Manovra Gratta e perdi. La visita di Conte al Colle non annuncia niente di buono

di Gaetano Pedullà

Fossimo in tempi di pace non ci sarebbe niente di strano a vedere il capo del Governo che sale al Colle per aggiornare il Presidente della Repubblica su cosa bolle in pentola nella Manovra finanziaria. Ma questi sono tempi in cui tutte le categorie del passato sono saltate, e mettere d’accordo Cinque Stelle, Pd e Matteo Renzi è più di una sfida alle leggi della fisica. Quindi la visita di ieri sera a Sergio Mattarella non annuncia niente di buono per Giuseppe Conte, che rischia di farsi logorare da una lotteria di idee poco furbe e di veti incrociati. Ecco, proprio le lotterie (quelle istantanee) sono l’ultima trovata per fare cassa, aggiungendo una nuova micro-tassa a carico di chi cerca la fortuna in tabaccheria, e generalmente non si tratta delle classi più agiate del Paese.

Così – si dirà – si può togliere la micro-tassa sulla plastica o sullo zucchero, ma alla fine se non è zuppa e pan bagnato e questo passo di lato – oltre a svelarci chi può contare sulle lobby migliori – aggiunge un altro argomento a chi parla di Governo delle tasse. Peccato, perché le micro e le grandi tasse si potrebbero pure sopportare se inserite in un disegno più ambizioso: presentarci in Europa con i conti a posto per poter pretendere un minuto dopo l’approvazione della Manovra di fare 100 miliardi di deficit in cambio della realizzazione di tre grandi riforme strutturali. E non fermarsi qui. L’anno dopo tornare a Bruxelles e dopo aver dimostrato che le cose si sono fatte sul serio, chiedere altri 100 miliardi per altri tre progetti di modernizzazione del Paese.

Solo così, in non meno di cinque anni, si può realisticamente aggiustare uno Stato che fa acqua da tutte le parti, che ha strade e territori che franano, che non ha un sistema di finanziamento (cioè una banca pubblica) per realizzare le grandi opere infrastrutturali del Sud. Pensare in grande, insomma, senza cadere nelle illusioni isolazioniste dei sovranisti e contemporaneamente fornire gratis nuova benzina all’aggressiva propaganda di Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Più facile a dirsi che a farsi? Senz’altro, ma qui a puntare in alto neppure ci si prova, e vedere che l’ultima ideona di giornata è ritassare il gratta e vinci lascia sinceramente avviliti.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

C’è lo spot del Coronavirus

Armiamoci di pazienza e mettiamoci l’anima in pace, a meno di non volerci portare sulla coscienza altre migliaia di vittime. Fino al 13 aprile si deve restare a casa, e contribuire tutti a fermare un’epidemia che sta rallentando, ma può metterci un attimo a ripartire e ad esplodere, soprattutto nelle regioni del Sud dove finora…

Continua

Le Regioni che turbano la Merkel

Chissà che paura s’è presa la Merkel quando ieri le hanno portato la letterina vergata da un certo numero di presidenti di Regione, sindaci e liberi sottoscrittori, tipo Calenda. Un papello pubblicato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, nel quale si leggevano due messaggi. Il primo era un rimprovero per la carenza…

Continua

Basta sciacallaggi delle Destre. Così ammazzano il Paese

Chiamiamolo col suo nome: alto tradimento. Chi sta fomentando anche indirettamente il malcontento che c’è nel Paese, spingendo i cittadini rimasti senza un soldo persino per la spesa ad assaltare i supermercati, sappia che così non si mette in croce il Governo o la maggioranza che lo sostiene, ma la stessa democrazia e i princìpi…

Continua

Dio ci salvi da Draghi premier

Tanto vale farlo santo subito. Mario Draghi, l’uomo della provvidenza, quello che ha salvato l’euro e le cui parole sono Vangelo – sempre sia lodato dal sacro testo Financial Times – è il sogno a occhi aperti di veri e presunti poteri forti, dei giornaloni e di una destra disposta pure a rinnegare se stessa…

Continua

Pechino ci deve risposte

Chi fa giornalismo con serietà non può che tenersi alla larga tanto dai complottisti quanto dai negazionisti. Le fake news sono dietro ogni angolo, e da quando siamo tutti nella rete dei social network i produttori di bufale sono in servizio permanente effettivo. Ma altrettanto è un grave errore far finta di niente quando da…

Continua

Il disonore dei sindacati disfattisti

Mentre scrivo questo articolo il presidente del Consiglio e un manipolo di ministri, anziché occuparsi dell’emergenza sanitarie ed economica, sono riuniti a porte chiuse con i segretari dei grandi sindacati confederali per decidere se oggi insieme al virus avremo la calamità di centinaia di aziende in sciopero, e quei pochi trasporti che permettono di rifornire…

Continua

Regioni più dannose del virus

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende…

Continua

Conte vuole i soldi ma non il Mes. Giusto, però rischiamo una trappola

Scusate la mia brutta abitudine, per cui quando vedo la bava sparsa a fiumi su tv e giornali mi si alza il sopracciglio e sento puzza di bruciato. La brillantissima presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde completamente riabilitata per aver messo una pezza al buco fatto da lei stessa, è un caso tipico della…

Continua

Usare tutte le risorse possibili. Solo così si salva l’Europa

Non ci voleva molto a capirlo, e il fatto che ieri – dopo una netta correzione di rotta – sia arrivata un po’ di calma sui mercati finanziari è la prova che la Banca centrale europea stava sbagliando tutto. Ostinarsi a non tagliare i tassi mentre le principali banche centrali del mondo l’avevano già fatto,…

Continua

Tutti noi più generosi di Silvio

A caval donato non si guarda in bocca e quindi grazie alla famiglia Agnelli, a Silvio Berlusconi e a Giuseppe Caprotti, figlio del fondatore di Esselunga, per aver donato dieci milioni ciascuno e respiratori da destinare ai nostri ospedali. Certo, se consideriamo i patrimoni di questi signori è stato più generoso il Movimento 5 Stelle,…

Continua