Referendum, ha vinto soltanto Zaia

di Gaetano Pedullà

Un giorno di euforia ci stava pure. Portare cinque milioni e mezzo di persone a rispondere su una domanda ovvia – volete o no più autonomia? – non era facile, anche se per riuscirci si sono spesi tanti soldi pubblici. Adesso Maroni tratterà con Gentiloni, il Veneto chiederà lo Statuto speciale e domani non succederà assolutamente niente. O perlomeno, non succederà niente di quello che gli elettori si aspettano. La legislatura è agli sgoccioli e sul federalismo fiscale si sono alternate negli ultimi 15 anni diverse commissioni ministeriali, con professoroni e consulenti, alcuni dei quali sono da tempo consiglieri di Zaia. Risultato: non si è tirato fuori un ragno dal buco. Impensabile dunque che si riesca a fare in pochi mesi quello che non si è riuscito in tre lustri. Dove il Referendum lascia una traccia pesante è invece negli equilibri del Centrodestra. Il governatore veneto è sempre più accreditato come il possibile federatore dei tre partiti che oggi faticano a comunicare. Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia sanno perfettamente che non hanno scelta a correre in coalizione, ma a furia di fare pretattica elettorale si stanno scavando fossati difficili poi da riempire. Il voto di domenica non è esaltante per Salvini, molto divisivo, e per Maroni, rimasto nella sua regione con un’affluenza sotto la soglia del 40 per cento. Ora, qualunque sistema elettorale si inventi, nell’era della rete e dei social l’offerta politica non può non essere accompagnata da leader riconoscibili e credibili. E Berlusconi non sarà il leader per sempre.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Il segnale del premier ai mercati

Il primo gesto significativo da premier Giuseppe Conte l’ha dedicato ai risparmiatori gabbati dalle banche. Una materia che conosce bene, per essersene occupato nel corso della sua attività professionale. Dopo aver buttato via mezza giornata per provare a convincere inutilmente Berlusconi, la Meloni e il Pd a sostenerlo, il capo del Governo incaricato è entrato…

Continua

L’utopia del merito al potere

Cominciamo col dire che non si uccide così nemmeno un cavallo. Il trascinarsi per tutta la giornata di ieri di affannose ricerche giornalistiche transoceaniche, e dei paralleli boatos sui social, ha mostrato al mondo la vitalità in Italia di un giornalismo d’inchiesta di cui – diciamolo con sincerità – persino noi stessi non c’eravamo accorti.…

Continua

Tiro al bersaglio su Conte. Che paura delle facce nuove

Verrebbe da dire: abbiamo voluto la bicicletta? E ora pedaliamo! Ecco, a tutti quelli che in queste ore ne stanno dicendo di vari colori perché il candidato premier Giuseppe Conte è un perfetto sconosciuto al grande pubblico, si può rispondere solo che questo è il bello del cambiamento. D’altronde volevamo facce nuove, no? Se il…

Continua

Non dateci un leader di cartapesta

Ieri i click sul computer per i 5 Stelle, oggi e domani i banchetti della Lega. Il nuovo bon ton della democrazia impone che qualche decimale dei milioni di elettori dei partiti decidano per tutti. I cittadini si sentono più coinvolti e i leader più forti. In realtà i primi fanno solo da spettatori ai…

Continua

Dopo lo spread, il calo di Mps. E Padoan usa i mercati per affossare l’intesa tra Lega e M5S

I mercati continuano a dare segni di nervosismo e lo spread che ci fa pagare più interessi sul debito pubblico prosegue la sua corsa. Si tratta di una evidente ritorsione dei nostri creditori contro la nascita di un Governo Lega-Cinque Stelle che vuole ridiscutere su parte delle esposizioni finanziarie dello Stato. Un’ingerenza vergognosa sul nostro…

Continua

Un Paese ostaggio dei mercati

Opss… l’hanno fatto di nuovo. I grandi finanzieri che possono vendere i nostri titoli di Stato per miliardi hanno ricominciato a bastonarci con lo spread. Un film già visto nel 2011, quando i mercati proprio con questo espediente licenziarono l’ultimo Governo Berlusconi, consegnandoci attraverso il presidente Napolitano al salasso del successivo premier Mario Monti. In…

Continua

Bruxelles che ci umilia si suicida

Se c’erano perplessità sulla nascita di un governo tra le due forze politiche con più consenso oggi nel Paese, degli oscuri burocrati europei ci hanno tolto ogni dubbio. Chi ancora si illude che l’Unione sia una comunità tra Stati con gli stessi diritti prenda atto che a Bruxelles pensano tutta un’altra cosa. L’Italia non solo…

Continua

Una chance a M5S e Lega è doverosa

Diciamolo: la gente della strada vuole vedere all’opera Di Maio e Salvini. Non saranno i personaggi più raffinati e politicamente corretti che conosciamo ma proprio il loro populismo li ha fatti diventare un fedele specchio del Paese. Naturale che dal vecchio establishment politico ed economico sia partito il fuoco di sbarramento. Meno comprensibile è il…

Continua

Ora si può parlare di riforme

Paradossi della politica: ci volevano i Cinque Stelle per fare di Berlusconi uno statista a cui per la prima volta diranno grazie tutti. Accettando il passo indietro imposto da Di Maio, il Cavaliere permetterà la nascita dell’unico Governo possibile con le forze parlamentari che abbiamo. Un Esecutivo di impronta populista, sicuramente più in sintonia con…

Continua

Basta rischi sui servizi pubblici

L’autobus che brucia in pieno centro a Roma è l’immagine perfetta di come è ridotta la città. I servizi pubblici sono in una condizione di degrado mai vista. Chiariamo subito: la colpa di tutto questo non è solo del sindaco Raggi e della sua parte politica, che in quasi due anni portano a casa risultati…

Continua