Al gioco del Lotto vince la cultura. Scelti 5 progetti innovativi per promuovere i musei. Intelligenza artificiale e realtà virtuale diventano arte

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Governo non vuole sentirne parlare di gioco, ma le lotterie in concessione pubblica oltre a riversare centinaia di milioni nelle casse dello Stato hanno un vincitore fisso di cui l’Italia si può vantare nel mondo: la nostra cultura. Grazie alle risorse destinate da Lottomatica con l’iniziativa delle “Idee vincenti”, cinque talentuosi gruppi di giovani e ricercatori si sono aggiudicati la possibilità di realizzare degli incredibili progetti per promuovere l’arte e i musei.

Sarà possibile così rivivere i luoghi dei grandi capolavori della pittura esattamente come erano all’epoca in cui furono ritratti, o vedere con i nostri occhi opere artistiche collocate nei più grandi musei italiani e poterle finalmente “toccare con mano”. Ma anche proteggere e fruire di una sconfinata quantità di beni archeologici attraverso un processo di archiviazione 3D.

Sono queste alcune delle idee innovative premiate con l’intervento ideato e sostenuto da Lottomatica, attraverso Il Gioco del Lotto in partnerhsip con PoliHub (incubatore d’impresa del Politecnico di Milano gestito dalla Fondazione Politecnico) destinato a sostenere il patrimonio artistico e culturale italiano attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative quali realtà virtuale e aumentata, blockchain, Internet of Things, Intelligenza Artificiale.

CHI CE L’HA FATTA – I 5 progetti vincitori accederanno ora al programma di accelerazione della durata di 6 mesi in PoliHub per la realizzazione del piano di sviluppo. Successivamente a questa fase, le idee di impresa verranno accompagnate sul mercato attraverso incontri mirati con investitori, istituzioni pubbliche, fondazioni che potrebbero essere interessate a sponsorizzare i progetti, favorendone l’adozione e garantendone la sostenibilità economica.

I progetti premiati, sugli 80 arrivati in finale, sono: Aerariumchain.com (Monza), una Start Up in grado di archiviare attraverso scan 3D beni artistici e architettonici; AuthclicK (Como), iniziativa incentrata sulla valorizzazione della fotografia come memoria dei beni culturali e artistici del Paese. La start up consentirà la scoperta, valorizzazione e tutela dell’opera di nuovi talenti; CityOpenSource (Napoli), una piattaforma (webapp) che permetterà di realizzare progetti collaborativi di digital storytelling localizzando contenuti multimediali e dati su mappe interattive; Percorsi di contaminazione tattile (Tortona), finalizzato a creare un modo per usufruire della conoscenza sensoriale e immersiva dell’arte anche attraverso il tatto; e infine un servizio di inclusione sociale rivolto a non-vedenti e più piccoli, Vedere l’invisibile (Novara), con la riproduzione di un’esperienza immersiva, attraverso realistiche ricostruzioni 3D frutto di lunghi e silenziosi anni di ricerche, per far rivivere oggi luoghi come i Giardini Arciducali di Monza o la milanese Sala delle Cariatidi, creduti ormai persi per sempre.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA