Morra a Paragone: “Perché rimanevi nel ‘nulla’ prima di essere espulso? Così non fai onore anche al tuo recente passato”

dalla Redazione
Politica

“Gianluigi, certamente stiamo operando scelte non sempre lucide, non sempre felici. Certamente non siamo quelli del 4 marzo 2018, esattamente come non siamo più quelli del 4 ottobre 2009 o del 25 febbraio 2013. Ma se ci definisci il ‘nulla’, come si legge, perche’ rimanevi nel ‘nulla’ prima di essere espulso?”. E’ quanto scrive sulla sua pagina Facebook il presidente della Commissione Antimafia, Nicola Morra, in merito all’espulsione di Gianluigi Paragone dal M5S.

“Abbiamo tanti, tanti problemi – aggiunge l’esponente pentastellato – e sapessi quanta xxxxx abbiamo dovuto ingoiare, ho dovuto ingoiare, in questi anni. Se però vuoi essere parte di un gruppo, devi anche accettare le decisioni che ti vedono contrario, operando al fine di convincere gli altri degli errori che si vanno facendo. Certo, fin quando la tua soggettività, la tua coscienza, te lo consentono. Ma allora te ne vai da te, reputando che si sia conclusa un’esperienza di condivisione, di fratellanza. Se ti fai espellere e definisci i tuoi vecchi amici e compagni il ‘nulla’ – conclude Morra -, non fai onore anche al tuo recente passato, alla tua intelligenza, a milioni di persone che quanto te, e forse ben più di te, c’hanno creduto e ci credono ancora. Ti rispetto, ma le parole hanno un senso”.

Loading...