d’allarme suonato dai banchieri non va comunque sottovalutato, anche perché l’avvertimento segue a…

Continua

Il Colle parli dei soldi della Lega

Hanno parlato di migranti e Libia. Forse anche del caldo che fa. Ma di magistratura neppure un cen- no. Così ci dice il Viminale e il Quirinale non lo smentisce. Dunque perché non crederci anche se il partito di Salvini ha quel problemuccio dei 49 milioni di euro sequestrati per i finanziamenti pubblici spariti ai…

Continua

Una svolta per politici e giudici

Il sottosegretario alla Giustizia Morrone (Lega) ieri sera ha chiarito: quando si è augurato che la magistratura si liberi delle correnti, e soprattutto di quelle della Sinistra, non voleva dire quello che ha detto. Al ministro Bonafede la giustificazione è bastata e dunque tutto bene madama la marchesa! La luna di miele tra politica e…

Continua

Sacrificare la stampa è un errore

Chi segue questo giornale da oltre cinque anni sa bene quanto malaffare abbiamo scoperchiato, denunciando una montagna di abusi anche nella pubblica amministrazione. Per poterlo fare liberamente non abbiamo voluto alle spalle editori impuri, cioè soggetti economici che hanno i loro business principali in settori diversi dalla pubblicazione dei quotidiani, e a scanso di equivoci…

Continua

Abracadabra soltanto sui soldi Pd

La Cassazione chiude i giochi sul tesoretto dei rimborsi elettorali fatti sparire dalla Lega. La vicenda risale all’epoca della segreteria di Umberto Bossi e per quella che è stata riconosciuta come una palese appropriazione illecita sono già arrivate diverse condanne, con in testa l’allora tesoriere del partito, Francesco Belsito. Parallelamente lo Stato ha cercato di…

Continua

Le atlete che battono i razzisti

Se mettere argini alle fake news su internet è un’impresa disperata, arrestare la stupidità e il livore generati dalla rete non ha nessuna possibilità di successo. Le più banali chiacchiere da bar condivise con un pubblico vastissimo per molti diventano pagine di Vangelo. E così, protetti dallo schermo, tanti leoni da tastiera giudicano senza sapere,…

Continua