Una chance a M5S e Lega è doverosa

di Gaetano Pedullà

Diciamolo: la gente della strada vuole vedere all’opera Di Maio e Salvini. Non saranno i personaggi più raffinati e politicamente corretti che conosciamo ma proprio il loro populismo li ha fatti diventare un fedele specchio del Paese. Naturale che dal vecchio establishment politico ed economico sia partito il fuoco di sbarramento. Meno comprensibile è il motivo per cui personaggi di grande coraggio e intuito come il direttore del Fatto, Marco Travaglio, non ci stiano a dare almeno una chance a questa strana coppia. Di sicuro le possibilità che realizzino anche in parte i loro programmi sono pochissime, ma più buio di mezzanotte non può fare, e visto il disastro in cui siamo…

Molte delle possibilità di non disperdere la credibilità acquisita stanno comunque nel contratto che si sta preparando. Tutti sappiamo che Reddito di cittadinanza e Flat tax non si possono fare insieme perché il loro costo affonderebbe i conti dello Stato. Ma agendo con gradualità molte cose si possono fare, anche le più dirompenti. E siccome l’Italia non si rialza con i pannicelli caldi che ci forniscono da anni, quello che per molti è un salto nel buio sarà sempre meglio dell’ennesimo suicidio. Dunque è miope denunciare che per coabitare Lega e 5S dovranno rinunciare a qualcosa dei loro programmi, fossero anche capisaldi come una nuova legge sul conflitto d’interessi. De minimis non curat pretor, e negarci per partito preso una pur minuscola opportunità di uscire dal pantano è un’occasione che non possiamo sprecare.

Commenti

  1. honhil

    Non solo la chance, alle due formazioni politiche, è doverosa. Ma c’è di più che deve avvenire. Mattarella non deve imporre un suo presidente del Consiglio. Per almeno due motivo: primo, togliere ogni possibile alibi a Salvini e a Di Maio qualora le cose dovessero andare diversamente da come loro le prospettano e sperano. Secondo, evitare che l’Europa unita e non, ed il mondo intero, in quei due leader sotto tutela, vedano il principio della fine di una esperienza politica e partitica dei due vincitori della sfida elettorale. Che, oltre a scatenare le più bieche e devastanti speculazioni finanziarie, portando lo spread ad altezze vertiginose, sarebbe insieme uno schiaffo alla costituzione e, ineluttabilmente, la fine della democrazia. Poiché sarebbe la continuazione ideologica del settennato con coda di Napolitano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Dopo lo spread, il calo di Mps. E Padoan usa i mercati per affossare l’intesa tra Lega e M5S

I mercati continuano a dare segni di nervosismo e lo spread che ci fa pagare più interessi sul debito pubblico prosegue la sua corsa. Si tratta di una evidente ritorsione dei nostri creditori contro la nascita di un Governo Lega-Cinque Stelle che vuole ridiscutere su parte delle esposizioni finanziarie dello Stato. Un’ingerenza vergognosa sul nostro…

Continua

Un Paese ostaggio dei mercati

Opss… l’hanno fatto di nuovo. I grandi finanzieri che possono vendere i nostri titoli di Stato per miliardi hanno ricominciato a bastonarci con lo spread. Un film già visto nel 2011, quando i mercati proprio con questo espediente licenziarono l’ultimo Governo Berlusconi, consegnandoci attraverso il presidente Napolitano al salasso del successivo premier Mario Monti. In…

Continua

Bruxelles che ci umilia si suicida

Se c’erano perplessità sulla nascita di un governo tra le due forze politiche con più consenso oggi nel Paese, degli oscuri burocrati europei ci hanno tolto ogni dubbio. Chi ancora si illude che l’Unione sia una comunità tra Stati con gli stessi diritti prenda atto che a Bruxelles pensano tutta un’altra cosa. L’Italia non solo…

Continua

Ora si può parlare di riforme

Paradossi della politica: ci volevano i Cinque Stelle per fare di Berlusconi uno statista a cui per la prima volta diranno grazie tutti. Accettando il passo indietro imposto da Di Maio, il Cavaliere permetterà la nascita dell’unico Governo possibile con le forze parlamentari che abbiamo. Un Esecutivo di impronta populista, sicuramente più in sintonia con…

Continua

Basta rischi sui servizi pubblici

L’autobus che brucia in pieno centro a Roma è l’immagine perfetta di come è ridotta la città. I servizi pubblici sono in una condizione di degrado mai vista. Chiariamo subito: la colpa di tutto questo non è solo del sindaco Raggi e della sua parte politica, che in quasi due anni portano a casa risultati…

Continua

La strada che riporta alle urne

Vediamo se tocca perdere una scommessa e pagare dazio per aver assicurato a destra e manca che i nostri neoeletti parlamentari col cavolo segheranno l’albero sul quale si sono appena seduti. Abituati come siamo a vedere lapidata la coerenza verso gli elettori con menate varie – tipo ce lo chiede l’Europa – non avevamo ben…

Continua

Vanno sentite le basi o è un golpe

Verrebbe da dire: “contento lui..”. La missione del presidente della Camera Roberto Fico conclusa a suo parere con esito positivo, di fatto non porta a casa niente, se non due partiti mai stati tanto divisi al loro interno. I Cinque Stelle, dove uno varrebbe uno, ma poi nei fatti contano due – Grillo e Casaleggio…

Continua

La coerenza o il potere, che derby nel Pd!

Quando non c’è amore più grande del potere pure la dignità può diventare un optional. Nel Pd ancora a trazione renziana, asserragliato da quasi due mesi sull’Aventino e finora graniticamente contrario a qualunque accordo con i Cinque Stelle, l’incarico dato dal Capo dello Stato a Fico mette il partito davanti a un bivio: accordarsi con…

Continua

Sentenza sulla trattativa tra Stato e mafia, altro sale sulle ferite del Paese

Inutile illudersi: siamo un Paese che non potrà mai pacificarsi politicamente. Dalla nascita della Repubblica gli scontri tra fascisti e antifascisti, poi tra democristiani e comunisti, tra Sinistra e Berlusconi e adesso tra sistema e antisistema, hanno bloccato l’Italia in una perenne guerra civile sotterranea. Siamo stati così impegnati a bastonarci tra di noi da…

Continua

Costano caro i capricci della politica

Non c’era bisogno di Salvini che si auto-conferisce l’incarico per far scoprire a Mattarella che a Hollywood possono prendere appunti per girare un film sul “Governo più pazzo del mondo”. Mentre il Quirinale è notarile nelle sue mosse – dal rito di sapore ottocentesco delle consultazioni fino al mandato esplorativo alla Casellati come esponente della…

Continua