Toghe sporche e depistaggi. Siamo una Repubblica fondata sull’intrigo

di Gaetano Pedullà

Nel nuovo terremoto giudiziario tra Roma e Messina, come nella vicenda Consip, non si capisce da che parte stanno anche i piani più alti dello Stato. Siamo diventati una Repubblica fondata sull’intrigo? A quanto pare sì. L’inchiesta che scoperchia un sistema di potere capace di pilotare affari per centinaia di milioni, provando persino ad aggiustare processi delicatissimi come quello che coinvolge il numero uno dell’Eni per le presunte tangenti in Nigeria e Algeria, vede coinvolti magistrati, baroni dell’Università, avvocati e giornalisti. Per Consip tremano un ministro, ufficiali di prima linea delle forze dell’ordine, manager pubblici, fino a lambire la famiglia di Renzi. E non finisce qui.

Da questa ragnatela non sfugge niente, se pensiamo che persino dai riservatissimi servizi segreti è filtrato in quali ristoranti vanno a pranzo i loro informatori. C’è uno Stato, insomma, che fa la guerra a se stesso, calpestando ogni regola, tradendo il giuramento di lealtà e fedeltà, spesso per corruzione ma anche per carriere e sete di potere. Un’opacità che presenta un conto salatissimo: la rottura della fiducia nelle istituzioni, comprese magistratura e forze dell’ordine che con poche eccezioni erano rimaste immuni dall’inquinamento della politica. A furia di vedere toghe sporche, mele marce, penne vendute, cosa resta nella mente dei cittadini? La risposta – nulla di buono – è scontata ma necessaria, perché quello che resta dello Stato di diritto si dia una svegliata. A questo sfascio non abbiamo gli anticorpi necessari e senza regole specifiche finanche il nostro essere comunità è destinato a una penosa decomposizione.

Riforme necessarissime – Di ricette per moralizzare non ce ne sono tante. La strada del “tutti in galera” è tanto facile quanto demagogica. In un Paese storicamente diviso tra Guelfi e Ghibellini, Orazi e Curiazzi, fascisti e comunisti, continuare a dividere in buoni e cattivi alla fine alimenta la diffidenza anche per lo Spirito Santo. Le élite della Repubblica sanno perfettamente di avere la coscienza sporca per aver creato un clima da scontro permanente, non solo politico e ideologico, dentro il quale l’immobilismo ha trovato un habitat ideale. La politica non ha fatto le riforme necessarie, ma anche gli organi autonomi e spesso totalmente autoreferenziali dello Stato – dal Consiglio superiore della magistratura alla giustizia amministrativa – si sono cullati sugli allori. A meno di non volersi illudere che la moral suasion del Quirinale da sola possa scuotere qualcosa, è chiaro che questa volta tocca all’opinione pubblica, agli intellettuali, alla cultura, pretendere un clima nuovo, in cui costruire e non distruggere, tornare alla radice del Patto sociale su cui è nata la nostra Costituzione.

Un cancro – Se non la smettiamo con le tifoserie e non cominciamo a gettare ponti tra l’intellighenzia del Paese per ricostruire le fondamenta, il cancro che sta crescendo dentro le nostre istituzioni presto non sarà più operabile neppure con il bisturi delle Procure. Un epilogo che i manettari di professione – e ce ne sono nei partiti, nei giornali, anche nella magistratura – non possono non comprendere, anche se i segnali che arrivano sono sistematicamente di chiusura. A gesti minimi, come la scarcerazione di un Dell’Utri morente, si preferisce continuare ad avvelenare i pozzi, senza considerare che così non resta niente da bere per il marcio e per il buono. Tutti seppelliti in uno Stato che di questo passo non ha davanti a se orizzonti meravigliosi.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Vanno sentite le basi o è un golpe

Verrebbe da dire: “contento lui..”. La missione del presidente della Camera Roberto Fico conclusa a suo parere con esito positivo, di fatto non porta a casa niente, se non due partiti mai stati tanto divisi al loro interno. I Cinque Stelle, dove uno varrebbe uno, ma poi nei fatti contano due – Grillo e Casaleggio…

Continua

La coerenza o il potere, che derby nel Pd!

