Nella partita che vale ci sarà Conte

di Gaetano Pedullà

Per chi ama profondamente il calcio anche le partite minori hanno il loro fascino. Talvolta ci puoi trovare qualche vecchia gloria, anche se raramente ci si diverte a guardare, perché gli schemi di gioco si conoscono a memoria e la posta in palio non è certo il campionato. In politica non è molto diverso, e ieri quello che al botteghino ci hanno venduto come un match d’eccezione in realtà valeva meno di un’amichevole. Dal derby dei due Mattei poteva uscire qualche velenoso traversone, o un bruciante contropiede, ma niente a che vedere con la finale scudetto, dove in campo probabilmente ritroveremo Salvini ma questa volta contro Conte.

Se i leader della Lega e di Italia Viva hanno onorato al meglio delle loro possibilità le rispettive maglie, nell’incontro che conterà sul serio saranno in palio le bandiere, e con esse due diverse idee di gioco: il catenaccio sovranista contro il più moderno calcio totale, senza vecchie geometrie e con scatti veloci da destra a sinistra. Fuor da metafora, quello di ieri sera tra Renzi e Salvini è stata un’esibizione a porte aperte, più che a Porta a Porta, ma al di là della prevedibilità dei soliti argomenti trattati, ci ha fornito solo la conferma di quanto il capo del Carroccio sia tutt’altro che irresistibile, e in un campionato rischia di arrivare alla fine spompato.

Sempre che l’ex premier rottamatore, inebriato da due turni ravvicinati sotto le luci della ribalta (il prossimo sarà nel fine settimana alla Leopolda) non si illuda di essere diventato Maradona, e non riuscendo a fare gol si metta a tirare contro la sua stessa porta.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La battaglia in nome dell’equità

Fossimo in un Paese normale, il Governo Conte che mette mano alla questione meridionale – cioè il più grande problema nazionale dall’unità d’Italia – sarebbe la più importante notizia dei giornali. Ma visto che di normale qui c’è rimasto ben poco, si è costretti a dar conto di chi questo stesso Governo vuol farlo cadere,…

Continua

Una partita di potere per Renzi

Attenzione a sottovalutare Matteo Renzi, un personaggio riuscito a portare il Pd al massimo storico e poco dopo al suo minimo di sempre, per poi scendere ancora con il partitino fai-da-te Italia viva, stimato tra il 3 e il 5%. L’ex sedicente rottamatore sa bene che se continua a tirare la corda si rischia di…

Continua

Champagne a fiumi per i corrotti

Un passo avanti e due indietro. Se l’Italia sta messa come sta ci sarà qualche motivo, e il primo tra tutti è che siamo allergici alle riforme, soprattutto se toccano politici e colletti bianchi. A ricordarcelo, semmai ci illudessimo di voltare pagina, è stata ieri la Corte costituzionale, bocciando un principio di assoluto buonsenso: chi…

Continua

Sembravano sardine. Erano squali

Se la sardina col maglioncino Benetton era indigesta, sentire il loro leader Mattia Santori che difende i vitalizi dei parlamentari è da lavanda gastrica. Peccato, perché questo movimento sembrava poter dare ben altri contributi dopo il meritorio argine ai sovranisti in Emilia Romagna. Già in quella fase, a dire il vero, c’era qualcosa che non…

Continua

La casta e il Diritto dei furbi

Quant’è inutile discutere di etica quando ai più interessa solo la cotica. Il caso del momento è l’indomita resistenza degli ex senatori per tenersi il vitalizio, un privilegio di cui hanno goduto per decenni malgrado anche loro sia la colpa delle difficili condizioni in cui versa il Paese. Il Diritto pronunciato con due D non…

Continua

Finiamola con l’era dell’impunità

I renziani non riescono proprio a capirlo perché Conte e i Cinque Stelle mettano persino a rischio il Governo pur di non piegarsi al cosiddetto lodo Annibali, cioè il rinvio di un anno del blocco della prescrizione diventato da poco più di un mese legge dello Stato. I problemi della Giustizia sono tanti e al…

Continua

L’ultima balla sul Movimento che scende in piazza contro il suo stesso Governo

Se si potesse avere un centesimo per ogni bugia messa in circolazione dalla nascita dei Cinque Stelle ci potremmo pagare tutto il debito pubblico italiano, e in tasca ci resterebbe pure qualcosa. Le puntate precedenti le conosciamo: quello dei grillini è il partito (mentre in realtà è un Movimento) delle tasse e delle manette, nemico…

Continua

La Giustizia che serve ai furbi

Un Governo che rinvia le cose da fare si presenta male, ma se cerca di rinviare le cose già fatte va anche peggio. Dunque c’è da augurarsi che il premier non tenga conto delle false minacce di Matteo Renzi e di quella parte del Pd che vuole tornare indietro sulla prescrizione, una buona legge dello…

Continua

La natura profonda dei 5 Stelle

Ci voleva un’autentica porcheria per riportare i 5 Stelle a manifestare in piazza, il prossimo 15 febbraio davanti al Senato. Nonostante i rappresentanti della volontà popolare abbiano detto a grande maggioranza stop ai vitalizi, il sistema se ne sbatte e si appresta a reintrodurre il privilegio perduto. Così torna a galla la natura profonda del…

Continua

Un debito di 150 anni con Roma

Ieri nel titolo a tutta prima pagina, il quotidiano La Verità accusava la sindaca Virginia Raggi di aver sbagliato la data dei 150 anni di Roma Capitale. In realtà, però, è stato il giornale più vicino alla Lega a confondersi sui giorni di Carnevale, perché solo uno scherzo venuto male può spiegare un tentativo tanto…

Continua