Tentazione dem, ma chi cambia la vecchia strada… C’è chi spinge i Cinque Stelle a cambiare cavallo. Ma poi chi lo spiega agli elettori?

di Gaetano Pedullà

In politica i numeri contano, ma non bastano a tutto. Ieri, digerita la larga vittoria di Nicola Zingaretti alle primarie del Pd, prima Roberto Fico e poi Luigi Di Maio hanno inviato segnali di fumo al neo segretario. Mentre le congratulazioni spedite dal primo sono state subito lette come la disponibilità a riaprire un dialogo finito prima ancora di cominciare ai tempi delle consultazioni per formare l’attuale governo, il leader politico dei 5 Stelle è stato invece più concreto, mettendo alla prova il nuovo timoniere dem su una questione in teoria centrale per la Sinistra: il salario minimo.

Un’offerta che ha suscitato la provocatoria reazione dei renziani Serracchiani e Marcucci, che hanno chiesto al Movimento di accodarsi a una loro proposta di legge, mostrando così quanto sarà dura per il governatore del Lazio de-renzizzare sul serio un partito dove l’ex premier continua – almeno per il momento – a controllare i gruppi parlamentari. Anche per questo i numeri, che nei sogni di qualcuno potrebbero consentire un clamoroso cambio di cavallo, con la caduta dell’attuale governo e la composizione in Parlamento di un nuovo Esecutivo sostenuto da M5S e Pd, come dicevamo, da soli non bastano.

I consiglieri dei pentastellati, con in testa Marco Travaglio, sono arrivati a rispolverare persino la teoria dei due forni, con cui trasse massimo beneficio la Lega di Umberto Bossi, giusto per pudore di non riesumare il prototipo di maggior successo di quello stesso meccanismo: il Psi di Bettino Craxi. L’argomento principe di chi vorrebbe il ribaltone è che il nuovo Pd guidato da Zingaretti è adesso un soggetto affidabile e degno di un’alleanza che ai tempi di Renzi, Boschi e Bonifazi al comando era improponibile. Ma Renzi, Boschi, Bonifazi e tutti i loro amici sono parlamentari del Pd e dunque in caso di accordo entrerebbero automaticamente in una maggioranza che non li vuole e che loro stessi non vogliono.

Una situazione paradossale visto che, a quanto pare, lorsignori al momento non rivelano nessuna concreta intenzione di sloggiare per lanciarsi in nuove avventure, come un loro partitello in stile En Marche! di Macron. Un addio che in ogni caso, seppure avvenisse, non cambierebbe di una virgola il Dna dell’attuale Pd, che i Cinque Stelle hanno sempre denunciato e combattuto. Come si fa perciò a sostenere che il contratto con Salvini sta facendo perdere voti a Di Maio e C. mentre l’accordo con il Pd ne farebbe guadagnare o quanto meno fermare l’attuale discesa?

Una risposta in questo senso non c’è, mentre c’è invece la certezza che l’eventuale fine del Governo Conte lascerebbe a metà il lavoro di un anno intero, e soprattutto avrebbe pochissime possibilità di appassionare il popolo dei 5S, che dovrebbero sentirsi accusare di aver salvato la poltrona grazie a un’operazione di Palazzo.
Siamo di fronte, insomma, a un cattivo consiglio che porta di nascosto un gigantesco pericolo.

Semmai il governo gialloverde cadesse e quello giallorosso non riuscisse a nascere, o una volta nato cadesse rapidamente, alle successive elezioni si lascerebbe con quasi assoluta certezza la guida del Paese al Centrodestra, e le politiche di Salvini che oggi sono mitigate dentro un contratto firmato da due leader fino a oggi leali finirebbero per potersi sviluppare liberamente, accentuando quelle forzature su sicurezza, gestione dei migranti, autonomia e molto altro ancora che oggi sono impedite dai Cinque Stelle.

Perciò Di Maio e Zingaretti fanno bene a parlarsi, magari per combinare insieme qualcosa di buono per il Paese, ma su certi sogni di giravolte è bene ragionarci bene e magari tenerli nel cassetto se non si vuole correre il rischio che si trasformino in incubi.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’alibi dell’abuso d’ufficio

Un bel patto con la maggioranza e l’opposizione, come nei tempi andati, quando le imprese spartivano a tutti e il soldo girava, con buona pace se finiva nelle tasche di corrotti e delinquenti. L’ultima idea lanciata dal presidente della Confindustria, Vincenzo Boccia, sa molto d’antico, e sorprende che non susciti inquietudine almeno in quella parte…

Continua

Al governo c’è chi fa e chi disfa

Con due passi indietro sulle multe a chi soccorre gli immigrati in mare e sul Tav intrufolato tra le infrastrutture prioritarie del Paese, Salvini fa un salto avanti e adesso pretende di portare a casa il decreto sicurezza bis e una bella spinta allo sbloccantieri. Con il passo indietro del ministro Tria sul miliardo di…

Continua

Giorgetti cerca l’alibi in Conte per colpire tre obiettivi

Giancarlo Giorgetti non è persona che lancia siluri a caso, e nella dichiarazione di sfiducia sul Presidente del Consiglio ha colpito tre obiettivi. Il primo è consolidare la strategia della Lega, per cui se le elezioni europee andranno molto sopra le attese (o molto sotto) si cercheranno tutti i pretesti possibili per far saltare il…

Continua

La tv del cambiamento e l’orgoglio razzista. Poletti nega di aver scritto l’articolo, ma anche nella smentita qualcosa non torna

Prima di vomitare leggete le ultime righe. Razzista. Sì sono razzista. Razzista, razzista e ancora razzista. Per chi non l’avesse ancora capito sono razzista. Razzista. E questo è un articolo razzista scritto da un giornalista razzista di un giornale razzista espressione di un movimento razzista costituito da milioni e milioni di razzisti. Sono, siamo, siete…

Continua

Basta con gli annunci avventati. Sono un regalo a chi specula

Quando il ministro delle Finanze, Giovanni Tria, dice che le tensioni degli ultimi giorni sullo spread del nostro debito pubblico sono ingiustificate, implicitamente ammette che il Paese è sotto un massiccio attacco speculativo. Sui mercati, insomma, si sta giocando al ribasso sul Btp, pur offrendo quest’ultimo un rendimento del 2,75%, a fronte dei titoli equivalenti…

Continua

Dopo il voto sarà tutto un altro film

Come si cambia per non morire, come si cambia per ricominciare… ma ve la ricordate questa bella canzone di Fiorella Mannoia? Racconta uno dei miracoli dell’amore, e a sua insaputa anche la politica italiana di queste settimane. Per non soccombere nelle urne ormai a due passi, le forze politiche stanno alzando i toni e caricando…

Continua

Che bello ballare con la Lega. In Rai si sta pensando di dare un programma all’ex deputata De Girolamo

Nelle piccole cose spesso ci stanno le grandi. Un concetto – direte – che non vale per le leggi della fisica, ma che diventa indiscutibile se ci affacciamo alla finestra per sentire l’aria che tira nella politica italiana. La più grande cosa che abbiamo davanti è il cambiamento avviato dal primo Governo composto da forze…

Continua

Che silenzio sul voto per l’Europa. E’ l’occasione per chiudere l’epoca infelice dell’austerità e degli euroburocrati

Un albero che cade fa più rumore di un’intera foresta che cresce, ma se i partiti fanno tutti i taglialegna alla fine resta solo un frastuono che stordisce, bloccandoci su fantomatiche guerre ai negozi della cannabis o all’evergreen dei rigurgiti fascisti, questo giro persino dentro una fiera letteraria, mentre ci sfuggono del tutto quisquiglie come…

Continua

Le lenti per vedere la morale. Se tra i casi Raggi e Siri non notate differenze non servono gli occhiali ma una cura seria di etica pubblica

Dopo due anni passati da imputata, la sentenza del processo a Virginia Raggi rivela che lei era la vittima e non l’autrice di un raggiro ordito dai fratelli Raffaele e Renato Marra, cioè i funzionari del Campidoglio che riteneva più vicini. Questo è quello che sta scritto nelle motivazioni del giudice che l’ha assolta, e…

Continua

L’Ue al solito vede nero. E se resta il rigore ci fanno neri sul serio. La Commissione riduce il nostro Pil e prenota una nuova austerità

Solite ricette dall’Europa. Mentre prepara gli scatoloni per sloggiare, ieri la Commissione di Bruxelles è tornata a tagliare le stime sulla crescita (non solo italiana), noncurante degli infiniti errori del passato e – nel nostro caso – di non poterci dare lezioni, in quanto nessun Paese ha fatto crescere l’occupazione più di noi nel primo…

Continua