Addio alla principessa di Guerre Stellari. Carrie Fisher ci lascia a 60 anni: era stata ricoverata per un infarto qualche giorno fa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’anno nero per il mondo dello spettacolo continua, che perde un’altra stella. L’attrice Carrie Fisher, 60 anni, è morta dopo l’infarto che l’aveva colpita il 23 dicembre, costringendola a un immediato ricovero. Ma la situazione era già compromessa. Così oggi i familiari hanno dato la notizia del decesso. “È con una tristezza profonda che Billie Lourd conferma che la sua amata madre Carrie Fisher è deceduta alle 8,55 di questa mattina. È stata amata dal mondo e lei ci mancherà profondamente. La nostra famiglia vi ringrazia per i vostri pensieri e le vostre preghiere”, ha riferito una comunicazione alla stampa.

Carrie Fisher è stata per tutti la principessa di Guerre Stellari. Il successo è infatti arrivato con l’assegnazione di quel ruolo nel primo film della saga, quello del 1977. Il regista George Lucas scelse l’attrice al fianco di Harrison Ford. Tuttavia nella sua carriera l’attrice ha recitato in molte opere:  L’impero colpisce ancoraThe Blues BrothersIl ritorno dello Jedi a Harry ti presento SallyScream 3Maps to the stars e infine Star wars: Il risveglio della forza. “Non sarei tornata a interpretare Leila alla mia età se mi avesse dato fastidio. È bello essere lei. Forte e indipendente, tutto quello che avrei voluto essere quando la interpretai per la prima volta nel 1977”, aveva detto spiegando il motivo che l’aveva portata ad accettare ancora lo stesso ruolo, molti decenni dopo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA