A Napoli la situazione sanitaria è allo stremo. L’allarme del sindaco de Magistris: “Abbiamo file di auto e di ambulanze nei pressi degli ospedali”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La situazione sanitaria è allo stremo. Abbiamo file di auto e di ambulanze nei pressi degli ospedali. E’ una situazione drammatica a cui si aggiunge la tensione sociale che è altrettanto seria e preoccupante”. E’ quanto ha detto a Tv8 il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. “Credo – ha aggiunto – che dobbiamo andare immediatamente a misure progressivamente più rigide che non significa necessariamente il lockdown di marzo e aprile”.

“Di fronte a uno scenario che ha anche a che fare con la tenuta democratica del Paese – ha detto ancora il primo cittadino del capoluogo campano -, credo che non abbiamo alternativa che se non quella di lavorare insieme, insieme, insieme e bisogna evitare assolutamente segnali di debolezza e di scaricabarile. Per tutte le decisioni che si devono prendere, anche in progressione le più rigide, ci deve essere una mano che toglie e contestualmente una mano che mette perché se ci sono restrizioni e si mette in crisi la tenuta sociale, economica e del lavoro ci vuole una mano che immediatamente da in termini di soldi e lavoro”.

In questa direzione de Magistris ha sottolineato che “il ruolo del Governo è fondamentale perché bisogna immettere liquidità” ed ha avanzato la proposta che sia ripetuta l’ordinanza di Protezione civile, varata la scorsa primavera, “con cui si è data liquidità ai Comuni che conoscendo il territorio arrivano nelle tasche delle persone che non hanno più denaro per vivere”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA