Un Paese in eterna campagna elettorale che si fa male da sé

di Gaetano Pedullà

Che popolo meraviglioso che sono gli americani. Con le armi a scuola, un presidente che cambia ministri più velocemente dei calzini, l’alimentazione di largo consumo più dannosa del mondo, se però gli minacciano l’interesse nazionale si scordano di essere bianchi e neri, democratici e repubblicani, e fanno quadrato sconfiggendo qualunque nemico. Per noi italiani, ancora incapaci di andare oltre le manifestazioni di piazza tra fascisti e comunisti, gli States sono lontanissimi. Ci sarà un motivo, però, per cui gli Usa dominano il pianeta mentre a noi può metterci al muro un euroburocrate qualunque. La nostra conflittualità, il non saper fare squadra e sentici in perenne campagna elettorale, ci rendono deboli quando non ridicoli con chi questo Paese se lo sta mangiando a fette. Esattamente quello che è appena accaduto in Europa, dove il nostro ministro dell’Economia e Finanze Pier Carlo Padoan ha dato una risposta da finto ingenuo ai colleghi dell’Unione che gli chiedevano se c’è da stare tranquilli sui destini di Roma. “Chi lo sa”, ha detto il nostro responsabile dei conti pubblici, in linea di principio non dicendo neppure una grossa balla. All’atto pratico però Padoan ha enormemente alzato la sensazione di incertezza sul nostro Paese, innescando una possibile bomba sui mercati, e in ultima istanza dimostrando di non aver compreso che le elezioni sono finite e adesso prima di tutto viene solo l’interesse dello Stato.

Di fronte a chi ci giudica e può darci o toglierci flessibilità sui parametri del debito e del deficit, non possono esserci politica, partiti, interessi minuscoli di consorteria. Lo stesso Padoan che in passato ha fatto salti mortali per dimostrare proprio in Europa l’indimostrabile, in questa circostanza poteva dare cento risposte migliori, senza offrire a Di Maio la comprensibile obiezione che qui c’è chi sta avvelenando i pozzi. Questa antica strategia militare, che rende durissima la vita al nemico che arriva nelle postazioni da cui si deve scappare, dà perfettamente l’idea di come l’attuale politica considera l’Italia: un territorio da occupare, dove la battaglia di un partito contro un altro è più importante del bene del Paese. Un atteggiamento che ci penalizza da decenni, e che è alle fondamenta dell’antipolitica.
In questa situazione oggi abbiamo un Presidente della Repubblica che da giorni sta richiamando al senso di responsabilità di tutti, a cominciare dai partiti che devono obbligatoriamente mettersi d’accordo, a meno di non voler tornare subito a votare. Ma a quale responsabilità si appelli Mattarella è difficile capire se persino un politico moderato come Padoan, in passato sempre travestito da tecnico (amico di D’Alema) pur di sganciare la bomba su Lega e Cinque Stelle ci ha fatto oggettivamente un danno gigantesco. Mettendo più di una pulce nell’orecchio dei mercati che non vedono l’ora di tornare a speculare e far soldi a spese di un’Italia da sempre già di suo facile preda. Il nostro enorme debito pubblico ci espone infatti alle tensioni delle piazze finanziarie e anche una sola parola fuori posto può costare miliardi di euro. Rischi che nessuno conosce meglio di Padoan, e per questo l’uscita di ieri del ministro è imperdonabile. Per quanto purtroppo probabilmente profetica sul caos che ci aspetta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La musica stonata dell’Ocse

Non ne indovina una neanche per sbaglio, se dice qualcosa sull’Italia è solo per annunciare sventure, e non si ricorda la benché minima autocritica sull’austerità economica che ci canta su spartito del Fondo monetario e con la partecipazione di tutto il coro del rigore. Parliamo dell’Ocse, un’organizzazione con sede a Parigi e dalle cui fila…

Continua

I garantisti ostaggio dei complici

Adesso si aspetta pure le scuse Luca Lotti, il fedelissimo renziano che accusa persino il suo partito e quanti altri si illudevano sull’autonomia della magistratura. Registrato mentre confabulava con alcuni consiglieri del Csm per stabilire quali procuratori promuovere e quali trasferire, compreso quello destinato a Roma, determinante nel processo Consip in cui è imputato, Lotti…

Continua

Una cura per politica e toghe

Non facciamo le verginelle. Chi legge un giornale come La Notizia lo fa per essere informato senza quelle censure che la stampa mainstream si infligge da sola, senza dare a chi di dovere neppure il fastidio di nascondere la polvere sotto al tappeto. Dunque diciamolo chiaro: quello che sta emergendo sul Csm è uno di…

Continua

Alitalia fa autorete con Lotito

Se ha fatto bene alla Lazio, farà bene all’Alitalia, è la profezia dell’ex campione biancoceleste Luigi Martini, passato dallo scudetto del 1974 alla presidenza – anni dopo – dell’Enav, la società che gestisce il traffico aereo. Facili entusiasmi a parte, l’annuncio di un’offerta da parte di Claudio Lotito per rilevare l’Alitalia ha sparigliato la trattativa…

Continua

La partita di Conte sarà lunga

Il via libera degli euroburocrati alla procedura d’infrazione contro l’Italia per eccesso di debito è solo l’ultimo tecnicismo di un atto invece tutto politico, che può costarci molto e che il premier Conte adesso ha ampio mandato per trattare. Superate le asprezze della campagna elettorale, i leader di M5S e Lega hanno ritrovato il collante…

Continua

Attenzione ai veri barbari

L’hanno chiamata norma “Salva-Roma”, come se una città sopravvissuta per 2.700 anni a ogni flagello di Dio possa soccombere proprio adesso che a governarla ci stanno quei “barbari” dei 5 Stelle. Messo da parte lo slogan ad effetto, il sostegno finanziario approvato ieri in Parlamento darà una mano alla Capitale e a chi la frequenta,…

Continua

La fuga di Mediaset in Olanda pagata dagli italiani

L’operazione è giustificata da un riassetto societario delle tv in Italia e Spagna, ma il trasloco di Berlusconi in una nuova holding olandese svela almeno tre problemi rilevanti per il nostro Paese. Il primo è che il guaio della nostra economia non sono le delocalizzazioni nei mercati extracomunitari o negli Stati Ue di frontiera, dove…

Continua

Macron il sovranista camuffato

Doveva essere il matrimonio – d’interessi – più sontuoso dell’anno e invece siamo già al divorzio, ancor prima di cominciare, e con lo strascico di polemiche tipico di queste rotture. Fca, cioè la Fiat scappata all’estero e con in pancia Chrysler, non si fonderà con Renault, ufficialmente per decisione dei marchi giapponesi Nissan e Mitsubishi…

Continua

Vediamo chi pugnala il premier

Se guardi troppo a lungo l’abisso poi è l’abisso che guarda dentro di te, diceva Friedrich Nietzsche. Ed esattamente così, dopo una campagna elettorale europea quanto mai velenosa, il gelo nei rapporti personali e il rischio di un pericolosissimo salto nel vuoto, il premier Conte ha avvisato i due azionisti del Governo sulla mostruosità alla…

Continua

Quello che Visco non ci dice

L’Italia è sotto attacco della speculazione finanziaria. Non è una novità. Quando avevamo la liretta ci bastonavano tutti, con casi proverbiali come quello di George Soros, oggi paladino e finanziatore dei partiti europeisti. Nel 1992 questo signore distrusse la nostra moneta, trasferendo nel famoso “mercoledì nero” cifre astronomiche dalle nostre tasche alle sue. A colpirci…

Continua