Una chance a M5S e Lega è doverosa

di Gaetano Pedullà

Diciamolo: la gente della strada vuole vedere all’opera Di Maio e Salvini. Non saranno i personaggi più raffinati e politicamente corretti che conosciamo ma proprio il loro populismo li ha fatti diventare un fedele specchio del Paese. Naturale che dal vecchio establishment politico ed economico sia partito il fuoco di sbarramento. Meno comprensibile è il motivo per cui personaggi di grande coraggio e intuito come il direttore del Fatto, Marco Travaglio, non ci stiano a dare almeno una chance a questa strana coppia. Di sicuro le possibilità che realizzino anche in parte i loro programmi sono pochissime, ma più buio di mezzanotte non può fare, e visto il disastro in cui siamo…

Molte delle possibilità di non disperdere la credibilità acquisita stanno comunque nel contratto che si sta preparando. Tutti sappiamo che Reddito di cittadinanza e Flat tax non si possono fare insieme perché il loro costo affonderebbe i conti dello Stato. Ma agendo con gradualità molte cose si possono fare, anche le più dirompenti. E siccome l’Italia non si rialza con i pannicelli caldi che ci forniscono da anni, quello che per molti è un salto nel buio sarà sempre meglio dell’ennesimo suicidio. Dunque è miope denunciare che per coabitare Lega e 5S dovranno rinunciare a qualcosa dei loro programmi, fossero anche capisaldi come una nuova legge sul conflitto d’interessi. De minimis non curat pretor, e negarci per partito preso una pur minuscola opportunità di uscire dal pantano è un’occasione che non possiamo sprecare.

Commenti

  1. honhil

    Non solo la chance, alle due formazioni politiche, è doverosa. Ma c’è di più che deve avvenire. Mattarella non deve imporre un suo presidente del Consiglio. Per almeno due motivo: primo, togliere ogni possibile alibi a Salvini e a Di Maio qualora le cose dovessero andare diversamente da come loro le prospettano e sperano. Secondo, evitare che l’Europa unita e non, ed il mondo intero, in quei due leader sotto tutela, vedano il principio della fine di una esperienza politica e partitica dei due vincitori della sfida elettorale. Che, oltre a scatenare le più bieche e devastanti speculazioni finanziarie, portando lo spread ad altezze vertiginose, sarebbe insieme uno schiaffo alla costituzione e, ineluttabilmente, la fine della democrazia. Poiché sarebbe la continuazione ideologica del settennato con coda di Napolitano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Autostrade non ne fa una giusta

Come se non bastasse tutto quello che ha passato, a Genova si conta un’altra beffa. La società Autostrade per l’Italia sta offrendo un risarcimento per le vetture danneggiate dalla caduta del ponte. Nei moduli inviati agli interessati c’è una clausola in cui si dice che chi prende i soldi avrà preclusa ogni altra pretesa in…

Continua

La balena bianca di Salvini

Camminare con un piede in due scarpe e fare così più strada di tutti. Matteo Salvini è un gigante della politica, degnissimo della cerchia stretta di Fanfani e Andreotti. In quella che fu la Prima Repubblica, questi fenomeni riuscivano a tenere insieme padroni e sindacati, laici e baciapile: tutti perfettamente accomodati nel ventre molle della…

Continua

Una manovra a prova di divisioni

Davvero una mossa geniale questa dei leader del Pd: vederli passare dai caminetti alle cene con servitù è esattamente quello che aspettavano i loro ultimi eroici elettori per trasferirsi altrove. Un messaggio surreale per quell’Italia proletaria e di Sinistra che ha fame, e gli amati sapori di una volta li trova più facilmente sulla tavola…

Continua

Merde Alors a Salvini. L’ultima moda in Europa è insultare l’Italia

Abituato com’è ad abitare sul Colle, il Presidente Mattarella vola alto e forse fatica a vedere cosa accade giù, in basso, dove prolificano i nazionalismi, e di certa Europa non si vuole più sentir parlare. L’integrazione – dice il Capo dello Stato – ci ha portato benefici, i sovranismi sono un pericolo e non è…

Continua

Fuoco di fila contro il Governo

Quando fu eletto commissario europeo agli Affari economici, anche con il voto dell’Italia, Pierre Moscovici era considerato una colomba, cioè un “amico” dei Paesi con qualche guaio nei conti pubblici. Poi è arrivato Macron e il ritorno di quell’asse franco-tedesco che ha saldato gli interessi di Parigi a quelli di Berlino, a discapito degli Stati…

Continua

L’inutile diplomazia dell’Onu

Chi gira ogni tanto per il mondo sa quanto è sottile la considerazione per il nostro Paese. L’Italia degli spaghetti, mafia e mandolino è uno stereotipo che ci hanno affibbiato per farci male. Sia chiaro, noi ci abbiamo messo del nostro e in parte ci meritiamo un certo dileggio. Ma l’immagine di una nazione è…

Continua

Ora rischia la fiducia nelle toghe

Tre dei quatto capi d’accusa ipotizzati per Matteo Salvini sono già caduti, l’ultimo impegnerà per mesi il tribunale dei ministri, altri magistrati e un mucchio di dipendenti pubblici, tutti a caccia di un reato che per moltissimi italiani è invece una medaglia sul petto del ministro. Tanto è vero, che la popolarità del leader della…

Continua

La Chiesa perdona, i giudici No

Come volevasi dimostrare, un bel gruppo dei migranti arrivati in Italia con la nave Diciotti non ha perso tempo a dileguarsi. I magistrati però non corrono rischi: invece di dedicarsi a questi signori possono continuare a cercare capi d’accusa contro Salvini, il ministro che ha tenuto questa gente più a lungo possibile sul mezzo della…

Continua

La fortuna al contrario di Tripoli

Quanto ha senso indignarsi per mezzo mondo che vuole immigrare a casa nostra e poi continuare a fare le guerre coloniali? Si dirà che le colonie europee sparse per il pianeta – o i posti al sole come li smaltava il fascismo – non ci sono più, ma la guerra civile in corso in Libia…

Continua

Il Vaticano affronti i suoi guai o cadono le fondamenta

A volte ci sono segni profetici, capaci di mostrarci qualcosa che può avvenire, affinché ci si pensi meglio prima di favorire con i propri gesti il concretizzarsi del presagio. Il crollo nella chiesa di San Giuseppe dei falegnami, nel cuore di Roma, tempio affidato a un influente gesuita, strettissimo collaboratore di Papa Francesco, ha in…

Continua