L’ultima Ong con Boeri al comando

di Gaetano Pedullà

Il presidente dell’Inps Tito Boeri non c’entra nulla con i trafficanti che campano grazie ad immigrati e accoglienza. Dal suo osservatorio ripete da sempre che l’Italia deve dire grazie ai migranti, perché da loro l’Istituto di previdenza incassa un mucchio di contributi e con questi paga a tutti le pensioni. Ma Boeri non è certo un alieno che vive su Marte, come gli ha ricordato Salvini, e sa perfettamente che il nuovo Governo vuole stringere i flussi, e per quanto lo riguarda sfilargli la poltrona. Perciò l’appello a fare spazio a nuovi lavoratori stranieri ha avuto l’effetto di una dichiarazione di guerra. Il numero uno dell’Ente si è calato in trincea, facendo degli immigrati a cui ha reso tanto merito i suoi scudi umani. Se il Ministero del Tesoro tra breve lo manderà a casa, sarà stato per aver difeso una nobile causa, dove però di nobile in realtà c’è poco. Quando Boeri afferma che grazie ai contributi degli immigrati l’Inps mantiene i pensionati italiani non dice affatto una bugia. Ma non si capisce proprio perché questi stessi contributi sarebbero meno utili se a versarli fossero lavoratori italiani, magari giovani e residenti in quelle zone del Paese dove la disoccupazione si respira a ogni angolo di strada. Gli italiani, si dirà, certi lavori non li vogliono fare, ma per questo c’è all’orizzonte il Reddito di cittadinanza, che avrà anche un ruolo educativo perché lascerà a secco chi dovesse dire tre volte no ai lavori che ci sono. Eppure Boeri invece di invitare gli italiani a rimboccarsi le maniche chiama gli stranieri. Evidentemente è pronto per guidare l’Inps africano.

Commenti

  1. honhil

    Boeri fa politica. Da radical chic. E fa finta di non sapere che, per reclutare la possibile manodopera di cui ha, o potrebbe avere, di bisogno lo Stivale, vi sono i consolati. Altro invece fanno le Ong e i trafficanti di esseri umani, come, per ultimo ma non ultimo, ha scritto su Le Figaro l’editorialista Renaud Girard. Del resto, il patto tra le Ong e gli scafisti, e quindi le mafie di almeno tre continenti, era cosa nota da sempre. E da sempre a denunciare tale intreccio mafiotico, una vera e propria associazione a delinquere, è stato il buonsenso. Inascoltato all’inizio e poi addirittura preso di mira da chi, per un verso o per un altro è stato ed è favorevole a questa invasione chiamata accoglienza, etichettato come razzista e fascista. Chi invece testardamente l’ha da sempre negato, oltre agli ultimi 4 governi napolitaniani, è stata la stampa italiana dalla cosiddetta schiena dritta, ed in modo particolari i giornali debenedettiani. Mentre la magistratura, a parte qualche procura non omologata al pensiero unico, se ne è aprioristicamente lavato le mani. E di fatto, portando alla sbarra solo gli scafisti, cestinando l’obbligatorietà dell’azione penale verso i possibili altri soggetti. Che dire? Benvenuto, Le Figaro!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Non basta la resa di Macron

La capitolazione di Emmanuel Macron è completa, eppure del tutto insufficiente come fino a oggi ha dimostrato di essere il presidente francese. Rispondere ai gilet gialli ammettendo che nel Paese c’è un disagio profondo, e di conseguenza aumentando i salari di cento euro, non solo non servirà a niente ma è molto probabile che sarà…

Continua

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua

Sui giornali fantasia senza confini

Chi non legge i giornali non può immaginare i film di fantascienza che si perde ogni mattina. Ieri, per esempio, non c’era un solo quotidiano che non raccontasse di imminenti fratture nel Governo, con Di Maio e Salvini che addirittura non si parlano più personalmente, delegando le comunicazioni alle segretarie. I Cinque Stelle processavano Giorgetti…

Continua

Ritorsione politica da Bruxelles

Una Commissione europea arrivata a fine corsa e con il fiato dei movimenti sovranisti sul collo ha fatto il più classico degli errori. La bocciatura della nostra Manovra per il 2019 è infatti la tipica azione inconsulta di chi è in preda al panico, e per colpire un avversario che fa paura finisce per spararsi…

Continua

I leader si vedono adesso

La maggioranza che va sotto alla Camera, dove 5 Stelle e Lega hanno un margine larghissimo sulle opposizioni, è il segnale peggiore che l’Italia possa dare mentre l’Europa si prepara a infilzarci, bocciando la Manovra economica. I giochetti di un manipolo di parlamentari senza la statura necessaria per una battaglia epocale tra spread e democrazia…

Continua

Cosa insegna Treviso sui rifiuti

Alzi la mano chi aveva sentito mai parlare di modello Treviso. Si tratta – per tutti quelli che ancora non lo sanno – del sistema messo in piedi vent’anni fa nella provincia veneta per liberarsi dai rifiuti. Senza bisogno di termovalorizzatori dalle dubbie ricadute su inquinamento e salute, nel trevigiano smaltiscono il 100% della spazzatura…

Continua