Alberto Bevilacqua, riaffiora la vicenda giudiziaria. Quattro medici indagati per la morte dello scrittore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ci sono i primi indagati per la morte dello scrittore Alberto Bevilacqua. La Procura di Roma ha iscritto nel registro il cardiologo Antonio Ciccaglioni, l’anestesista Claudio Di Giovanni, l’ex direttore sanitario professor Mario Maggio e l’operatore sanitario Giuseppe Gentile. L’inchiesta era partita quando Michela Macaluso,  la compagna di Bevilacqua, aveva fatto ricorso al tribunale civile, chiedendo la nomina di un tutore e denunciando i medici di Villa Mafalda per una terapia a suo avviso inappropriata. Secondo la donna l’uomo sarebbe stato “ostaggio” della struttura privata. La magistratura inquirente capitolina aprì un’inchiesta proprio nei confronti della clinica. La questione giudiziaria è riaffiorata nel giorno della morte dello scrittore, quando Michela Macaluso, ha chiesto l’autopsia.