Aids, adesso i contagi sono tra gli over 50. In Italia ogni cinque nuovi casi di Hiv, uno riguarda persone over 50

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Niente da fare. Sembrava tutto sotto controllo, invece è cambiata solo l’età ma il rischio contagio Aids è ancora alto. In Italia ogni cinque nuovi casi di Hiv uno riguarda persone over 50. E non basta. In soli dodici mesi sono raddoppiati pure i casi di sifilide, gonorrea ed epatite. A dimostrazione che il legame tra protezione e infezione è ancora spesso oscuro, sia per i giovani che per gli adulti. Nella graduatoria del rischio esiste un gradiente ben definito per la trasmissione dell’Hiv nei rapporti non protetti, in relazione alla modalità del rapporto.

“I rapporti a maggior rischio, hanno sottolineato gli esperti, sono quelli anali recettivi, seguiti dai rapporti vaginali recettivi, quindi quelli anali insertivi, vaginali insertivi e infine i rapporti orali recettivi. Senza distinzione tra genere maschile e femminile. Questo perché la vita sessualmente attiva si è prolungata, hanno osservato gli specialisti. Oggi si registrano nuove diagnosi di infezione da Hiv in soggetti con più di 50 anni di età che rappresentano circa il 20% delle nuove diagnosi nei centri clinici e appartengono ad entrambi i sessi.

Fino a 5 anni fa, invece, rappresentavano soltanto il 14%.  In oltre un caso su due la malattia è stata riscontrata in una fase molto avanzata. Per quanto riguarda gli uomini che fanno sesso con uomini, si è passati da 120 casi a 190.  In Italia, però, hanno avvertito gli esperti, si sono registrati nell’ultimo anno anche molti casi di epatite A trasmessa mediante rapporti orali o anali, e diversi studi epidemiologici e scientifici spiegano che è in corso un focolaio epidemico in molti Paesi europei. questo significa che servono nuovi programmai di prevenzione.