Roma come Corleone. Ora alla Capitale serve uno shock

di Gaetano Pedullà

Adesso vediamo come farà il Consiglio dei ministri a svicolare il 27 agosto prossimo, quando dovrà decidere se il Comune di Roma va sciolto o no per mafia. Un commissariamento che si voleva scongiurare anche per evitare una figuraccia storica. Ora però nemmeno dieci Olimpiadi potranno più cancellare lo spot alla potenza del crimine andato in onda ieri in mondovisione. Il funerale del boss Casamonica, con tutta la più classica simbologia mafiosa, certifica la battaglia perduta dal Campidoglio per riaffermare la legalità dopo il velo squarciato dalla Procura con l’inchiesta mafia Capitale. Un corteo con i cavalli che attraversa le strade della città, l’elicottero che lancia i petali sul feretro e l’orchestra che suona la musica del Padrino non possono essere stati organizzati senza che nessuno abbia dato le autorizzazioni. E se fosse andata proprio così, cioé con nessuno che ha visto niente, sarebbe persino peggio. Perciò adesso basta con l’ipocrisia e i calcoli politici di bottega. Roma ha bisogno di uno shock se non vogliamo vederla trasformarsi inesorabilmente in quella che fu Corleone. La capitale della mafia.

  • Saverio Schinzari

    In Italia vige un finto sistema democratico, cioè l’ipocrisia al potere. Ci fanno o vi fanno parlare, il sottoscritto, come tanti ha la “libertà ” di scrivere, per il resto poi non se ne frega nessuno niente. In Italia non si dimette nessuno, né tanto meno il siculo dopo le tante magre figure di cui è stato protagonista. Se fosse un vero uomo e non un pupazzo nelle mani della troika e del FMI, il bullo nazionale dovrebbe prendere esempio da TSIPRAS, e lasciare che il popolo esprima un suo giudizio su una politica economica e sociale devastante che ha distrutto il ceto medio. Il ceto medio non esiste più in Italia, mentre non si vede alcuna luce all’orizzonte. Il Presidente Mattarella, padre del mattarellum, dovrebbe prenderne atto. Personalmente credo che si debba andare urgentemente al voto. Sia per Roma che per l’Italia.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua

La finanza cade sempre in piedi

L’ipotesi del complotto per ora non regge. Il tribunale di Trani ha assolto le agenzie di rating Standard & Poor’s e Fitch dall’accusa di aver manipolato il mercato favorendo la grande speculazione che fece impennare lo spread sul nostro debito pubblico nel 2011. Un giochetto che gli italiani pagano ancora. Per effetto di quella crisi…

Continua

Juncker, ma ci faccia il piacere

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è un personaggio buffo. Dopo essere stato al governo del paradiso fiscale Lussemburgo, una volta approdato a Bruxelles è arrivato a darci lezione di sobrietà fiscale. Spiritoso, soprattutto quando ha il fiasco in mano, ieri ha superato se stesso lanciando un anatema alla perfida Albione. “Rimpiangerete l’Unione europea”,…

Continua