Tentazione dem, ma chi cambia la vecchia strada… C’è chi spinge i Cinque Stelle a cambiare cavallo. Ma poi chi lo spiega agli elettori?

di Gaetano Pedullà

In politica i numeri contano, ma non bastano a tutto. Ieri, digerita la larga vittoria di Nicola Zingaretti alle primarie del Pd, prima Roberto Fico e poi Luigi Di Maio hanno inviato segnali di fumo al neo segretario. Mentre le congratulazioni spedite dal primo sono state subito lette come la disponibilità a riaprire un dialogo finito prima ancora di cominciare ai tempi delle consultazioni per formare l’attuale governo, il leader politico dei 5 Stelle è stato invece più concreto, mettendo alla prova il nuovo timoniere dem su una questione in teoria centrale per la Sinistra: il salario minimo.

Un’offerta che ha suscitato la provocatoria reazione dei renziani Serracchiani e Marcucci, che hanno chiesto al Movimento di accodarsi a una loro proposta di legge, mostrando così quanto sarà dura per il governatore del Lazio de-renzizzare sul serio un partito dove l’ex premier continua – almeno per il momento – a controllare i gruppi parlamentari. Anche per questo i numeri, che nei sogni di qualcuno potrebbero consentire un clamoroso cambio di cavallo, con la caduta dell’attuale governo e la composizione in Parlamento di un nuovo Esecutivo sostenuto da M5S e Pd, come dicevamo, da soli non bastano.

I consiglieri dei pentastellati, con in testa Marco Travaglio, sono arrivati a rispolverare persino la teoria dei due forni, con cui trasse massimo beneficio la Lega di Umberto Bossi, giusto per pudore di non riesumare il prototipo di maggior successo di quello stesso meccanismo: il Psi di Bettino Craxi. L’argomento principe di chi vorrebbe il ribaltone è che il nuovo Pd guidato da Zingaretti è adesso un soggetto affidabile e degno di un’alleanza che ai tempi di Renzi, Boschi e Bonifazi al comando era improponibile. Ma Renzi, Boschi, Bonifazi e tutti i loro amici sono parlamentari del Pd e dunque in caso di accordo entrerebbero automaticamente in una maggioranza che non li vuole e che loro stessi non vogliono.

Una situazione paradossale visto che, a quanto pare, lorsignori al momento non rivelano nessuna concreta intenzione di sloggiare per lanciarsi in nuove avventure, come un loro partitello in stile En Marche! di Macron. Un addio che in ogni caso, seppure avvenisse, non cambierebbe di una virgola il Dna dell’attuale Pd, che i Cinque Stelle hanno sempre denunciato e combattuto. Come si fa perciò a sostenere che il contratto con Salvini sta facendo perdere voti a Di Maio e C. mentre l’accordo con il Pd ne farebbe guadagnare o quanto meno fermare l’attuale discesa?

Una risposta in questo senso non c’è, mentre c’è invece la certezza che l’eventuale fine del Governo Conte lascerebbe a metà il lavoro di un anno intero, e soprattutto avrebbe pochissime possibilità di appassionare il popolo dei 5S, che dovrebbero sentirsi accusare di aver salvato la poltrona grazie a un’operazione di Palazzo.
Siamo di fronte, insomma, a un cattivo consiglio che porta di nascosto un gigantesco pericolo.

Semmai il governo gialloverde cadesse e quello giallorosso non riuscisse a nascere, o una volta nato cadesse rapidamente, alle successive elezioni si lascerebbe con quasi assoluta certezza la guida del Paese al Centrodestra, e le politiche di Salvini che oggi sono mitigate dentro un contratto firmato da due leader fino a oggi leali finirebbero per potersi sviluppare liberamente, accentuando quelle forzature su sicurezza, gestione dei migranti, autonomia e molto altro ancora che oggi sono impedite dai Cinque Stelle.

