Un premier popolare. Ecco le tante buone ragioni per riproporre Conte

di Gaetano Pedullà

La novità più rilevante nel secondo giorno della crisi di Governo è arrivata dal Pd. Tutti d’accordo in direzione, il segretario Zingaretti ha il mandato per provare a formare una nuova maggioranza con i Cinque Stelle sulla base di cinque ampi punti programmatici. Un aspetto che sommato al manifesto presentato al Senato dal premier uscente Giuseppe Conte, all’interno del discorso con cui ha tolto ogni possibilità di giravolta alla Lega di Salvini, offre una sicura base di partenza per dar vita a un Esecutivo giallorosso. Una prospettiva che resta comunque lontana, per via prima di tutto del differente Dna di Dem e Movimento: il primo gradito – se non direttamente espressione – di parte dell’establishment del Paese, e il secondo invece forza antisistema, anche se per realizzare gli obiettivi promessi ha dovuto ingoiare una sfilza di rospi, l’ultimo dei quali è stato votare la nuova presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Per Salvini questa è la prova provata della trasformazione dei Cinque Stelle in stampella del sistema, ma in realtà si tratta dell’esatto contrario, perché in un contesto politico comunque molto diverso da quello sperato, riesce a condizionare Bruxelles e le élite Ue, a differenza della Lega che all’Europarlamento per i prossimi anni non toccherà mai palla, e dunque non potrà fare proprio nulla di quanto promesso agli italiani. A mediare il nostro ruolo in Europa, gettando le basi per cambiare le regole che ci hanno pesantemente penalizzato per decenni, è stato Giuseppe Conte, il premier dimissionario che in nome di una discontinuità col passato il Pd non vorrebbe dentro un ipotetico nuovo Governo. Questo però sembra uno sbaglio, non solo perché l’attuale Presidente del Consiglio risulta la personalità politica al momento più popolare e non divisiva di cui Di Maio e Zingaretti dispongono, perfetto opposto del leader della Lega. Semmai si arriverà a un nuovo Esecutivo con l’orizzonte dell’intera legislatura, questo potrà accadere solo accettando un armistizio di Pdioti e grullini sugli insulti del passato rum. Un armistizio che porterebbe automaticamente con sé l’attuale premier. Conte garantirebbe così una continuità che nessun partito al mondo potrebbe mai non volere, e cioè quell’immagine di serietà e rispetto delle istituzioni che gli hanno permesso di fare la più memorabile delle sue lezioni universitarie, seppure nell’Aula del Senato e davanti a un soggetto che il galateo istituzionale non sa neppure cosa sia, convinto com’è che un ministro dell’Interno possa evocare le piazze contro una maggioranza parlamentare, piuttosto che calpestare l’essenza di uno Stato laico utilizzando strumentalmente simboli religiosi, o sottraendosi alla richiesta sempre del Parlamento di spiegare vicende scabrose come il coinvolgimento di propri stretti collaboratori nel cosiddetto Russia-gate.

IL PUNTO. A fronte di quella che sarà certamente la più rabbiosa reazione leghista nel caso di prosecuzione della legislatura, mettere da parte proprio chi è riuscito a mettere Salvini con le spalle al muro su questi ed altri aspetti significa privarsi dell’arma migliore. Un ipotetico Governo che sarà bersagliato per mesi come “operazione di Palazzo” può perdere un tale contributo? É evidente che la risposta è No. In aggiunta a quanto emerge dal sondaggio realizzato da Gpf per La Notizia, sul giornale di oggi vi proponiamo solo una piccola parte dei tantissimi interventi dei nostri lettori sui diversi canali social di questo giornale, o inviati per e-mail. Giudizi accessibili a tutti, e in mezzo ai quali non mancano critiche anche dure al premier uscente, ma che sono in larghissima parte favorevoli a un prolungamento dell’esperienza di Conte a Palazzo Chigi. Che si sappia, Pd e 5S non ce l’hanno un nome più gradito di così.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Il miracolo dei conti della Raggi

Tra falsi scandali (il premier Giuseppe Conte che butta miliardi nel Fondo europeo Salvastati, ma non è stato firmato niente) e vergogne vere (l’ex ministra Elisabetta Trenta che non lascia l’alloggio di servizio) ai più è sfuggita una notizia davvero clamorosa. A Roma, paradigma nazionale dello sperpero della politica, della connivenza tra criminalità e colletti…

