Il 21 luglio gli iscritti M5S voteranno per scegliere il candidato sindaco di Torino. Appendino: “In questi cinque anni la città è cambiata”

Torino Appendino
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Torino in questi cinque anni è cambiata. Come MoVimento 5 Stelle abbiamo portato avanti un lavoro serio, incessante, quotidiano, che ha portato a migliorare concretamente la vita di migliaia di cittadini torinesi”. È quanto scrive il M5S sul suo sito annunciando il voto degli iscritti, in programma il 21 luglio, per scegliere il candidato sindaco del capoluogo piemontese.

“Avevamo chiari i problemi e le priorità della nostra Città – scrive la sindaca uscente del M5S, Chiara Appendino -, e avevamo altrettanto chiara la visione di una Torino del futuro che volevamo consegnare alle prossime generazioni. Per questo motivo ci siamo mossi su tre fronti: 1. Risolvere vere e proprie emergenze ereditate dal passato con cui i cittadini facevano i conti da troppi anni. 2. Prendersi cura dell’ordinario. Strade, aree verdi, trasporto pubblico, luoghi di aggregazione. Tutto ciò che fa parte della quotidianità di ogni torinese. 3. Garantire una visione che rendesse di nuovo grande Torino con progetti a lungo termine. Innovazione, lavoro, ambiente, economia circolare, rinnovamenti urbani. Sono solo alcune delle parole chiave che hanno guidato la nostra azione”.

“Ma si sa, 5 anni non sono sufficienti per portare a compimento un cambiamento che voglia dirsi completo. È necessario un orizzonte più ampio – aggiunge ancora la Appendino -. Per questo motivo siamo pronti a scegliere il prossimo candidato sindaco del M5S  per la Città di Torino. Io, per motivi che ho già spiegato, non sarò più in prima linea come candidata, ma darò tutto il mio contributo e sostegno affinché la Torino che abbiamo cominciato a costruire e che i cittadini iniziano a vedere con i loro occhi, sia sempre più bella”.

“Per fare tutto questo – scrive ancora Chiara Appendino -, è necessario che questo progetto venga portato avanti da chi gli ha dato vita. Che quella visione si mantenga salda, su binari coerenti. Che i torinesi siano protetti da cambi di direzione che rischierebbero di mettere a rischio quanto di buono fatto fino ad oggi. In una parola: serve continuità”.

“Questa continuità sarà rappresentata dal MoVimento 5 Stelle, e il MoVimento 5 Stelle sarà rappresentato dal candidato che – in un nuovo esercizio di partecipazione – sceglieranno gli iscritti della Città di Torino. A mettersi a disposizione sono state due persone, che hanno la mia massima stima e fiducia: Andrea Russi, Presidente della III Commissione, Commercio e Turismo, e Valentina Sganga, capogruppo del MoVimento 5 Stelle in Sala Rossa. Due persone che porteranno avanti il lavoro fatto sin qui, pur dando – come è giusto e normale che sia – il loro prezioso contributo”.

“Per scegliere chi sarà il candidato Sindaco del M5S – spiega ancora la sindaca Appendino – per le prossime elezioni amministrative di Torino abbiamo deciso di affidarci al voto degli iscritti. Ora vi chiedo di conoscerli, consultare i loro profili, il loro CV, guardare i loro video e, soprattutto… porre loro domande. Nei prossimi giorni, sono certa, non mancheranno occasioni di confronto”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA