Acido in bottiglia al collega. Tentato omicidio: dipendente arrestata a San Donato Milanese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il collega lascia la bottiglietta d’acqua sulla scrivania, lei ci versa l’acido cloridrico per cercare di avvelenarlo. Un fatto inquietante, accaduto a San Donato (Milano) negli uffici dell’Eni. I carabinieri hanno accertato che, in passato, la donna aveva già molestato una sua collega per telefono e le aveva imbrattato auto e porta di casa. Per questo motivo la 52enne è stata arrestata per atti persecutori e le è stato contestato anche un tentato omicidio. In casa i militari del centro dell’hinterland milanese hanno trovato delle bombolette spray. Nella borsa una bottiglietta con la sostanza caustica e una siringa. L’uomo, 41 anni, dopo aver bevuto un sorso dalla bottiglietta ha avvertito un bruciore fortissimo in bocca ed è stato portato in ospedale. Gli sono stati diagnosticati tre giorni di prognosi. È emerso, peraltro, che un’altra dipendente, di 35 anni, aveva sporto denuncia perché, a sua volta, aveva ricevuto molestie telefoniche e si era vista imbrattare l’auto e la porta di casa.