Passerelle di moda nelle Destre. Zaia parla di coprifuoco mentre Salvini va a spasso per Roma

di Gaetano Pedullà

Niente da fare. Per il vaccino contro la scelleratezza di certi nostri politici e dei loro trombettieri non c’è speranza. Anche mentre il momento è drammatico, il conto delle vittime cresce, il Paese è asserragliato in casa e chi ha un lavoro trema quanto chi ha fatto una vita di sacrifici per costruirsi un’attività e ora rischia di chiudere bottega. Tutti a parole dicono di non voler fare polemiche e passerelle, ma da quando è iniziato l’incubo del Coronavirus è una gara a chi la spara più grossa. Il Governo chiude per i primo in Europa i voli con la Cina? Ha sbagliato, secondo alcuni perché doveva farlo prima e secondo altri perché doveva farlo dopo.

Palazzo Chigi segue l’evolversi dell’epidemia e su consiglio di affermati virologi e dell’Istituto superiore di sanità delimita alcune zone rosse, lasciando aperte le imprese che stanno altrove? Sbagliatissimo: bisognava riaprire tutto. Poi il virus accelera e allora dagli con le accuse: si doveva sigillare tutto, tipo blocco navale che all’occorrenza si può riciclare con gli immigrati. E così per la chiusura delle scuole, il decreto che ci ha messi tutti in quarantena e adesso la manovra da 25 miliardi più 350 di garanzie per le imprese.

Su questo almeno Salvini è coerente: sin dal primo giorno farneticava di centinaia di miliardi da tirar fuori da chissà quale cilindro, visto che dal suo di cappello non riesce a farci uscire neppure i 49 milioni che il suo partito si è intascato illecitamente. Gli italiani però osservano, e per quanto irretiti dal Capitano, Meloni & C. straripanti su tutte le tv, non perdonano chi specula sulla malattia, e anzi apprezzano chi lavora sodo e comunica con sobrietà, a cominciare dal premier Conte, che infatti si consolida in cima ai leader più graditi. Allora la Destra manda avanti i governatori, prototipi della buona amministrazione del Nord, che però combinano un disastro al giorno, una volta il presidente della Lombardia, Fontana, facendo un filmato da day after con la mascherina, un’altra il collega del Veneto, Zaia, sparando che i cinesi mangiano i topi vivi.

Fontana ovviamente non ci sta a perdere la palma di chi la spara più grossa e allora eccolo affermare impavido che “a Roma non capiscono” cosa accade nella sua regione, e sempre per creare il “necessario” clima di collaborazione, dopo aver fatto qualunque cosa di testa sua, compresa la chiusura di esercizi e università, nomina commissario Bertolaso, lo stesso che il Governo ha ritenuto di non ingaggiare visto il non irrilevante danno erariale lasciato dall’Abruzzo alla Maddalena nella sua precedente esperienza di capo della Protezione civile. Anche stavolta però Zaia non vuole perdere, e alza nuovamente l’asticella, chiedendo il coprifuoco per chi esce da casa, così casomai il meschino sgattaiolato senza permesso non muoia di Coronavirus provvederà una pallottola padana.

In questo concerto di sparate, faticano a sentirsi Cirio (non c’entra con i pelati) e Toti, presidenti delle Regioni Piemonte e Liguria. Quest’ultimo l’altra sera ha telefonato in diretta durante la trasmissione Stasera Italia, su Rete4, manco fosse il suo ex boss che irrompeva nelle trasmissioni di Floris e Santoro, per definire una “minchiata” l’invito del sottoscritto a ripensare – quando l’emergenza sanitaria sarà finita – il nostro regionalismo, che aumenta la quantità di burocrazia da cui deriva la difficoltà ad affrontare situazioni complesse come una pandemia, oltre a uno sperpero di risorse che è sotto gli occhi di tutti. Per Toti invece sono le Regioni che risolvono i problemi, perché a Roma c’è solo un manipolo di incompetenti, e per dimostrarlo rivela di aver telefonato tutto il pomeriggio non si sa a chi per recuperare le mascherine che servono negli ospedali.

Ora ovviamente nessuno crederà che sia stato Toti a fare intervenire poche ore prima personalmente la Merkel per sbloccare la consegna di mascherine e altri presidi medici, e non invece la Farnesina che aveva premuto formalmente tutto il giorno sui capi di governo di mezzo mondo. Ma un presidente di Regione in crisi di astinenza da riflettori può anche raccontarla così, soprattutto se chi può sbugiardarlo non ha possibilità di replica, e convincere qualche supporter di bocca buona che in questo momento ci sia qualcuno tra i grandi produttori di mascherine che si fili un presidente di Regione.

L’EQUIVOCO. In questa caccia alla polemica e alla passerella ad ogni costo, per una volta Salvini avrebbe voluto restare fuori facendosi una bella passeggiata per Roma, con accanto la fidanzata e dietro la scorta. Bella idea visto che il clima nella Capitale è quasi primaverile, se non fosse che tutti gli altri italiani se ne devono stare chiusi tra quattro mura, e chi non ce la fa più sta subaffittando i cani dei vicini, portati avanti e indietro manco fossero incontinenti. Per giustificarsi, il leader della Lega ha precisato che era andato a fare la spesa, ma anche stavolta la pezza è venuta peggio del buco, perché nella zona in cui è stato fotografato non ci sono supermercati ed alimentari. Ma volete vedere che in fondo in fondo aveva ragione Fontana, quando diceva che a Roma non capiscono? Che fessi noi ad aver pensato si riferisse al Governo o ai romani che stanno in grandissima parte ubbidendo pazientemente alle disposizioni sanitarie di restare in casa, mentre invece si riferiva al capo della Lega, che se ne va a passeggio in barba ad ogni disposizione mentre in tutto il Paese c’è chi muore.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’Inps patrimonio del Paese

Dopo la Croce rossa, non c’è bersaglio su cui sparare più facile dell’Inps. Il sito internet da dove si accede al bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi e le Partite Iva mercoledì scorso è andato in tilt sotto la pressione di milioni di utenti. I partiti di opposizione con la grancassa delle tv…

Continua

C’è lo spot del Coronavirus

Armiamoci di pazienza e mettiamoci l’anima in pace, a meno di non volerci portare sulla coscienza altre migliaia di vittime. Fino al 13 aprile si deve restare a casa, e contribuire tutti a fermare un’epidemia che sta rallentando, ma può metterci un attimo a ripartire e ad esplodere, soprattutto nelle regioni del Sud dove finora…

Continua

Le Regioni che turbano la Merkel

Chissà che paura s’è presa la Merkel quando ieri le hanno portato la letterina vergata da un certo numero di presidenti di Regione, sindaci e liberi sottoscrittori, tipo Calenda. Un papello pubblicato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, nel quale si leggevano due messaggi. Il primo era un rimprovero per la carenza…

Continua

Basta sciacallaggi delle Destre. Così ammazzano il Paese

Chiamiamolo col suo nome: alto tradimento. Chi sta fomentando anche indirettamente il malcontento che c’è nel Paese, spingendo i cittadini rimasti senza un soldo persino per la spesa ad assaltare i supermercati, sappia che così non si mette in croce il Governo o la maggioranza che lo sostiene, ma la stessa democrazia e i princìpi…

Continua

Dio ci salvi da Draghi premier

Tanto vale farlo santo subito. Mario Draghi, l’uomo della provvidenza, quello che ha salvato l’euro e le cui parole sono Vangelo – sempre sia lodato dal sacro testo Financial Times – è il sogno a occhi aperti di veri e presunti poteri forti, dei giornaloni e di una destra disposta pure a rinnegare se stessa…

Continua

Pechino ci deve risposte

Chi fa giornalismo con serietà non può che tenersi alla larga tanto dai complottisti quanto dai negazionisti. Le fake news sono dietro ogni angolo, e da quando siamo tutti nella rete dei social network i produttori di bufale sono in servizio permanente effettivo. Ma altrettanto è un grave errore far finta di niente quando da…

Continua

Il disonore dei sindacati disfattisti

Mentre scrivo questo articolo il presidente del Consiglio e un manipolo di ministri, anziché occuparsi dell’emergenza sanitarie ed economica, sono riuniti a porte chiuse con i segretari dei grandi sindacati confederali per decidere se oggi insieme al virus avremo la calamità di centinaia di aziende in sciopero, e quei pochi trasporti che permettono di rifornire…

Continua

Regioni più dannose del virus

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende…

Continua

Conte vuole i soldi ma non il Mes. Giusto, però rischiamo una trappola

Scusate la mia brutta abitudine, per cui quando vedo la bava sparsa a fiumi su tv e giornali mi si alza il sopracciglio e sento puzza di bruciato. La brillantissima presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde completamente riabilitata per aver messo una pezza al buco fatto da lei stessa, è un caso tipico della…

Continua

Usare tutte le risorse possibili. Solo così si salva l’Europa

Non ci voleva molto a capirlo, e il fatto che ieri – dopo una netta correzione di rotta – sia arrivata un po’ di calma sui mercati finanziari è la prova che la Banca centrale europea stava sbagliando tutto. Ostinarsi a non tagliare i tassi mentre le principali banche centrali del mondo l’avevano già fatto,…

Continua