Perciò Di Maio e Zingaretti fanno bene a parlarsi, magari per combinare insieme qualcosa di buono per il Paese, ma su certi sogni di giravolte è bene ragionarci bene e magari tenerli nel cassetto se non si vuole correre il rischio che si trasformino in incubi.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La stagione delle divisioni inaccettabili

Noi ci lamentiamo, e giustamente, dei governatori di Regione che si contraddicono tra loro e poi tutti insieme fanno guerra al Governo, ma negli Stati Uniti se la passano peggio. La partita delle nostre autonomie locali è grottesca, come s’è visto nella gestione della pandemia e delle riaperture agli spostamenti di domani. Perché siamo arrivati…

Continua

Formigoni ci ricorda dov’è il virus

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana messo alle strette dai pm di Bergamo ha fatto il salto della quaglia e scaricato su Roma la responsabilità della diffusione del Covid nella sua regione. La tesi è che il compito di istituire le famose zone rosse, isolando i focolai del virus, non gli competeva perché toccava al…

Continua

Salviamoci dai matti delle regioni

Ci mancavano solo i governatori che chiudono i confini delle regioni, che per farci passare chiedono il passaporto e se va avanti così tra un po’ si dichiarano guerra tra loro. Non serviva il Coronavirus per mostrare chiaramente che il regionalismo in Italia è un immenso fallimento. Ma la situazione adesso ha raggiunto le soglie…

Continua

Ai sovranisti restano le chiacchiere

Di grande successo in Italia, il cabaret di Salvini e Meloni adesso fa ridere il mondo. Esattamente come usano con il Governo di Giuseppe Conte, a cui i leader sovranisti aggiungono un più davanti a qualunque provvedimento, ieri i leader sovranisti hanno bocciato la poderosa proposta della Commissione europea per superare i disastrosi effetti economici…

Continua

Italia Viva e Paese moribondo

Nulla di nuovo dalla Destra abituata a difendersi dai processi e non nei processi. A meno di una improbabile giravolta dell’Aula del Senato, Matteo Salvini non andrà a processo per la vicenda Open Arms, come chiesto dai pm siciliani. Le novità arrivate dal voto della Giunta per le autorizzazioni sono invece significative per Cinque Stelle…

Continua

Che paura gli assistenti civici

Non ci salvano neppure il volontariato. La destra più becera e cialtrona di sempre, fiancheggiata da giornali e tv costretti a sfidare il senso del ridicolo pur di contestare il governo anche se moltiplicasse i pani e i pesci, ieri non ha trovato di meglio che dichiarare guerra a un esercito di pensionati, di padri,…

Continua

Autostrade e la beffa agli italiani

Il Gruppo che ha incassato miliardi grazie a una concessione pubblica delle autostrade ancora oggi inspiegabilmente vantaggiosa fa causa allo Stato perché la pacchia è finita. Un epilogo inevitabile, perché la vecchia politica non gli ha consegnato soltanto le chiavi di un patrimonio che appartiene a noi tutti, ma ha permesso di blindare legalmente il…

Continua

Chi ha paura del bis della Raggi

Da qualche giorno la romanella dei salotti e degli abusi sfuggiti per decenni al Campidoglio è in agitazione. La Raggi potrebbe candidarsi per un nuovo mandato e se ce la facesse tutte le piaghe dell’Egitto non farebbero altrettanto male. La maturazione del Movimento Cinque Stelle ha fatto comprendere che non disperdere l’esperienza dei suoi portavoce…

Continua

Basta fenomeni da circo

Dopo averne dette di tutti i colori sul Governo e il ministro della Giustizia, Matteo Renzi non ha votato la sfiducia a Conte e Bonafede. Cose da pazzi? No, perché questo signore a furia di piroette non ha più una faccia da perdere e divide il suo tempo strillando per avere potere e poi facendo…

Continua

Bonafede e i giochetti di Renzi

Arrivato sotto il 3%, come dicono i sondaggi, Matteo Renzi deve aver pensato di poter trascinare nel baratro anche i 5 Stelle, non limitandosi più a rallentare l’iter delle leggi e a pretendere poltrone: cioè lo sport che pratica dallo stesso giorno in cui promise invano di essere leale con la maggioranza giallorossa. Ora l’ex…

Continua