Toghe sporche e depistaggi. Siamo una Repubblica fondata sull’intrigo

di Gaetano Pedullà

Nel nuovo terremoto giudiziario tra Roma e Messina, come nella vicenda Consip, non si capisce da che parte stanno anche i piani più alti dello Stato. Siamo diventati una Repubblica fondata sull’intrigo? A quanto pare sì. L’inchiesta che scoperchia un sistema di potere capace di pilotare affari per centinaia di milioni, provando persino ad aggiustare processi delicatissimi come quello che coinvolge il numero uno dell’Eni per le presunte tangenti in Nigeria e Algeria, vede coinvolti magistrati, baroni dell’Università, avvocati e giornalisti. Per Consip tremano un ministro, ufficiali di prima linea delle forze dell’ordine, manager pubblici, fino a lambire la famiglia di Renzi. E non finisce qui.

Da questa ragnatela non sfugge niente, se pensiamo che persino dai riservatissimi servizi segreti è filtrato in quali ristoranti vanno a pranzo i loro informatori. C’è uno Stato, insomma, che fa la guerra a se stesso, calpestando ogni regola, tradendo il giuramento di lealtà e fedeltà, spesso per corruzione ma anche per carriere e sete di potere. Un’opacità che presenta un conto salatissimo: la rottura della fiducia nelle istituzioni, comprese magistratura e forze dell’ordine che con poche eccezioni erano rimaste immuni dall’inquinamento della politica. A furia di vedere toghe sporche, mele marce, penne vendute, cosa resta nella mente dei cittadini? La risposta – nulla di buono – è scontata ma necessaria, perché quello che resta dello Stato di diritto si dia una svegliata. A questo sfascio non abbiamo gli anticorpi necessari e senza regole specifiche finanche il nostro essere comunità è destinato a una penosa decomposizione.

Riforme necessarissime – Di ricette per moralizzare non ce ne sono tante. La strada del “tutti in galera” è tanto facile quanto demagogica. In un Paese storicamente diviso tra Guelfi e Ghibellini, Orazi e Curiazzi, fascisti e comunisti, continuare a dividere in buoni e cattivi alla fine alimenta la diffidenza anche per lo Spirito Santo. Le élite della Repubblica sanno perfettamente di avere la coscienza sporca per aver creato un clima da scontro permanente, non solo politico e ideologico, dentro il quale l’immobilismo ha trovato un habitat ideale. La politica non ha fatto le riforme necessarie, ma anche gli organi autonomi e spesso totalmente autoreferenziali dello Stato – dal Consiglio superiore della magistratura alla giustizia amministrativa – si sono cullati sugli allori. A meno di non volersi illudere che la moral suasion del Quirinale da sola possa scuotere qualcosa, è chiaro che questa volta tocca all’opinione pubblica, agli intellettuali, alla cultura, pretendere un clima nuovo, in cui costruire e non distruggere, tornare alla radice del Patto sociale su cui è nata la nostra Costituzione.

Un cancro – Se non la smettiamo con le tifoserie e non cominciamo a gettare ponti tra l’intellighenzia del Paese per ricostruire le fondamenta, il cancro che sta crescendo dentro le nostre istituzioni presto non sarà più operabile neppure con il bisturi delle Procure. Un epilogo che i manettari di professione – e ce ne sono nei partiti, nei giornali, anche nella magistratura – non possono non comprendere, anche se i segnali che arrivano sono sistematicamente di chiusura. A gesti minimi, come la scarcerazione di un Dell’Utri morente, si preferisce continuare ad avvelenare i pozzi, senza considerare che così non resta niente da bere per il marcio e per il buono. Tutti seppelliti in uno Stato che di questo passo non ha davanti a se orizzonti meravigliosi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La retorica bugiarda del Paese che non cambia

