A Kiev l’incontro tra Zelensky e Nancy Pelosi. Gli Stati Uniti continueranno a sostenere l’Ucraina. “Sulle città occupate tornerà a sventolare la nostra bandiera”

Zelensky: "L'Ucraina sarà libera e su tutte le città occupate tornerà a sventolare la nostra bandiera".

“L’Ucraina sarà libera, e Kherson, Melitopol, Berdyansk, Dniprorudne e su tutte le altre città e comunità temporaneamente occupate tornerà a sventolare la bandiera ucraina”. È quanto ha detto il presidente ucraino, Volodymir Zelensky in un videomessaggio su Telegram (qui tutti gli articoli sulla guerra in Ucraina).

A Kiev l’incontro tra Zelensky e Nancy Pelosi. Gli  Stati Uniti continueranno a sostenere l’Ucraina. “Sulle città occupate tornerà a sventolare la nostra bandiera”

Zelensky: “L’Ucraina sarà libera e su tutte le città occupate tornerà a sventolare la nostra bandiera”

“C’è ancora molto lavoro da fare. Gli occupanti sono ancora sulla nostra terra – ha aggiunto – e ancora non riconoscono l’apparente fallimento della loro cosiddetta operazione. Dobbiamo ancora combattere e dirigere tutti gli sforzi per cacciare gli occupanti. E lo faremo”. Zelensky ha poi promesso il “ritorno a una vita normale, che la Russia non è in grado di fornire nemmeno sul proprio territorio”.

Il presidente ucraino ha incontrato oggi, a Kiev, Nancy Pelosi. La presidente della Camera dei Rappresentanti Usa ha confermato a Zelensky che gli Stati Uniti non smetteranno di fornire armi all’Ucraina per il timore di provocare la Russia.

In una conferenza stampa tenuta in Polonia, dopo l’incontro con Zelensky, Pelosi ha affermato, che “non bisogna farsi mettere sotto dai bulli”. “Se ti minacciano, non puoi cedere”, ha detto la presidente della Camera dei Rappresentanti Usa. Della delegazione che accompagnava Pelosi facevano parte anche alcuni parlamentari americani e il presidente della Commissione intelligence della Camera, Adam Schiff.

“Si tratta prima di tutto dell’Ucraina, ma non si tratta solo dell’Ucraina. Si tratta di un dittatore al Cremlino che fa la guerra come se fosse di nuovo la seconda guerra mondiale con una massiccia invasione del suo vicino e deve essere fermato”, ha detto Schiff aggiungendo che gli Usa sono pronti “a dare all’Ucraina tutto il sostegno necessario per fermare ciò”.

“Compiamo questa visita per ringraziarla per la vostra battaglia per la libertà. La vostra battaglia – ha detto Pelosi in un video rivolgendosi a Zelensky – è per tutti. Il nostro impegno è essere qui fino alla fine della battaglia”. Mentre Zelensky nel post che accompagna il video ha scritto: “Ho incontrato la speaker della Camera Usa Nancy Pelosi a Kiev. Gli Usa sono leader nel forte sostegno alla lotta contro l’aggressione russa. Grazie per l’aiuto alla protezione della sovranità e dell’integrità territoriale del nostro stato!”.

Durante la visita della presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti a Kiev, Zelensky gli ha conferito l’Ordine della principessa Olga. L’onorificenza, secondo quanto ha riferito la presidenza ucraina, è stata assegnata a Pelosi “per il significativo contributo personale al rafforzamento della cooperazione interstatale ucraino-statunitense e al sostegno per un’Ucraina sovrana, indipendente e democratica”. L’Ordine della principessa Olga è un’onorificenza dello Stato ucraino conferita abitualmente a donne che si sono distinte per risultati significativi in attività scientifiche, istituzionali, economiche ed educative.

Papa Francesco: “Soffro e piango pensando alle sofferenze della popolazione ucraina”.

“Soffro e piango pensando alle sofferenze della popolazione Ucraina” ha detto Papa Francesco al Regina Coeli. Bergoglio è tornato a chiedere corridoi umanitari per Mariupol. “Oggi inizia il mese dedicato alla Madre di Dio. Vorrei invitare tutti i fedeli e le comunità a pregare ogni giornp di maggio il rosario per la pace. Il pensiero va subito alla città ucraina di Mariupol, città di Maria, barbaramente bombardata e distrutta. Rinnovo la richiesta che siano predisposti corridoi umanitari sicuri per le persone intrappolate nell’acciaieria di quella città” l’appello di Papa Francesco.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram