Uno sguardo più lungo sull’Europa. L’Ue sta cambiando. Ecco perché ci fa ben sperare

di Gaetano Pedullà

Devo ringraziare l’ex vicedirettore e con me cofondatore di questo giornale, Marco Castoro, per avermi dato ancora una volta un prezioso spunto di riflessione. Preso dall’evidente nostalgia dei tempi in cui La Notizia bombardava quotidianamente l’Europa, ha ripescato una nostra prima pagina in cui beffardamente titolavamo “Paraculona” (si veda l’edizione dell’11 settembre 2015) sotto la foto della Merkel che si concedeva ai selfie nella folla manco fosse Salvini tra le sdraio del Papeete.

La Notizia di allora sosteneva apertamente le posizioni euroscettiche di 5 Stelle e Lega, mentre oggi solo quest’ultima forza politica appare coerente nella sua persistente opposizione a Bruxelles, al contrario nostro e del Movimento accusati di esserci piegati ai grandi poteri Ue. In realtà però le cose non stanno così, anzi! L’Europa con al timone Juncker, spalleggiato dai falchi del rigore sui conti pubblici, andava contestata come milioni di italiani hanno poi fatto giustamente, riempiendo di voti i due schieramenti populista e sovranista.

Perciò possiamo dire che in quella stagione il nostro giornale dimostrò di vedere più lungo di altri, anticipando un flusso che sarebbe cresciuto lentamente e che non era esattamente quello sostenuto dalla quasi totalità dei giornali e delle tv nazionali. Capimmo insomma dove stava un problema e dove andava il vento, esattamente come facciamo anche oggi quando spieghiamo ai nostri lettori che quell’Europa sta cambiando verso.

I motivi di questo cambiamento sono tanti, e i più palesi sono quelli contingenti di una stagnazione economica che ha contagiato persino la locomotiva tedesca, frenata dalla guerra dei dazi tra Usa e Cina, rivelando che l’Unione europea è meno di un vaso di coccio tra due vasi di ferro. Ma c’è di più. I Paesi periferici, tenuti per anni alla larga dalla stanza dei bottoni, hanno preso coscienza della loro forza e oggi riescono a imporre alla direzione del Fondo monetario internazionale una loro candidata – la bulgara Kristalina Georgieva – riuscita a imporsi al capo-guardiano dell’austerità, l’olandese numero uno dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem.

Questo e molti altri segnali, compresa l’esiguità dei voti con cui è passata la presidenza della von der Leyen al Parlamento europeo, rivelano che in Europa si sta facendo largo la consapevolezza di attuare nuove politiche espansive e di condivisione, come d’altra parte ha detto chiaramente la stessa presidente della Commissione nel suo discorso d’insediamento. Con questa Europa si può dialogare, anche per cambiare le regole che non vanno e che non cambieranno mai limitandosi ad abbaiare alla luna dalle piazze o dai banchi di un’opposizione sterile com’è quella in cui si è relegata la Lega.

Un’analisi, questa, che non è facile da fare arrivare al grande pubblico, come anni fa non era facile spiegare il danno che stavano facendo Merkel e Juncker, ma presto o tardi i cittadini vedranno, ovviamente a patto che gli impegni su flessibilità e revisione dei trattati non si sciolgano come neve al sole. Un punto sul quale si può essere però fiduciosi, e non per l’illusione di un ravvedimento di chi in Europa ha sempre fatto i suoi interessi e non c’è dubbio che proverà a farseli ancora. L’ottimismo sul cambio di priorità – dai mercati, le multinazionali e la grande impresa ai servizi per i cittadini, il welfare e la sostenibilità ambientale – risiede in due argomenti testardi.

Il primo è che il cosiddetto establishment si è preso una bella paura per l’avanzata un po’ dappertutto delle forze euroscettiche, e si è reso conto che tenendo stretti i cordoni della borsa si rischia di fare danni inestimabili, a partire dal naufragio della stessa idea di Europa e a cascata della moneta comune. Il secondo fattore sta nelle munizioni di chi ha contrattato e continuerà a farlo con i poteri forti. Senza il voto determinate dei Cinque Stelle alla von der Leyn – per capirci – l’Italia avrebbe avuto il commissario alle frattaglie e non certo Paolo Gentiloni agli Affari economici. Una fiducia che se la presidente tradirà gli impegni sarà revocata. Ce n’è abbastanza per credere che la nuova Ue sarà diversa da quella di prima?

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Il miracolo dei conti della Raggi

Tra falsi scandali (il premier Giuseppe Conte che butta miliardi nel Fondo europeo Salvastati, ma non è stato firmato niente) e vergogne vere (l’ex ministra Elisabetta Trenta che non lascia l’alloggio di servizio) ai più è sfuggita una notizia davvero clamorosa. A Roma, paradigma nazionale dello sperpero della politica, della connivenza tra criminalità e colletti…

Continua

Ci mancava il partito di Calenda. L’ex ministro ringrazia così il Pd che sei mesi fa lo fece diventare europarlamentare

Per chi ne sentiva la mancanza, tra breve arriverà un nuovo partito di cui al momento sappiamo tre cose: lo guiderà l’ex ministro ex montezemoliano ex renziano ex piddino Carlo Calenda; non è ancora nato e ha già provato a impossessarsi abusivamente delle sardine in piazza a Bologna contro Salvini; e infine – come unica…

Continua

Tocca a noi resistere ai soprusi. Ma la condanna dei Carabinieri per il pestaggio di Cucchi prova che neppure lo Stato è superiore alle leggi e a se stesso

È malato grave, ma anche il nostro sistema ha i suoi anticorpi. La condanna di due carabinieri per la morte di Stefano Cucchi, sicuramente non rimasto vittima di un raffreddore, è la prova che neppure lo Stato è superiore alle leggi e a se stesso. Per questo i principi base dal nostro diritto, a partire…

Continua

Che fine hanno fatto i 6 miliardi del Mose? Una parte è stata sprecata e l’altra direttamente rubata

Il governatore Luca Zaia è furente perché non ha idea di dove siano i sei miliardi spesi per il Mose. Forse è andato in Regione quanto Matteo Salvini al Viminale per non sapere che una parte di quei soldi è stata sprecata e l’altra direttamente rubata. Di tutto questo ovviamente non è solo colpa della…

Continua

Un avvocato di troppo per ArcelorMittal. Conte continua a spingere per ripristinare un inutile e illegale scudo penale

Chissà per quale motivo il premier Giuseppe Conte e un bel pezzo della maggioranza si stanno logorando sull’inutile e illegale scudo penale inventato per dare l’Ilva agli ex pretendenti di ArcelorMittal. Questi signori hanno già abbandonato l’affare, e anche gli osservatori più ingenui hanno capito che la revoca dell’immunità è la foglia di fico usata…

Continua

L’Italia ha bisogno di riforme profonde, ma ci si può fidare di Giorgetti?

Sediamoci attorno a un tavolo “per cambiare tutti insieme quattro-cinque cose e dare un governo decente al Paese”. A proporlo è stato ieri il numero due della Lega, Giancarlo Giorgetti, e non è esattamente quello che diceva ad agosto scorso, quando invece spingeva Salvini a staccare la spina del Governo gialloverde per prendersi i pieni…

Continua

I partiti investano solo in Btp. L’uso speculativo dei finanziamenti dovrebbe essere vietato

Il tesoriere della Lega, Giulio Centemero (nella foto), un signore che rischia il processo per finanziamento illecito ai partiti nello scandalo sullo stadio della Roma, ha negato ogni legame tra l’investimento di 300mila euro in bond dell’ArcelorMittal e la vicenda Ilva. Sebbene ieri Repubblica ha ricostruito una serie di collegamenti tra la maggiore delle nostre…

Continua

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Bruxelles non ha capito la lezione

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Per qualche ora, giusto il tempo di far capire l’aria che tira, i titoli del nostro debito pubblico sono diventati più rischiosi di quelli della Grecia. Un regalo, l’ultimo di una lunga serie della Commissione europea, o se vogliamo di quello che resta del vecchio governo…

Continua

La lezione dei libri incendiati. Chi strizza l’occhio alla violenza non faccia finta di non sapere

Guai a dire che dietro la Destra che monta nel Paese c’è puzza di fascismo. Salvini ci fa sopra una grassa risata e strizzando l’occhio a Casapound ne nega l’evidenza. Ieri però a Roma hanno bruciato una libreria, e chi conosce giusto i rudimenti storici di quanto avveniva in Europa meno di cento anni fa…

Continua

L’autogol del Centrodestra su Conte e il caso Fiber

Se non imbrogliasse gli italiani con le bugie sull’aumento delle tasse, gli immigrati e il Governo che fa scappare dall’Ilva quei benefattori dell’ArcelorMittal, al Centrodestra resterebbe ben poco per tenersi stretto un consenso dopato da giornali e tv a reti unificate. Una prova l’abbiamo vista ieri, col tentativo di affibbiare al premier Giuseppe Conte un…

Continua