Se il lavoro fa paura alla scuola

di Gaetano Pedullà

Se la voglia di studiare è poca, figuriamoci quanto desiderio c’è di lavorare. Meglio, molto meglio, prendere un po’ d’aria fresca portando in piazza la più insensata delle proteste, come hanno fatto venerdì centinaia di studenti in molte città italiane. Obiettivo delle manifestazioni era l’alternanza scuola lavoro, ossia il principale appiglio con una possibilità reale di trovare un impiego una volta usciti dal percorso scolastico. Un epilogo tutt’altro che scontato in un Paese che ha il 40 per cento dei giovani disoccupati, con punte vertiginosamente più alte nelle regioni meridionali. Abbiamo visto così quanto sono rimbambiti questi ragazzi, ingannati da una visione ideale secondo cui a scuola si studia (magari si facesse sempre sul serio!) e solo dopo si lavora, accedendo senza attese a un posto fisso e ben pagato, prima di andare in pensione con il reddito garantito dei nostri genitori. Beata gioventù! Il mondo è cambiato e questi sapientoni erano troppo intenti a cazzeggiare su Facebook per accorgersene. E con lo stesso spirito del cazzeggio i manifestanti si sono messi addosso le tute blu per mascherarsi da operai senza paga. Sapessero sul serio quanto costa fatica indossare quelle tute in fabbrica non ci penserebbero nemmeno a profanarle. Troppo facile, quando si ha la pappa pronta, delegare ad altri il compito di portare a casa lo stipendio. Perché senza collegare la formazione scolastica al mondo del lavoro questo stipendio non arriva, o se arriva ci metterà molto più tempo di quanto adesso non si immagini.

Nel frattempo ci sarà da digerire bocconi amari: lavoretti temporanei, sfruttamento e zero contributi. Per questo motivo in tutto il mondo l’alternanza scuola lavoro è sostenuta dai governi, dalle famiglie e dagli stessi studenti che escono dai loro istituti sapendo concretamente cosa fare. Mica come qui, dove una moltitudine di “poveri figli” va a parcheggiarsi nelle università, senza dare esami perché troppo impegnati a dormire, giocare a playstation, dormire ancora, lamentarsi, stordirsi in discoteca e andare a nanna all’alba. Adesso lo so bene che qualche lettore sta storcendo il naso, infastidito da una descrizione che non fa onore a tanti ragazzi che invece studiano faticosamente, si impegnano, lasciano un segno nel volontariato e non hanno paura di sacrificarsi per lavorare. Ritorcete il naso, perché questi ragazzi, che per fortuna sono la stragrande maggioranza, venerdì in piazza a Roma, Milano, Napoli, Palermo e in altre sessanta città non ci stavano. A parziale discolpa degli sciagurati che hanno rubato un giorno di lezione per protestare, c’è da dire che i cortei avevano anche altri motivi, questa volta condivisibilissimi: i soffitti dei licei storici che crollano, le borse di studio sempre inferiori ai richiedenti e il numero chiuso degli atenei. La battaglia ai tirocini nelle aziende ha però prevalso su tutto e alla fine tutte le richieste degli studenti sono apparse grottesche. In questa maniera chi ha soffiato sul fuoco della protesta – la solita melassa di sindacato, insegnanti sessantottini arrivati in ritardo, centri sociali, ambienti sedicenti intelletualoidi – ha disperso le ragioni serie di un malessere che ristagna da troppi anni nella nostra scuola. Il nuovo nemico è l’innovazione, esattamente il contrario di quello che si dovrebbe insegnare agli studenti. E per rendere credibile questa follia ci si aggrappa alle eccezioni fisiologiche quando si tentano strade nuove. “Viviamo sulla nostra pelle i disagi di questo modello di Alternanza. Siamo studenti, non merce nelle mani delle aziende”, ha detto la coordinatrice nazionale dell’Unione degli studenti, Francesca Picci. Il guaio è che se qualche situazione di abuso può anche esserci stata – un ragazzo si è fratturato una tibia in un’azienda nautica di La Spezia, altri hanno protestato per aver dovuto portare le sdraio negli stabilimenti balneari in Sardegna – non è che si può buttare via il bambino con l’acqua sporca. Un concetto per una volta ben espresso dal ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, guarda caso un’ex sindacalista Cgil di lungo corso, ieri sulle barricate per far diventare la scuola italiana l’immenso stipendificio che è diventato, con assunzioni a dismisura concesse dai governi di ogni colore politico in cambio di pace sociale. Oggi che quella militanza l’ha portata a diventare ministro (senza laurea), la Fedeli spiega che siamo di fronte a un’innovazione didattica e non a un’applicazione surrettizia dell’apprendistato. Bel coraggio! Ha fatto una cosa giusta e poi ha paura di rivendicarla. L’ultima delle brutte lezioni della nostra scuola.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una manovra a prova di divisioni

