Se il lavoro fa paura alla scuola

di Gaetano Pedullà

Se la voglia di studiare è poca, figuriamoci quanto desiderio c’è di lavorare. Meglio, molto meglio, prendere un po’ d’aria fresca portando in piazza la più insensata delle proteste, come hanno fatto venerdì centinaia di studenti in molte città italiane. Obiettivo delle manifestazioni era l’alternanza scuola lavoro, ossia il principale appiglio con una possibilità reale di trovare un impiego una volta usciti dal percorso scolastico. Un epilogo tutt’altro che scontato in un Paese che ha il 40 per cento dei giovani disoccupati, con punte vertiginosamente più alte nelle regioni meridionali. Abbiamo visto così quanto sono rimbambiti questi ragazzi, ingannati da una visione ideale secondo cui a scuola si studia (magari si facesse sempre sul serio!) e solo dopo si lavora, accedendo senza attese a un posto fisso e ben pagato, prima di andare in pensione con il reddito garantito dei nostri genitori. Beata gioventù! Il mondo è cambiato e questi sapientoni erano troppo intenti a cazzeggiare su Facebook per accorgersene. E con lo stesso spirito del cazzeggio i manifestanti si sono messi addosso le tute blu per mascherarsi da operai senza paga. Sapessero sul serio quanto costa fatica indossare quelle tute in fabbrica non ci penserebbero nemmeno a profanarle. Troppo facile, quando si ha la pappa pronta, delegare ad altri il compito di portare a casa lo stipendio. Perché senza collegare la formazione scolastica al mondo del lavoro questo stipendio non arriva, o se arriva ci metterà molto più tempo di quanto adesso non si immagini.

Nel frattempo ci sarà da digerire bocconi amari: lavoretti temporanei, sfruttamento e zero contributi. Per questo motivo in tutto il mondo l’alternanza scuola lavoro è sostenuta dai governi, dalle famiglie e dagli stessi studenti che escono dai loro istituti sapendo concretamente cosa fare. Mica come qui, dove una moltitudine di “poveri figli” va a parcheggiarsi nelle università, senza dare esami perché troppo impegnati a dormire, giocare a playstation, dormire ancora, lamentarsi, stordirsi in discoteca e andare a nanna all’alba. Adesso lo so bene che qualche lettore sta storcendo il naso, infastidito da una descrizione che non fa onore a tanti ragazzi che invece studiano faticosamente, si impegnano, lasciano un segno nel volontariato e non hanno paura di sacrificarsi per lavorare. Ritorcete il naso, perché questi ragazzi, che per fortuna sono la stragrande maggioranza, venerdì in piazza a Roma, Milano, Napoli, Palermo e in altre sessanta città non ci stavano. A parziale discolpa degli sciagurati che hanno rubato un giorno di lezione per protestare, c’è da dire che i cortei avevano anche altri motivi, questa volta condivisibilissimi: i soffitti dei licei storici che crollano, le borse di studio sempre inferiori ai richiedenti e il numero chiuso degli atenei. La battaglia ai tirocini nelle aziende ha però prevalso su tutto e alla fine tutte le richieste degli studenti sono apparse grottesche. In questa maniera chi ha soffiato sul fuoco della protesta – la solita melassa di sindacato, insegnanti sessantottini arrivati in ritardo, centri sociali, ambienti sedicenti intelletualoidi – ha disperso le ragioni serie di un malessere che ristagna da troppi anni nella nostra scuola. Il nuovo nemico è l’innovazione, esattamente il contrario di quello che si dovrebbe insegnare agli studenti. E per rendere credibile questa follia ci si aggrappa alle eccezioni fisiologiche quando si tentano strade nuove. “Viviamo sulla nostra pelle i disagi di questo modello di Alternanza. Siamo studenti, non merce nelle mani delle aziende”, ha detto la coordinatrice nazionale dell’Unione degli studenti, Francesca Picci. Il guaio è che se qualche situazione di abuso può anche esserci stata – un ragazzo si è fratturato una tibia in un’azienda nautica di La Spezia, altri hanno protestato per aver dovuto portare le sdraio negli stabilimenti balneari in Sardegna – non è che si può buttare via il bambino con l’acqua sporca. Un concetto per una volta ben espresso dal ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, guarda caso un’ex sindacalista Cgil di lungo corso, ieri sulle barricate per far diventare la scuola italiana l’immenso stipendificio che è diventato, con assunzioni a dismisura concesse dai governi di ogni colore politico in cambio di pace sociale. Oggi che quella militanza l’ha portata a diventare ministro (senza laurea), la Fedeli spiega che siamo di fronte a un’innovazione didattica e non a un’applicazione surrettizia dell’apprendistato. Bel coraggio! Ha fatto una cosa giusta e poi ha paura di rivendicarla. L’ultima delle brutte lezioni della nostra scuola.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua

Sui giornali fantasia senza confini

Chi non legge i giornali non può immaginare i film di fantascienza che si perde ogni mattina. Ieri, per esempio, non c’era un solo quotidiano che non raccontasse di imminenti fratture nel Governo, con Di Maio e Salvini che addirittura non si parlano più personalmente, delegando le comunicazioni alle segretarie. I Cinque Stelle processavano Giorgetti…

Continua

Ritorsione politica da Bruxelles

Una Commissione europea arrivata a fine corsa e con il fiato dei movimenti sovranisti sul collo ha fatto il più classico degli errori. La bocciatura della nostra Manovra per il 2019 è infatti la tipica azione inconsulta di chi è in preda al panico, e per colpire un avversario che fa paura finisce per spararsi…

Continua

I leader si vedono adesso

La maggioranza che va sotto alla Camera, dove 5 Stelle e Lega hanno un margine larghissimo sulle opposizioni, è il segnale peggiore che l’Italia possa dare mentre l’Europa si prepara a infilzarci, bocciando la Manovra economica. I giochetti di un manipolo di parlamentari senza la statura necessaria per una battaglia epocale tra spread e democrazia…

Continua

Cosa insegna Treviso sui rifiuti

Alzi la mano chi aveva sentito mai parlare di modello Treviso. Si tratta – per tutti quelli che ancora non lo sanno – del sistema messo in piedi vent’anni fa nella provincia veneta per liberarsi dai rifiuti. Senza bisogno di termovalorizzatori dalle dubbie ricadute su inquinamento e salute, nel trevigiano smaltiscono il 100% della spazzatura…

Continua

Uno Stato che spreca ancora

La libertà di stampa e il valore del giornalismo non sono in discussione. Concetti che noi della Notizia sosteniamo da sempre e che ieri abbiamo potuto ribadire sul Blog delle stelle, cosa per la quale ringraziamo il Movimento Cinque Stelle. Ma questa libertà serve a ben poco, come un conto vincolato in banca, se non…

Continua