Continua

Ci mancava il partito di Calenda. L’ex ministro ringrazia così il Pd che sei mesi fa lo fece diventare europarlamentare

Per chi ne sentiva la mancanza, tra breve arriverà un nuovo partito di cui al momento sappiamo tre cose: lo guiderà l’ex ministro ex montezemoliano ex renziano ex piddino Carlo Calenda; non è ancora nato e ha già provato a impossessarsi abusivamente delle sardine in piazza a Bologna contro Salvini; e infine – come unica…

Continua

Tocca a noi resistere ai soprusi. Ma la condanna dei Carabinieri per il pestaggio di Cucchi prova che neppure lo Stato è superiore alle leggi e a se stesso

È malato grave, ma anche il nostro sistema ha i suoi anticorpi. La condanna di due carabinieri per la morte di Stefano Cucchi, sicuramente non rimasto vittima di un raffreddore, è la prova che neppure lo Stato è superiore alle leggi e a se stesso. Per questo i principi base dal nostro diritto, a partire…

Continua

Che fine hanno fatto i 6 miliardi del Mose? Una parte è stata sprecata e l’altra direttamente rubata

Il governatore Luca Zaia è furente perché non ha idea di dove siano i sei miliardi spesi per il Mose. Forse è andato in Regione quanto Matteo Salvini al Viminale per non sapere che una parte di quei soldi è stata sprecata e l’altra direttamente rubata. Di tutto questo ovviamente non è solo colpa della…

Continua

Un avvocato di troppo per ArcelorMittal. Conte continua a spingere per ripristinare un inutile e illegale scudo penale

Chissà per quale motivo il premier Giuseppe Conte e un bel pezzo della maggioranza si stanno logorando sull’inutile e illegale scudo penale inventato per dare l’Ilva agli ex pretendenti di ArcelorMittal. Questi signori hanno già abbandonato l’affare, e anche gli osservatori più ingenui hanno capito che la revoca dell’immunità è la foglia di fico usata…

Continua

L’Italia ha bisogno di riforme profonde, ma ci si può fidare di Giorgetti?

Sediamoci attorno a un tavolo “per cambiare tutti insieme quattro-cinque cose e dare un governo decente al Paese”. A proporlo è stato ieri il numero due della Lega, Giancarlo Giorgetti, e non è esattamente quello che diceva ad agosto scorso, quando invece spingeva Salvini a staccare la spina del Governo gialloverde per prendersi i pieni…

Continua

I partiti investano solo in Btp. L’uso speculativo dei finanziamenti dovrebbe essere vietato

Il tesoriere della Lega, Giulio Centemero (nella foto), un signore che rischia il processo per finanziamento illecito ai partiti nello scandalo sullo stadio della Roma, ha negato ogni legame tra l’investimento di 300mila euro in bond dell’ArcelorMittal e la vicenda Ilva. Sebbene ieri Repubblica ha ricostruito una serie di collegamenti tra la maggiore delle nostre…

Continua

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Bruxelles non ha capito la lezione

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Per qualche ora, giusto il tempo di far capire l’aria che tira, i titoli del nostro debito pubblico sono diventati più rischiosi di quelli della Grecia. Un regalo, l’ultimo di una lunga serie della Commissione europea, o se vogliamo di quello che resta del vecchio governo…

Continua

La lezione dei libri incendiati. Chi strizza l’occhio alla violenza non faccia finta di non sapere

Guai a dire che dietro la Destra che monta nel Paese c’è puzza di fascismo. Salvini ci fa sopra una grassa risata e strizzando l’occhio a Casapound ne nega l’evidenza. Ieri però a Roma hanno bruciato una libreria, e chi conosce giusto i rudimenti storici di quanto avveniva in Europa meno di cento anni fa…

Continua

L’autogol del Centrodestra su Conte e il caso Fiber

Se non imbrogliasse gli italiani con le bugie sull’aumento delle tasse, gli immigrati e il Governo che fa scappare dall’Ilva quei benefattori dell’ArcelorMittal, al Centrodestra resterebbe ben poco per tenersi stretto un consenso dopato da giornali e tv a reti unificate. Una prova l’abbiamo vista ieri, col tentativo di affibbiare al premier Giuseppe Conte un…

Continua