Un Governo dalla parte degli italiani

di Gaetano Pedullà

Tre settimane sono nulla per fare un bilancio, ma l’aria che tira sui primi passi del Governo è quella tipica della luna di miele. Chi aspetta al varco Di Maio e Salvini, obietta subito che questi due non hanno mai smesso di fare campagna elettorale. Dunque siamo ancora sul terreno delle promesse, mentre di fatti concreti non si vede niente. Un giudizio superficiale di fronte alla grande aspettativa e al consenso che si colgono nelle discussioni sull’autobus o al bar, per non parlare dei sondaggi e del piccolo test elettorale dei giorni scorsi in circa 800 Comuni. Oggi nelle pagine del nostro giornale pubblichiamo solo alcune delle tante email e commenti che ci arrivano. Nemmeno ai tempi degli 80 euro messi in busta paga da Renzi avevamo visto tanto.

Dunque il presidente francese Macron  continui a offendere quanto vuole i populisti, come liquida sommariamente Cinque Stelle e Lega, ma quello che sta accadendo in Europa e nel mondo occidentale (con in prima fila la presidenza Trump) è il segno di un processo irreversibile senza ripresa economica ed equità sociale. In un pianeta dove il nove abitanti su cento soffrono e uno su dieci stragode, presto o tardi tutti gli equilibri sono destinati a saltare. Anche qui, nel nostro Paese, l’arretramento della classe media e il senso di insicurezza economica e di ordine pubblico ha portato una folla immensa di persone felicemente libere delle ideologie di destra e di sinistra a iscriversi alla tifoseria di partiti che non hanno nulla da spartire con il vecchio sistema.

Forze politiche come il Movimento lanciato da Grillo e il Carroccio quindi non sono solo una risposta alla richiesta di onestà nella cosa pubblica e ai migranti che invadono le nostre città. A questi schieramenti è affidata una speranza complessiva di riscatto, alla quale moltissimi italiani sono oggi aggrappati esattamente come fanno i poveri profughi con il loro salvagente in mezzo al mare. A questo vanno aggiunti alcuni ingredienti fondamentali. Il premier Giuseppe Conte, apparentemente l’anello debole della catena perché quasi estratto a sorte e costretto inevitabilmente a mediare tra i due partiti di governo, sta imbastendo una preziosa rete di rapporti internazionali che torneranno utili quando ci sarà da parlare di soldi e dei vincoli di bilancio imposti dall’Europa. Un volto rassicurante, anche per i mercati finanziari, che restano divisi tra la tentazione di speculare brutalmente contro di noi e la prudenza obbligata quando si ha di fronte un Paese che oggi si sente libero di spezzare molte delle catene che ci frenano.

Accanto a questo va dato atto, soprattutto a Salvini, di aver capito tutto dell’italia e di aver conquistato in due mosse prima la metà del Paese che non vuole più vedere un solo immigrato e poi l’altra metà degli italiani che sperano ardentemente in una nuova e più accessibile sanatoria delle proprie pendenze con il Fisco. Mosse che insieme alla promessa di sostegni a chi non lavora, con il tanto agognato reddito di cittadinanza dei Cinque Stelle, stanno chiudendo ogni varco alla delusione per vicende come lo scandalo giudiziario sullo stadio della Roma, dove insieme a esponenti di Forza Italia e Pd sono spuntati per la prima volta alcuni nomi legati o scelti come manager dal M5S.

Siamo perciò di fronte a un inizio di governo strepitoso, così perfetto – perlomeno sul fronte della comunicazione e del coinvolgimento degli italiani – da far pensare a molti che Salvini e Di Maio possano trovare presto una scusa e riportarci al voto, così da fare quasi sparire ogni opposizione e assicurarsi una maggioranza bulgara con cui imporre un percorso più agevole alle riforme fissate nel contratto di governo. Uno scenario che a meno di colpi di scena deve considerasi poco probabile, mentre è molto più facile immaginare che l’attuale maggioranza campi tutta la legislatura. Un tempo che a vedere come si è partiti è chiaro che nessuno voglia sprecare.

Commenti

  1. honhil

    Finalmente un governo dalla parte degli italiani! Ed ancora finalmente! Ma la magistratura quando sarà dalla parte della Giustizia? Dal Web. «È un ladro, la polizia gli spara Rom risarcito con 60mila euro». Questa sentenza è il miglior spot pubblicitario a favore dei rom ed un invito a delinquere sempre di più. Poiché, di cric o di croc, avranno sempre da guadagnare. Sarebbe naturale dire che è una sentenza vergognosa, come è naturale pensarlo, ma poiché in questo fiume di incongruenza, nelle cui acque putride la nave della giustizia, nonostante le sue vele siano fortemente tese dal forte vento ideologico, è irreparabilmente incagliata e perde fasciame in grande quantità, ogni possibile commento sarebbe un rinserrare ancor di più il nodo che già strozza la gola. E non resta, così, che contemplare muti il plastico di un’Italia che affoga. Per la malagiustizia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Non basta la resa di Macron

La capitolazione di Emmanuel Macron è completa, eppure del tutto insufficiente come fino a oggi ha dimostrato di essere il presidente francese. Rispondere ai gilet gialli ammettendo che nel Paese c’è un disagio profondo, e di conseguenza aumentando i salari di cento euro, non solo non servirà a niente ma è molto probabile che sarà…

Continua

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua

Sui giornali fantasia senza confini

Chi non legge i giornali non può immaginare i film di fantascienza che si perde ogni mattina. Ieri, per esempio, non c’era un solo quotidiano che non raccontasse di imminenti fratture nel Governo, con Di Maio e Salvini che addirittura non si parlano più personalmente, delegando le comunicazioni alle segretarie. I Cinque Stelle processavano Giorgetti…

Continua

Ritorsione politica da Bruxelles

Una Commissione europea arrivata a fine corsa e con il fiato dei movimenti sovranisti sul collo ha fatto il più classico degli errori. La bocciatura della nostra Manovra per il 2019 è infatti la tipica azione inconsulta di chi è in preda al panico, e per colpire un avversario che fa paura finisce per spararsi…

Continua

I leader si vedono adesso

La maggioranza che va sotto alla Camera, dove 5 Stelle e Lega hanno un margine larghissimo sulle opposizioni, è il segnale peggiore che l’Italia possa dare mentre l’Europa si prepara a infilzarci, bocciando la Manovra economica. I giochetti di un manipolo di parlamentari senza la statura necessaria per una battaglia epocale tra spread e democrazia…

Continua

Cosa insegna Treviso sui rifiuti

Alzi la mano chi aveva sentito mai parlare di modello Treviso. Si tratta – per tutti quelli che ancora non lo sanno – del sistema messo in piedi vent’anni fa nella provincia veneta per liberarsi dai rifiuti. Senza bisogno di termovalorizzatori dalle dubbie ricadute su inquinamento e salute, nel trevigiano smaltiscono il 100% della spazzatura…

Continua