Tentazione dem, ma chi cambia la vecchia strada… C’è chi spinge i Cinque Stelle a cambiare cavallo. Ma poi chi lo spiega agli elettori?

di Gaetano Pedullà

In politica i numeri contano, ma non bastano a tutto. Ieri, digerita la larga vittoria di Nicola Zingaretti alle primarie del Pd, prima Roberto Fico e poi Luigi Di Maio hanno inviato segnali di fumo al neo segretario. Mentre le congratulazioni spedite dal primo sono state subito lette come la disponibilità a riaprire un dialogo finito prima ancora di cominciare ai tempi delle consultazioni per formare l’attuale governo, il leader politico dei 5 Stelle è stato invece più concreto, mettendo alla prova il nuovo timoniere dem su una questione in teoria centrale per la Sinistra: il salario minimo.

Un’offerta che ha suscitato la provocatoria reazione dei renziani Serracchiani e Marcucci, che hanno chiesto al Movimento di accodarsi a una loro proposta di legge, mostrando così quanto sarà dura per il governatore del Lazio de-renzizzare sul serio un partito dove l’ex premier continua – almeno per il momento – a controllare i gruppi parlamentari. Anche per questo i numeri, che nei sogni di qualcuno potrebbero consentire un clamoroso cambio di cavallo, con la caduta dell’attuale governo e la composizione in Parlamento di un nuovo Esecutivo sostenuto da M5S e Pd, come dicevamo, da soli non bastano.

I consiglieri dei pentastellati, con in testa Marco Travaglio, sono arrivati a rispolverare persino la teoria dei due forni, con cui trasse massimo beneficio la Lega di Umberto Bossi, giusto per pudore di non riesumare il prototipo di maggior successo di quello stesso meccanismo: il Psi di Bettino Craxi. L’argomento principe di chi vorrebbe il ribaltone è che il nuovo Pd guidato da Zingaretti è adesso un soggetto affidabile e degno di un’alleanza che ai tempi di Renzi, Boschi e Bonifazi al comando era improponibile. Ma Renzi, Boschi, Bonifazi e tutti i loro amici sono parlamentari del Pd e dunque in caso di accordo entrerebbero automaticamente in una maggioranza che non li vuole e che loro stessi non vogliono.

Una situazione paradossale visto che, a quanto pare, lorsignori al momento non rivelano nessuna concreta intenzione di sloggiare per lanciarsi in nuove avventure, come un loro partitello in stile En Marche! di Macron. Un addio che in ogni caso, seppure avvenisse, non cambierebbe di una virgola il Dna dell’attuale Pd, che i Cinque Stelle hanno sempre denunciato e combattuto. Come si fa perciò a sostenere che il contratto con Salvini sta facendo perdere voti a Di Maio e C. mentre l’accordo con il Pd ne farebbe guadagnare o quanto meno fermare l’attuale discesa?

Una risposta in questo senso non c’è, mentre c’è invece la certezza che l’eventuale fine del Governo Conte lascerebbe a metà il lavoro di un anno intero, e soprattutto avrebbe pochissime possibilità di appassionare il popolo dei 5S, che dovrebbero sentirsi accusare di aver salvato la poltrona grazie a un’operazione di Palazzo.
Siamo di fronte, insomma, a un cattivo consiglio che porta di nascosto un gigantesco pericolo.

Semmai il governo gialloverde cadesse e quello giallorosso non riuscisse a nascere, o una volta nato cadesse rapidamente, alle successive elezioni si lascerebbe con quasi assoluta certezza la guida del Paese al Centrodestra, e le politiche di Salvini che oggi sono mitigate dentro un contratto firmato da due leader fino a oggi leali finirebbero per potersi sviluppare liberamente, accentuando quelle forzature su sicurezza, gestione dei migranti, autonomia e molto altro ancora che oggi sono impedite dai Cinque Stelle.

Perciò Di Maio e Zingaretti fanno bene a parlarsi, magari per combinare insieme qualcosa di buono per il Paese, ma su certi sogni di giravolte è bene ragionarci bene e magari tenerli nel cassetto se non si vuole correre il rischio che si trasformino in incubi.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una lezione sul clima dai tedeschi. Berlino scommette sulla riconversione industriale

Quante gliene abbiamo dette ad Angela Merkel? E siamo sinceri: quanto avevamo ragione nel criticarla anche aspramente? Il rigore nella spesa pubblica che passando da Bruxelles ci ha imposto per anni ha demolito il senso stesso di quell’Europa solidale alla quale c’eravamo affidati. Oggi anche la Germania ne piange le conseguenze, e questo non ci…

Continua

La fiducia su Bruxelles è limitata. Certi lupi perdono il pelo ma non il vizio

Cronache dall’Europa bella che ha rinnegato certi peccati di gioventù, tipo costringere l’Italia a gestire da sola i migranti, lasciare milioni di persone senza welfare e servizi per il totem dei conti pubblici, chiudere gli occhi mentre la Grecia veniva affamata e depredata. Politiche criminali, oltre che miopi, perché hanno impoverito tutti, compresa la locomotiva…

Continua

La Lega merita di più di un leader come Salvini

Per Beppe Grillo l’addio di Matteo Renzi al Pd è stata una minchiata d’impulso, ma in realtà l’ex premier si preparava alla rottura da tempo, e la minchiata per ora l’hanno fatta i dem che speravano di scampare all’ennesima scissione. Per la stabilità della maggioranza non cambia molto, perché i Cinque Stelle e Conte sapevano…

Continua

Uno sguardo più lungo sull’Europa. L’Ue sta cambiando. Ecco perché ci fa ben sperare

Devo ringraziare l’ex vicedirettore e con me cofondatore di questo giornale, Marco Castoro, per avermi dato ancora una volta un prezioso spunto di riflessione. Preso dall’evidente nostalgia dei tempi in cui La Notizia bombardava quotidianamente l’Europa, ha ripescato una nostra prima pagina in cui beffardamente titolavamo “Paraculona” (si veda l’edizione dell’11 settembre 2015) sotto la…

Continua

Su Bibbiano basta passerelle, slogan e magliette. L’unica strada è riavviare l’iter della Commissione parlamentare d’inchiesta

Il sindaco di Bibbiano, città di cui tanti straparlano senza neppure sapere dove sta, secondo il pm che indaga sui bambini sottratti ai genitori per essere dati in affidamento, non sarebbe solo responsabile del reato veniale dell’abuso di ufficio, per aver concesso i locali del Comune a chi decideva la sorte dei piccoli. Il pm…

Continua

Altro che marionetta dei poteri forti. Conte ferma trivelle e signori delle autostrade

Basta affondare nel nostro Paese le trivelle e niente sconti ai signori delle autostrade. Chi ci racconta che il nuovo Governo è una marionetta dei poteri forti, che i 5 Stelle sono stati normalizzati pur di salvarsi le poltrone, e Conte è talmente navigato da entrare nel palmares dei dinosauri democristiani, è meglio che ripassi…

Continua

Ciaone ai notabili di partito. La strada è in salita ma almeno il panorama promette bene

Il Governo con l’età media più bassa di sempre, composto per un terzo da donne, che segna un deciso ricambio generazionale nel Pd e l’indole da talent scout dei Cinque Stelle, riusciti appena un anno fa a tirar fuori dall’anonimato politico un fenomeno come Giuseppe Conte, e ora pronti a riprovarci con personalità altrettanto promettenti…

Continua

Il difficile viene adesso. Il voto di ieri è stato un grande esempio. Ma la partecipazione da sola non basta

È nato sull’onda di un vaffa e ieri ha dimostrato di essere rimasto della stessa gustosissima pasta: vaffa a chi è rimasto nel secolo scorso diviso tra clan di destra e sinistra, vaffa a Salvini che ha tradito l’impegno preso col Movimento, vaffa a chi vuole fermare l’impronta riformista dei Cinque Stelle, vaffa ai troll…

Continua

La prova di maturità dei 5 Stelle. Oggi i veri attivisti del Movimento decideranno se far partire un Governo con il Pd al posto della Lega

Non giriamoci attorno con parole fintamente diplomatiche: oggi i veri attivisti Cinque Stelle (e non le migliaia di infiltrati e troll sui social network) devono decidere se far partire un Governo con il Pd al posto della Lega – sai che differenza! – oppure dare al Movimento una randellata letale, più profonda e dolorosa di…

Continua

Gli elettori l’ostacolo più difficile

Beati loro che non vedono ostacoli insormontabili. Uscendo ieri pomeriggio dal primo incontro tra capigruppo di 5S e Pd (questi ultimi entrambi renziani “commissariati” dall’inserimento di Orlando), è apparso chiaro che le basi per un’intesa di Governo c’è tutta. Poi in serata si sono visti a cena direttamente Di Maio e Zingaretti, e a quanto…

Continua