Quando non c’è amore più grande del potere pure la dignità può diventare un optional. Nel Pd ancora a trazione renziana, asserragliato da quasi due mesi sull’Aventino e finora graniticamente contrario a qualunque accordo con i Cinque Stelle, l’incarico dato dal Capo dello Stato a Fico mette il partito davanti a un bivio: accordarsi con…

Continua

Sentenza sulla trattativa tra Stato e mafia, altro sale sulle ferite del Paese

Inutile illudersi: siamo un Paese che non potrà mai pacificarsi politicamente. Dalla nascita della Repubblica gli scontri tra fascisti e antifascisti, poi tra democristiani e comunisti, tra Sinistra e Berlusconi e adesso tra sistema e antisistema, hanno bloccato l’Italia in una perenne guerra civile sotterranea. Siamo stati così impegnati a bastonarci tra di noi da…

Continua

Costano caro i capricci della politica

Non c’era bisogno di Salvini che si auto-conferisce l’incarico per far scoprire a Mattarella che a Hollywood possono prendere appunti per girare un film sul “Governo più pazzo del mondo”. Mentre il Quirinale è notarile nelle sue mosse – dal rito di sapore ottocentesco delle consultazioni fino al mandato esplorativo alla Casellati come esponente della…

Continua

Prossima tappa stanare il Pd

Sarà stata la saggezza di Mattarella, che evidentemente non tutti abbiamo, a fargli decidere di dare due giorni e non i due minuti sufficienti alla Presidente del Senato Casellati per capire quello che ormai sanno anche i sassi: i Cinque Stelle non faranno un Governo con la Lega fin quando nel Centrodestra ci starà Forza…

Continua

Mattarella costretto ad accelerare. O qui il Governo lo fa Assad

Per Alessandro Di Battista, Salvini al Quirinale sembrava Dudù, cioè il barboncino di Berlusconi. Uno strano complimento da chi sembra spingere la Lega a tradire Forza Italia per maritarsi ai Cinque Stelle. Su queste nozze, come da prassi quando le cose non vanno come si aspettano i grillini, girano già le voci di ricatti e…

Continua

Consultazioni, Berlusconi non fa lo show per caso

Salvini e la Meloni che si allontanano con un ghigno dalla tribuna allestita dietro la porta di Mattarella, lasciando Berlusconi a fare uno show non concordato e a quel punto incontrollabile, dicono tutto su quanto sia imprevedibile la tenuta di un Centrodestra che però non ha alternative a restate unito. Lunedì o martedì il Capo…

Continua

Consultazioni, un notaio al Quirinale non basta

Consultazioni, atto secondo. Le forze politiche che si erano presentate su posizioni inconciliabili al primo giro, oggi tornano al Colle con Centrodestra e Pd divisi al loro interno, complicando se possibile ancora di più le cose. Dunque, il tempo dato da Mattarella per far digerire un accordo non è servito, e anzi ha finito per…

Continua

Quanto conta il partito di Mattarella

Che le scaramucce tra Salvini e Di Maio siano roba seria o – come ipotizzano menti raffinate – una presa per il naso degli elettori in quanto i due leader hanno già l’accordo in tasca, l’unica cosa certa a più di un mese dalle elezioni è che non c’è pericolo di fare presto il bis.…

Continua

La brutta lezione di Telecom. L’economia italiana è illiberale

Comunque la si guardi, la battaglia in corso su Telecom dimostra che le regole del mercato economico in Italia funzionano poco, possono essere estese o ritirate come il mantice di una fisarmonica, e alla fine quello che conta non è il merito delle imprese ma le scelte della politica. Non siamo ai tempi del fallimentare…

Continua