Il Governo Conte non ha fatto ancora niente, siamo solo agli annunci, i fatti concreti non si vedono. La retorica delle opposizioni all’Esecutivo di M5S e Lega ci sta bombardando con queste parole d’ordine. Ma le cose stanno veramente così? Sfogliamo insieme questo giornale, e non c’è una sola pagina senza prove concrete di un…

Continua

Unione (alcolisti) Europea

L’Europa guidata da un ubriaco. Se qualcuno non avesse capito perché andiamo sempre a sbattere, si guardi le immagini del vertice di ieri tra i Paesi della Nato. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker si è presentato talmente fuori controllo da non stare neppure in piedi. Una fotografia tragica per le condizioni di quest’uomo…

Continua

Una nuova lezione dalle urne

Non solo un Pd ai minimi storici e così tramortito da non riuscire a darsi una nuova leadership. Nell’eredità del renzismo c’è il tracollo della Sinistra a ogni latitudine della società italiana, come dimostra anche il tracollo al Csm di quelle che una volta si sarebbero chiamate toghe rosse. La stragrande vittoria di un magistrato…

Continua

Democrazia in deficit nelle banche

A sentire l’Abi, l’associazione delle banche di casa nostra, con l’avanzata del nazionalismo l’Italia può finire in bancarotta come l’Argentina. Certo, il mago Otelma sarebbe stato più capace di prevedere il crollo delle Popolari o del Monte dei Paschi, ma il campanello d’allarme suonato dai banchieri non va comunque sottovalutato, anche perché l’avvertimento segue a…

Continua

Il Colle parli dei soldi della Lega

Hanno parlato di migranti e Libia. Forse anche del caldo che fa. Ma di magistratura neppure un cen- no. Così ci dice il Viminale e il Quirinale non lo smentisce. Dunque perché non crederci anche se il partito di Salvini ha quel problemuccio dei 49 milioni di euro sequestrati per i finanziamenti pubblici spariti ai…

Continua

Una svolta per politici e giudici

Il sottosegretario alla Giustizia Morrone (Lega) ieri sera ha chiarito: quando si è augurato che la magistratura si liberi delle correnti, e soprattutto di quelle della Sinistra, non voleva dire quello che ha detto. Al ministro Bonafede la giustificazione è bastata e dunque tutto bene madama la marchesa! La luna di miele tra politica e…

Continua

Sacrificare la stampa è un errore

Chi segue questo giornale da oltre cinque anni sa bene quanto malaffare abbiamo scoperchiato, denunciando una montagna di abusi anche nella pubblica amministrazione. Per poterlo fare liberamente non abbiamo voluto alle spalle editori impuri, cioè soggetti economici che hanno i loro business principali in settori diversi dalla pubblicazione dei quotidiani, e a scanso di equivoci…

Continua

L’ultima Ong con Boeri al comando

Il presidente dell’Inps Tito Boeri non c’entra nulla con i trafficanti che campano grazie ad immigrati e accoglienza. Dal suo osservatorio ripete da sempre che l’Italia deve dire grazie ai migranti, perché da loro l’Istituto di previdenza incassa un mucchio di contributi e con questi paga a tutti le pensioni. Ma Boeri non è certo…

Continua

Abracadabra soltanto sui soldi Pd

La Cassazione chiude i giochi sul tesoretto dei rimborsi elettorali fatti sparire dalla Lega. La vicenda risale all’epoca della segreteria di Umberto Bossi e per quella che è stata riconosciuta come una palese appropriazione illecita sono già arrivate diverse condanne, con in testa l’allora tesoriere del partito, Francesco Belsito. Parallelamente lo Stato ha cercato di…

Continua

Le atlete che battono i razzisti

Se mettere argini alle fake news su internet è un’impresa disperata, arrestare la stupidità e il livore generati dalla rete non ha nessuna possibilità di successo. Le più banali chiacchiere da bar condivise con un pubblico vastissimo per molti diventano pagine di Vangelo. E così, protetti dallo schermo, tanti leoni da tastiera giudicano senza sapere,…

Continua