Un avvocato di troppo per ArcelorMittal. Conte continua a spingere per ripristinare un inutile e illegale scudo penale

di Gaetano Pedullà

Chissà per quale motivo il premier Giuseppe Conte e un bel pezzo della maggioranza si stanno logorando sull’inutile e illegale scudo penale inventato per dare l’Ilva agli ex pretendenti di ArcelorMittal. Questi signori hanno già abbandonato l’affare, e anche gli osservatori più ingenui hanno capito che la revoca dell’immunità è la foglia di fico usata per coprire la vergogna della fuga, dovuta alla crisi del mercato dell’acciaio. Eppure Conte continua a spingere per ripristinare questa garanzia di tipo medioevale, rischiando di trasformarsi da avvocato del popolo in azzeccagarbugli a favore dello straniero, incassando la sua prima sconfitta d’immagine.

A seguirlo in questo strategia disastrosa sono i renziani, gran parte del Pd e persino qualche Cinque Stelle in libera uscita incurante del fatto che con un tale precedente si fornirà domani a chiunque l’alibi per commettere altri reati, e non solo ambientali. Il rispetto della legalità e del diritto di uno Stato a far rispettare leggi uguali per tutti non può essere svenduto, ed è curioso che a difendere questo principio siano rimasti Luigi Di Maio e la quasi totalità del Movimento, con in testa i portavoce pugliesi, mentre i cosiddetti partiti sovranisti pur di dare contro l’Esecutivo rafforzano la battaglia legale con cui gli indiani sperano di sottrarsi alle loro responsabilità.

Ora, siccome non è facile stare in paradiso a dispetto dei santi, dal Governo ci sarebbe da attendere ben altra strategia, a partire da un bel arrivederci a Mittal in tribunale, e poi un piano per risolvere strutturalmente il problema. Al primo di questi punti c’è che un’acciaieria in un centro urbano non ci può stare, e quindi per restare tra i produttori si chiude lo stabilimento e lo si riapre più moderno e sostenibile distante da decine di migliaia di persone. Secondo passaggio è l’affidamento del progetto a una newco con dentro gli investitori interessati (Arcelor vinse una gara) e il temporaneo sostegno pubblico (si è parlato di Cassa Depositi). Questo nuovo soggetto potrà chiedere le ingenti risorse europee del green new deal e riassumere i lavoratori. L’abbiamo fatta facile? Può darsi, ma questa è una traccia di politica industriale. Quella che nel nostro Paese manca da tempo.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una volta era Salvini a condannare i cambi di casacca

La cosa più divertente è che in passato nessuno più di Matteo Salvini ha condannato quei parlamentari che cambiano casacca, eletti grazie ai voti di una forza politica e poi transfughi in altri lidi, senza sentire l’obbligo di dimettersi o di rispettare gli accordi presi con chi li ha candidati. Nella prima Repubblica questo fenomeno…

Continua

I sovranisti e il trucco sul Mes finito male

Sgombriamo il campo da ogni partigianeria e riflettiamo su com’è finita la guerra del Mes, il Meccanismo europeo di stabilità del quale gran parte degli italiani ancora adesso non hanno capito molto, e tra questi prima di tutti Matteo Salvini e Giorgia Meloni. In estrema sintesi si tratta di uno scudo da utilizzare in caso…

Continua

La frittura di sardine e CasaPound

Verrebbe da dire che non c’è più religione. Milano e centinaia di sindaci si stringono a Liliana Segre nella marcia contro l’odio raziale, e nel mazzo ci troviamo Roberto Di Stefano, cioè il primo sindaco di Destra dell’ex Stalingrado d’Italia, Sesto San Giovanni, che ha appena rifiutato di concedere la cittadinanza onoraria alla Segre medesima.…

Continua

I rischi dello Stato imprenditore

Ci risiamo con lo Stato che fa l’imprenditore. Dopo le montagne di soldi pubblici gettati dalla finestra prima e durante la stagione dell’Iri, malgrado l’inevitabile clientelismo e l’inefficienza che si è sempre generata quando tra convenienze politiche ed esigenze manageriali sono prevalse sistematicamente le seconde. Perciò persino all’estrema Sinistra, lì dove il liberismo economico è…

Continua

Manovra Gratta e perdi. La visita di Conte al Colle non annuncia niente di buono

Fossimo in tempi di pace non ci sarebbe niente di strano a vedere il capo del Governo che sale al Colle per aggiornare il Presidente della Repubblica su cosa bolle in pentola nella Manovra finanziaria. Ma questi sono tempi in cui tutte le categorie del passato sono saltate, e mettere d’accordo Cinque Stelle, Pd e…

Continua

Il Carroccio ha gettato la maschera

Quando si a ha che fare con gli ultrà della Lega centinaia di indizi non fanno una prova. L’avevamo appena visto con le penose accuse al premier Giuseppe Conte, colpevole di aver condotto in segreto la trattativa sul Fondo salva-Stati (Mes). Fesserie smentite con ben 26 tra stenografici, documenti e atti parlamentari. Invece di scusarsi…

Continua

Il grande bluff dei finti sovranisti

Verrebbe da dire che non ci sono più i sovranisti di una volta. I nostri guardiani un tanto al chilo della superiorità nazionale ieri avevano altro da fare che scusarsi per aver difeso a oltranza le finte ragioni dei franco-indiani di ArcelorMittal, in fuga dall’Ilva a causa del ritiro dello scudo penale. Anziché compiacersi di…

Continua

A chi giova Casamonica star in Tv

Per ogni passo avanti ne facciamo subito due indietro. Ecco come un Paese civile e fantasioso come il nostro è finito nelle retrovie di tutte le classifiche del benessere, dalla cultura (solo il 5% dei giovani studenti capisce quello che legge!) all’economia, alla legalità. Proprio qui siamo fenomeni. Non contenti dei danni che ha fatto…

Continua

Una svolta Capitale sul crimine

Chissà per quale motivo le cosche di Corleone o dei casalesi sono sempre state considerate mafia e camorra mentre i clan altrettanto criminali della Capitale e del litorale romano invece no. Neppure la famigerata banda della Magliana, con i suoi intrecci col terrorismo e i servizi segreti deviati, è stata mai considerata pericolosa quanto cosa…

Continua

I politici e il dovere di spiegare

Quanti sacrifici fanno gli italiani per la casa. E in quanti guai si infilano i politici per un tetto affittato a due euro dallo Stato o comprato con modalità anomale e senza averne i soldi. L’ultimo di una lista che va da Claudio Scajola alla Trenta, è Matteo Renzi, che secondo un’inchiesta di Emiliano Fittipaldi…

Continua