Un Governo dalla parte degli italiani

di Gaetano Pedullà

Tre settimane sono nulla per fare un bilancio, ma l’aria che tira sui primi passi del Governo è quella tipica della luna di miele. Chi aspetta al varco Di Maio e Salvini, obietta subito che questi due non hanno mai smesso di fare campagna elettorale. Dunque siamo ancora sul terreno delle promesse, mentre di fatti concreti non si vede niente. Un giudizio superficiale di fronte alla grande aspettativa e al consenso che si colgono nelle discussioni sull’autobus o al bar, per non parlare dei sondaggi e del piccolo test elettorale dei giorni scorsi in circa 800 Comuni. Oggi nelle pagine del nostro giornale pubblichiamo solo alcune delle tante email e commenti che ci arrivano. Nemmeno ai tempi degli 80 euro messi in busta paga da Renzi avevamo visto tanto.

Dunque il presidente francese Macron  continui a offendere quanto vuole i populisti, come liquida sommariamente Cinque Stelle e Lega, ma quello che sta accadendo in Europa e nel mondo occidentale (con in prima fila la presidenza Trump) è il segno di un processo irreversibile senza ripresa economica ed equità sociale. In un pianeta dove il nove abitanti su cento soffrono e uno su dieci stragode, presto o tardi tutti gli equilibri sono destinati a saltare. Anche qui, nel nostro Paese, l’arretramento della classe media e il senso di insicurezza economica e di ordine pubblico ha portato una folla immensa di persone felicemente libere delle ideologie di destra e di sinistra a iscriversi alla tifoseria di partiti che non hanno nulla da spartire con il vecchio sistema.

Forze politiche come il Movimento lanciato da Grillo e il Carroccio quindi non sono solo una risposta alla richiesta di onestà nella cosa pubblica e ai migranti che invadono le nostre città. A questi schieramenti è affidata una speranza complessiva di riscatto, alla quale moltissimi italiani sono oggi aggrappati esattamente come fanno i poveri profughi con il loro salvagente in mezzo al mare. A questo vanno aggiunti alcuni ingredienti fondamentali. Il premier Giuseppe Conte, apparentemente l’anello debole della catena perché quasi estratto a sorte e costretto inevitabilmente a mediare tra i due partiti di governo, sta imbastendo una preziosa rete di rapporti internazionali che torneranno utili quando ci sarà da parlare di soldi e dei vincoli di bilancio imposti dall’Europa. Un volto rassicurante, anche per i mercati finanziari, che restano divisi tra la tentazione di speculare brutalmente contro di noi e la prudenza obbligata quando si ha di fronte un Paese che oggi si sente libero di spezzare molte delle catene che ci frenano.

Accanto a questo va dato atto, soprattutto a Salvini, di aver capito tutto dell’italia e di aver conquistato in due mosse prima la metà del Paese che non vuole più vedere un solo immigrato e poi l’altra metà degli italiani che sperano ardentemente in una nuova e più accessibile sanatoria delle proprie pendenze con il Fisco. Mosse che insieme alla promessa di sostegni a chi non lavora, con il tanto agognato reddito di cittadinanza dei Cinque Stelle, stanno chiudendo ogni varco alla delusione per vicende come lo scandalo giudiziario sullo stadio della Roma, dove insieme a esponenti di Forza Italia e Pd sono spuntati per la prima volta alcuni nomi legati o scelti come manager dal M5S.

Siamo perciò di fronte a un inizio di governo strepitoso, così perfetto – perlomeno sul fronte della comunicazione e del coinvolgimento degli italiani – da far pensare a molti che Salvini e Di Maio possano trovare presto una scusa e riportarci al voto, così da fare quasi sparire ogni opposizione e assicurarsi una maggioranza bulgara con cui imporre un percorso più agevole alle riforme fissate nel contratto di governo. Uno scenario che a meno di colpi di scena deve considerasi poco probabile, mentre è molto più facile immaginare che l’attuale maggioranza campi tutta la legislatura. Un tempo che a vedere come si è partiti è chiaro che nessuno voglia sprecare.

Commenti

  1. honhil

    Finalmente un governo dalla parte degli italiani! Ed ancora finalmente! Ma la magistratura quando sarà dalla parte della Giustizia? Dal Web. «È un ladro, la polizia gli spara Rom risarcito con 60mila euro». Questa sentenza è il miglior spot pubblicitario a favore dei rom ed un invito a delinquere sempre di più. Poiché, di cric o di croc, avranno sempre da guadagnare. Sarebbe naturale dire che è una sentenza vergognosa, come è naturale pensarlo, ma poiché in questo fiume di incongruenza, nelle cui acque putride la nave della giustizia, nonostante le sue vele siano fortemente tese dal forte vento ideologico, è irreparabilmente incagliata e perde fasciame in grande quantità, ogni possibile commento sarebbe un rinserrare ancor di più il nodo che già strozza la gola. E non resta, così, che contemplare muti il plastico di un’Italia che affoga. Per la malagiustizia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Tra i grandi del mondo non ci siamo

Trump e Putin si siedono a tavolino e decidono le sorti del mondo. Certo, il vertice di Helsinki non è Yalta, ma i due non soffrono di sensi di inferiorità rispetto a Napoleone e Carlo Magno, figuriamoci per Roosvelt e Stalin. Quello che ha dell’incredibile è però che possono farlo, spartendosi ciò che gli pare…

Continua

La retorica bugiarda del Paese che non cambia

Il Governo Conte non ha fatto ancora niente, siamo solo agli annunci, i fatti concreti non si vedono. La retorica delle opposizioni all’Esecutivo di M5S e Lega ci sta bombardando con queste parole d’ordine. Ma le cose stanno veramente così? Sfogliamo insieme questo giornale, e non c’è una sola pagina senza prove concrete di un…

Continua

Unione (alcolisti) Europea

L’Europa guidata da un ubriaco. Se qualcuno non avesse capito perché andiamo sempre a sbattere, si guardi le immagini del vertice di ieri tra i Paesi della Nato. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker si è presentato talmente fuori controllo da non stare neppure in piedi. Una fotografia tragica per le condizioni di quest’uomo…

Continua

Una nuova lezione dalle urne

Non solo un Pd ai minimi storici e così tramortito da non riuscire a darsi una nuova leadership. Nell’eredità del renzismo c’è il tracollo della Sinistra a ogni latitudine della società italiana, come dimostra anche il tracollo al Csm di quelle che una volta si sarebbero chiamate toghe rosse. La stragrande vittoria di un magistrato…

Continua

Democrazia in deficit nelle banche

A sentire l’Abi, l’associazione delle banche di casa nostra, con l’avanzata del nazionalismo l’Italia può finire in bancarotta come l’Argentina. Certo, il mago Otelma sarebbe stato più capace di prevedere il crollo delle Popolari o del Monte dei Paschi, ma il campanello d’allarme suonato dai banchieri non va comunque sottovalutato, anche perché l’avvertimento segue a…

Continua

Il Colle parli dei soldi della Lega

Hanno parlato di migranti e Libia. Forse anche del caldo che fa. Ma di magistratura neppure un cen- no. Così ci dice il Viminale e il Quirinale non lo smentisce. Dunque perché non crederci anche se il partito di Salvini ha quel problemuccio dei 49 milioni di euro sequestrati per i finanziamenti pubblici spariti ai…

Continua

Una svolta per politici e giudici

Il sottosegretario alla Giustizia Morrone (Lega) ieri sera ha chiarito: quando si è augurato che la magistratura si liberi delle correnti, e soprattutto di quelle della Sinistra, non voleva dire quello che ha detto. Al ministro Bonafede la giustificazione è bastata e dunque tutto bene madama la marchesa! La luna di miele tra politica e…

Continua

Sacrificare la stampa è un errore

Chi segue questo giornale da oltre cinque anni sa bene quanto malaffare abbiamo scoperchiato, denunciando una montagna di abusi anche nella pubblica amministrazione. Per poterlo fare liberamente non abbiamo voluto alle spalle editori impuri, cioè soggetti economici che hanno i loro business principali in settori diversi dalla pubblicazione dei quotidiani, e a scanso di equivoci…

Continua

L’ultima Ong con Boeri al comando

Il presidente dell’Inps Tito Boeri non c’entra nulla con i trafficanti che campano grazie ad immigrati e accoglienza. Dal suo osservatorio ripete da sempre che l’Italia deve dire grazie ai migranti, perché da loro l’Istituto di previdenza incassa un mucchio di contributi e con questi paga a tutti le pensioni. Ma Boeri non è certo…

Continua

Abracadabra soltanto sui soldi Pd

La Cassazione chiude i giochi sul tesoretto dei rimborsi elettorali fatti sparire dalla Lega. La vicenda risale all’epoca della segreteria di Umberto Bossi e per quella che è stata riconosciuta come una palese appropriazione illecita sono già arrivate diverse condanne, con in testa l’allora tesoriere del partito, Francesco Belsito. Parallelamente lo Stato ha cercato di…

Continua