Un Governo dalla parte degli italiani

di Gaetano Pedullà

Tre settimane sono nulla per fare un bilancio, ma l’aria che tira sui primi passi del Governo è quella tipica della luna di miele. Chi aspetta al varco Di Maio e Salvini, obietta subito che questi due non hanno mai smesso di fare campagna elettorale. Dunque siamo ancora sul terreno delle promesse, mentre di fatti concreti non si vede niente. Un giudizio superficiale di fronte alla grande aspettativa e al consenso che si colgono nelle discussioni sull’autobus o al bar, per non parlare dei sondaggi e del piccolo test elettorale dei giorni scorsi in circa 800 Comuni. Oggi nelle pagine del nostro giornale pubblichiamo solo alcune delle tante email e commenti che ci arrivano. Nemmeno ai tempi degli 80 euro messi in busta paga da Renzi avevamo visto tanto.

Dunque il presidente francese Macron  continui a offendere quanto vuole i populisti, come liquida sommariamente Cinque Stelle e Lega, ma quello che sta accadendo in Europa e nel mondo occidentale (con in prima fila la presidenza Trump) è il segno di un processo irreversibile senza ripresa economica ed equità sociale. In un pianeta dove il nove abitanti su cento soffrono e uno su dieci stragode, presto o tardi tutti gli equilibri sono destinati a saltare. Anche qui, nel nostro Paese, l’arretramento della classe media e il senso di insicurezza economica e di ordine pubblico ha portato una folla immensa di persone felicemente libere delle ideologie di destra e di sinistra a iscriversi alla tifoseria di partiti che non hanno nulla da spartire con il vecchio sistema.

Forze politiche come il Movimento lanciato da Grillo e il Carroccio quindi non sono solo una risposta alla richiesta di onestà nella cosa pubblica e ai migranti che invadono le nostre città. A questi schieramenti è affidata una speranza complessiva di riscatto, alla quale moltissimi italiani sono oggi aggrappati esattamente come fanno i poveri profughi con il loro salvagente in mezzo al mare. A questo vanno aggiunti alcuni ingredienti fondamentali. Il premier Giuseppe Conte, apparentemente l’anello debole della catena perché quasi estratto a sorte e costretto inevitabilmente a mediare tra i due partiti di governo, sta imbastendo una preziosa rete di rapporti internazionali che torneranno utili quando ci sarà da parlare di soldi e dei vincoli di bilancio imposti dall’Europa. Un volto rassicurante, anche per i mercati finanziari, che restano divisi tra la tentazione di speculare brutalmente contro di noi e la prudenza obbligata quando si ha di fronte un Paese che oggi si sente libero di spezzare molte delle catene che ci frenano.

Accanto a questo va dato atto, soprattutto a Salvini, di aver capito tutto dell’italia e di aver conquistato in due mosse prima la metà del Paese che non vuole più vedere un solo immigrato e poi l’altra metà degli italiani che sperano ardentemente in una nuova e più accessibile sanatoria delle proprie pendenze con il Fisco. Mosse che insieme alla promessa di sostegni a chi non lavora, con il tanto agognato reddito di cittadinanza dei Cinque Stelle, stanno chiudendo ogni varco alla delusione per vicende come lo scandalo giudiziario sullo stadio della Roma, dove insieme a esponenti di Forza Italia e Pd sono spuntati per la prima volta alcuni nomi legati o scelti come manager dal M5S.

Siamo perciò di fronte a un inizio di governo strepitoso, così perfetto – perlomeno sul fronte della comunicazione e del coinvolgimento degli italiani – da far pensare a molti che Salvini e Di Maio possano trovare presto una scusa e riportarci al voto, così da fare quasi sparire ogni opposizione e assicurarsi una maggioranza bulgara con cui imporre un percorso più agevole alle riforme fissate nel contratto di governo. Uno scenario che a meno di colpi di scena deve considerasi poco probabile, mentre è molto più facile immaginare che l’attuale maggioranza campi tutta la legislatura. Un tempo che a vedere come si è partiti è chiaro che nessuno voglia sprecare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Gli elettori l’ostacolo più difficile

Beati loro che non vedono ostacoli insormontabili. Uscendo ieri pomeriggio dal primo incontro tra capigruppo di 5S e Pd (questi ultimi entrambi renziani “commissariati” dall’inserimento di Orlando), è apparso chiaro che le basi per un’intesa di Governo c’è tutta. Poi in serata si sono visti a cena direttamente Di Maio e Zingaretti, e a quanto…

Continua

La pazienza di Mattarella ha un limite

Dove andasse a parare il Presidente Mattarella si era intuito ieri pomeriggio ascoltando Salvini al termine del suo turno di consultazioni. I Cinque Stelle e il Pd hanno seriamente la possibilità di fare un Governo, e al netto di chi gioca ad avvelenare i pozzi, per riuscirci hanno bisogno essenzialmente di tempo. Il leader della…

Continua

Un premier popolare. Ecco le tante buone ragioni per riproporre Conte

La novità più rilevante nel secondo giorno della crisi di Governo è arrivata dal Pd. Tutti d’accordo in direzione, il segretario Zingaretti ha il mandato per provare a formare una nuova maggioranza con i Cinque Stelle sulla base di cinque ampi punti programmatici. Un aspetto che sommato al manifesto presentato al Senato dal premier uscente…

Continua

Una sfida per il bene del Paese

Morto il re, lunga vita al re! Nel discorso con cui ieri Giuseppe Conte ha seppellito il Governo gialloverde ci sono due capitoli perfettamente distinti. Il primo è l’elenco impietoso dei colpi bassi subiti soprattutto negli ultimi mesi da Salvini, con una critica sulla sua interpretazione del ruolo istituzionale e l’evocazione delle piazze che non…

Continua

Va fermata la guerra delle piazze

Lo chiamano il Governo della paura, e così Salvini e i suoi andranno a presentarlo nelle piazze se mai nascerà un Esecutivo tra Cinque Stelle e Pd, dopo l’iter che parte questo pomeriggio con le comunicazioni del premier Conte al Senato e il probabile immediato passaggio al Quirinale per rimettere il mandato. La paura sarebbe…

Continua

Che altro deve accadere per restituire agli italiani le concessioni regalate ai signori delle autostrade?

Che altro deve accadere per restituire agli italiani le concessioni regalate ai signori delle autostrade? È caduto il ponte di Genova, c’è stata la strage di Acqualonga (40 morti ad Avellino), cavalcavia crollati, manutenzioni approssimative e carreggiate non riasfaltate… chilometri di motivi per dire basta a quello che è uno scandalo al sole, tanto invisibile…

Continua

Tassi fermi. La nuova Europa parte male

Dialogare con l’Unione europea “perché senza di questa non c’è futuro”. Facile a dirsi per il Presidente Sergio Mattarella, che ieri si è espresso così alla tradizionale cerimonia del ventaglio, ma se non era per la trattativa del premier Giuseppe Conte e il voto “sulla fiducia” dato dai Cinque Stelle alla presidente della Commissione Ue,…

Continua

Amore con amor si paga. A Salvini è riuscito un altro dei suoi giochi di prestigio

Il massimo risultato col minimo sforzo. A Matteo Salvini è riuscito un altro dei suoi giochi di prestigio, tipo avere 49 milioni di debiti e non sentirli, oppure essere chiamato da un tribunale a rispondere del caso Diciotti e non andare perché i Cinque Stelle gli tolgono il disturbo, votandogli l’immunità. Il numero di ieri…

Continua

Cinque stelle e Pd, un’operazione Frankenstein

È da anni sul podio dei giornalisti che stimo, ma sull’avvicinamento tra Cinque Stelle e Pd sono in totale disaccordo con Marco Travaglio. L’ultimo dei motivi è proprio quello che il direttore del Fatto porta come prova della sua “giusta” intuizione: la giravolta dei giornaloni dell’establishment, improvvisamente folgorati sull’utilità di un dialogo tra Di Maio…

Continua

L’utopia dei Cinque Stelle al governo con il Pd

Può darsi che Di Maio e Salvini oggi si incontrino e mandino avanti il Governo, oppure no. Può anche darsi che dallo scandalo Siri, o dal Russia-gate, escano fuori le prove provate dei soliti vizi di affaristi e politici, oppure tutti i personaggi coinvolti risultino immacolati come gigli di campo. Allo stesso modo, può essere…

Continua