Davvero una mossa geniale questa dei leader del Pd: vederli passare dai caminetti alle cene con servitù è esattamente quello che aspettavano i loro ultimi eroici elettori per trasferirsi altrove. Un messaggio surreale per quell’Italia proletaria e di Sinistra che ha fame, e gli amati sapori di una volta li trova più facilmente sulla tavola…

Continua

Merde Alors a Salvini. L’ultima moda in Europa è insultare l’Italia

Abituato com’è ad abitare sul Colle, il Presidente Mattarella vola alto e forse fatica a vedere cosa accade giù, in basso, dove prolificano i nazionalismi, e di certa Europa non si vuole più sentir parlare. L’integrazione – dice il Capo dello Stato – ci ha portato benefici, i sovranismi sono un pericolo e non è…

Continua

Fuoco di fila contro il Governo

Quando fu eletto commissario europeo agli Affari economici, anche con il voto dell’Italia, Pierre Moscovici era considerato una colomba, cioè un “amico” dei Paesi con qualche guaio nei conti pubblici. Poi è arrivato Macron e il ritorno di quell’asse franco-tedesco che ha saldato gli interessi di Parigi a quelli di Berlino, a discapito degli Stati…

Continua

L’inutile diplomazia dell’Onu

Chi gira ogni tanto per il mondo sa quanto è sottile la considerazione per il nostro Paese. L’Italia degli spaghetti, mafia e mandolino è uno stereotipo che ci hanno affibbiato per farci male. Sia chiaro, noi ci abbiamo messo del nostro e in parte ci meritiamo un certo dileggio. Ma l’immagine di una nazione è…

Continua

Ora rischia la fiducia nelle toghe

Tre dei quatto capi d’accusa ipotizzati per Matteo Salvini sono già caduti, l’ultimo impegnerà per mesi il tribunale dei ministri, altri magistrati e un mucchio di dipendenti pubblici, tutti a caccia di un reato che per moltissimi italiani è invece una medaglia sul petto del ministro. Tanto è vero, che la popolarità del leader della…

Continua

La Chiesa perdona, i giudici No

Come volevasi dimostrare, un bel gruppo dei migranti arrivati in Italia con la nave Diciotti non ha perso tempo a dileguarsi. I magistrati però non corrono rischi: invece di dedicarsi a questi signori possono continuare a cercare capi d’accusa contro Salvini, il ministro che ha tenuto questa gente più a lungo possibile sul mezzo della…

Continua

La fortuna al contrario di Tripoli

Quanto ha senso indignarsi per mezzo mondo che vuole immigrare a casa nostra e poi continuare a fare le guerre coloniali? Si dirà che le colonie europee sparse per il pianeta – o i posti al sole come li smaltava il fascismo – non ci sono più, ma la guerra civile in corso in Libia…

Continua

Il Vaticano affronti i suoi guai o cadono le fondamenta

A volte ci sono segni profetici, capaci di mostrarci qualcosa che può avvenire, affinché ci si pensi meglio prima di favorire con i propri gesti il concretizzarsi del presagio. Il crollo nella chiesa di San Giuseppe dei falegnami, nel cuore di Roma, tempio affidato a un influente gesuita, strettissimo collaboratore di Papa Francesco, ha in…

Continua

La lobby del casello ha chiuso

Autostrade per l’Italia non ci sta a perdere per un processo sommario una concessione che le fa incassare ogni anno miliardi di euro di utili. È caduto un ponte di cui aveva la responsabilità, sono morte 39 persone (e il bilancio potrebbe essere più grave), l’immagine dell’Italia nel mondo ha subito un danno molto più…

Continua

Sulla Rai un conflitto scandaloso

Un Paese che non ha mai regolato sul serio i conflitti d’interesse tra politica e grandi capitali, c’è un caso che sta diventando grottesco per quanto è abnorme e scandalosamente alla luce del sole. L’azionista di riferimento del maggiore polo televisivo privato può permettersi di paralizzare la gestione della tv pubblica, protetto da una delle …

Continua