Aereo scomparso, possibile svolta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nuove rivelazioni sull’aereo della Malaysia Airlines scomparso lo scorso 8 marzo, mentre era in volo  con 239 persone a bordo.

Prima di precipitare nell’Oceano indiano, dopo aver finito il carburante, il Boeing 777 volava con il pilota automatico inserito e il comandante e il suo vice rimasero «inerti» e non tentarono alcuna manovra. È quanto emerge dalle nuove indagini, annunciate dalle autorità australiane,

Secondo il vicepremier australiano, Warren Truss,  il velivolo «non avrebbe potuto seguire la rotta regolare che è stata identificata attraverso gli avvistamenti satellitari».

Nel nuovo rapporto di 64 pagine, elaborato dall’Agenzia per la sicurezza aerea australiana (Atsb), torna l’ipotesi che a causare l’incidente aereo sia stata un’improvvisa perdita di pressione ad alta quota e che i piloti e l’equipaggio abbiano perso conoscenza per mancanza di ossigeno.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA