Addio a Salvatore Tatarella, punto di riferimento della Destra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Lutto nel mondo della destra italiana. È scomparso Salvatore Tatarella, fratello dello storico leader Pinuccio. Riferimento della sua area politica in Puglia e poi a livello nazionale, è stato un attivissimo europarlamentare. Sempre attento ai valori e alla formazione politica e civica delle nuove generazioni.

Se n’è andato stamattina a Bari dopo una lotta contro un mare incurabile. Un lunghissimo percorso condotto sempre a destra. Da dirigente della Giovane Italia e del Msi fino ai vertici di Alleanza Nazionale. Nel 1993 è stato eletto sindaco di Cerignola (Foggia), ma anche consigliere regionale in Puglia per il Msi, europarlamentare del Msi-An, poi rieletto in Europa nelle fila del Pdl. Deputato tra le fila di Alleanza Nazionale. Nel capoluogo di Regione, Bari, è stato vicesindaco sotto la giunta guidata da Simone Di Cagno Abbrescia. Insieme a Gianfranco Fini si è staccato da Silvio Berlusconi passando in Futuro e Libertà.

Tatarella ha spinto molto perché An aderisse al Partito polare europeo. Dopo l’ultima esperienza da europarlamentare si è dedicato a promuovere la “Fondazione Giuseppe Tatarella”. Cordoglio da tutto il mondo politico.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA