Non piove, è colpa della Raggi. L’ultima idiozia per colpirla

di Gaetano Pedullà

Che piova o che non piova è sempre colpa della Raggi. Convinti come sono di avere a che fare con l’anello debole dei Cinque Stelle, avversari politici e giornali di complemento battono come un fabbro su ogni mossa della sindaca, a spezzo del ridicolo e col risultato di fare emergere che dopo Di Maio nel Movimento non ci sono tanti altri leader con la capacità, la resistenza e la visione della prima cittadina di Roma. L’ultimo siluro però è scoppiato rovinosamente tra le gambe di chi l’ha sparato, amplificato dalla grancassa del maggiore giornale della Capitale, Il Messaggero, che da mesi attacca così pretestuosamente il Campidoglio da far capire pure ai più ingenui quanto l’editore, l’influente costruttore Caltagirone, sia insofferente all’attuale Giunta.

Dopo l’allarme dei meteorologi e acquisito il parere tecnico dello strumento preposto, cioè il Comitato operativo comunale, giovedì scorso si è disposta con un’ordinanza la chiusura delle scuole, per mettere più al sicuro possibile studenti e familiari in un giorno in cui si prevedevano pioggia e venti con una potenza superiore ai cento chilometri l’ora. Un rischio che sembra sia stato giudicato irrilevante da qualche preside apprendista mago della pioggia, e da folle di cittadini infuriati perché la decisione di chiudere le scuole è stata data nel tardo pomeriggio e non magari per fonogramma una settimana prima.

Ora, come molti sanno, La Notizia non è un giornale con l’anzianità e la presenza storica del Messaggero nella città di Roma, ma alla nostra redazione dove comunque arrivano ogni giorno proteste di ogni tipo, giovedì scorso non si è vista una sola rimostranza per la chiusura delle scuole. Qualche raro commento l’abbiamo visto invece ieri mattina, quando la bufera temuta non c’è stata, e però il rischio che arrivasse era incombente di minuto in minuto, e dunque ogni persona di semplice buonsenso aveva poco da scherzare. Inoltre, le notizie che arrivavano da altre parti del Paese, a cominciare da Napoli dove il sindaco De Magistris ha preso lo stesso provvedimento di chiusura delle scuole, confermavano l’allerta meteo, a cui nella Capitale va aggiunto un ulteriore elemento di preoccupazione per la fragilità di molti vecchi alberi.

La decisione presa dalla Raggi è stata perciò di assoluta ragionevolezza, e chi l’ha criticata per questo farebbe bene a riflettere che se domani in Campidoglio ci sarà un altro sindaco – indipendentemente dal colore politico – questo dovrà fare la stessa cosa a meno di mettere a rischio vite umane. Amministrare la cosa pubblica, così come governare, richiede responsabilità, oltre che onestà e visione di una collettività e delle sue esigenze. Ma questo non basta ancora se non ci si aggiunge il coraggio di fare le cose, e di affrontare l’impopolarità pur di fare le cose giuste. Per questo l’opposizione scriteriata del Centrodestra e della Lega è un gesto di tradimento della città.

Che Caltagirone e gli altri poteri economici vedano la sindaca M5S come il fumo negli occhi ci sta: chi fa affari nella Capitale era abituato a trattare i politici da scendiletto e ottenere in un modo o nell’altro tutto ciò che volevano. E altrettanto ci sta che la Raggi sia il diavolo per i Casamonica, gli Spada, i Fasciani, i condannati a decine di anni di carcere per associazione a delinquere nel processo mafia capitale, malgrado il rigetto dell’aggravante mafiosa che riporterà presto in circolazione i signori Buzzi e Carminati. Nessuno come questa sindaca si è opposto allo strapotere di questi clan, che in una recente trasmissione tv con Vittorio Sgarbi ho definito pericolosissimi, prendendomi per risposta l’accusa di esserlo io un mafioso, oltre a una dozzina di Capra! Capra!

Quello che invece non è comprensibile è come la Meloni e Salvini (tralasciamo Forza Italia perché a Roma con l’ultimo passaggio dei De Lillo alla Lega se ne sono praticamente perse le tracce) pur di buttare giù la Raggi facciano argine alla ristrutturazione dell’Atac, l’azienda dei trasporti che tre anni fa aveva un debito simile all’Alitalia, e che invece dopo il concordato inizia a produrre utili; e ancora perché si oppongano alla messa a dieta della piccola Iri in cui è stato trasformato il Comune capitolino, chiudendo società inutili come Roma Metropolitane, oppure come remino contro sui rifiuti, per la gioia dell’ex monopolista privato Cerroni che sogna di tornare a guadagnare centinaia di milioni come prima, mentre i cittadini si svenano per pagare la raccolta pubblica dell’Ama.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’arbitro che diventa goleador

Ci mancava l’arbitro che si finge super partes e poi fa gol nella porta avversaria. Il voto decisivo della presidente del Senato Casellati sulla vicenda Gregoretti segna un altro cedimento delle nostre istituzioni alle logiche politiche di parte, in un contesto in cui persino la Corte costituzionale è attaccata violentemente da Salvini per aver bocciato…

Continua

Che errore le urne su misura

Se non l’avessimo letto con i nostri occhi non potremmo crederci: la bocciatura del referendum sulla legge elettorale proposto dalla Lega “è un furto di democrazia” da parte di “Pd e Cinque Stelle che sono e restano attaccati alle poltrone”. Parole di Matteo Salvini, lo stesso che vuole buttare 300 milioni di soldi pubblici per…

Continua

Chi sta lacerando il Paese

Fino al momento in cui scrivo questo fondo non è scoppiata alcuna bomba nella sede di Repubblica, ma l’allarme che ieri sera ha costretto giornalisti e personale ad evacuare di corsa l’edificio è solo l’ultimo segnale di un’insopportabile stagione di intolleranza. In tanti hanno commentato che quel giornale se l’è cercata, perché sempre ieri titolava…

Continua

I sovranisti travolti dal treno giusto dell’Europa

Tolti i soliti arnesi della propaganda elettorale, una delle poche contestazioni mosse seriamente ai Cinque Stelle è quella di essersi presentati come forza politica anti-europea, mentre oggi sostengono un Governo europeista col Pd. Detta così, il Movimento avrebbe fregato i suoi sostenitori e pertanto merita di essere ricambiato con la stessa moneta, magari dirottando i…

Continua

Gasparri arbitro cornuto

Chi può reciti un Pateravegloria per Maurizio Gasparri. Il presidente della Giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato ieri mattina si sentiva così sicuro di poter aiutare Matteo Salvini sulla vicenda Gregoretti da promettere di fare l’arbitro in Commissione. Ora si sa che per definizione l’arbitro è cornuto, e infatti poche ore più tardi…

Continua

Inqualificabile giravolta della Lega sul taglio dei parlamentari. Ecco chi tradisce davvero gli elettori

Che voltagabbana che sono i 5 Stelle, traditori e attaccati alle poltrone. Dal Tav in poi, ogni promessa non mantenuta è colpa loro. E pazienza se non è stato possibile fermare i cantieri in Val di Susa perché tutto il Parlamento ha votato contro. E che dire del voto alla von der Leyen? Il Movimento…

Continua

Niente sconti ai signori del casello. I tempi sono maturi per recuperare un asset pagato con risorse dei cittadini

Uno Stato che rispetta il principio di legalità non può ricorrere mai alla vendetta, fosse anche di fronte a un grave torto come quello che tutti noi italiani abbiamo subito quando si sono affidate le nostre autostrade ai concessionari privati. Tale scelta in linea di principio non è sbagliata, perché negli anni d’oro delle partecipazioni…

Continua

Solo la stampa nemica dei 5S non sbaglia. Turchi e russi alimentano la crisi in Libia, ma si spara a senso unico su Di Maio

Voce di popolo – si dice – voce di Dio. Ma seppure quasi tutti i giornali sparino a senso unico sul ruolo marginale dell’Italia e del ministro Luigi Di Maio nella crisi libica, qui si capisce perché il suddetto popolo alla stampa crede pochissimo, e a buona ragione. Lasciamo perdere perciò quelle che sono libere…

Continua

Di Maio paga il conto di Trenitalia

I miei ormai affezionati haters, cioè gli odiatori seriali che a prescindere da ciò che dica o scriva mi coprono d’insulti sui social, non si scaldino subito: sono perfettamente consapevole che la situazione in Iraq e in Libia è così grave da rischiare una terza guerra mondiale. Allo stesso tempo ho ben chiaro che in…

Continua

Come volevasi dimostrare Salvini ha raccontato l’ennesima bugia

Come volevasi dimostrare, nelle carte consegnate da Matteo Salvini sulla vicenda Gregoretti non c’è traccia di un coinvolgimento diretto del premier Giuseppe Conte o dell’allora vicepremier Luigi Di Maio nel sequestro dei naufraghi sulla nave italiana; e come volevasi dimostrare il leader leghista non fa una piega su questa ennesima bugia, di cui peraltro non…

Continua