Il sindaco leghista che si toglie la fascia e se ne va perché in piazza si canta “Bella Ciao”

alberto greco mirandola
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il sindaco di Mirandola Alberto Greco ieri durante le celebrazioni del 25 aprile si è tolto la fascia tricolore e ha abbandonato la piazza perché i presenti hanno cantato “Bella Ciao”. Greco, che è della Lega, ha lasciato Piazza Costituernte quando i circa 200 presenti, come riporta la stampa locale, hanno cominciato a cantare.

Il sindaco leghista che si toglie la fascia e se ne va perché in piazza si canta “Bella Ciao”

Come riporta la stampa locale, a denunciare l’accaduto sono stati il Pd e l’Anpi. “Ha perso l’ennesima occasione per dimostrare di essere primo cittadino di una comunità democratica e antifascista”, ha detto Francesca Donati, consigliera comunale del Pd di Mirandola. “Una città umiliata, offesa e mutilata”, ha scritto merito l’Associazione nazionale partigiani italiani di Mirandola.

Il primo cittadino leghista però non ci sta e parla di polemica strumentale: “Fa quanto meno effetto vedere chi sempre si è detto contrario a far respirare teatri, bar, ristoranti e palestre, pronto a denunciare il proprio vicino per mancato rispetto delle norme anti Covid, ignorare completamente una disposizione arrivata direttamente dalla Prefettura e creare assembramento per cantare ‘bella ciao’. Per troppi anni – ha scritto Greco sulla sua pagina Facebook – una certa parte politica ha voluto appropriarsi di quello che di parte non è: la lotta per la libertà”.

Il sindaco di Mirandola Alberto Greco, Bella Ciao e il 25 aprile

Secondo il racconto della Gazzetta di Modena nella scaletta delle celebrazioni non c’era Bella Ciao. Ma l’inno è stato intonato al termine della celebrazione. A quel punto il sindaco si è tolto la fascia e si è spostato.  L’Anpi nei giorni scorsi, aveva dichiarato che avrebbe cantato “Bella ciao”, “rispettando le norme anti-Covid. E aveva rivolto critiche pesanti all’amministrazione, parlando di «lettere che sono state tolte e mai rimesse le lettere ai nostri monumenti cittadini alla resistenza» e «non tutti i partigiani hanno ricevuto un fiore dall’amministrazione». Oltre al fatto che l’Anpi non è stata invitata alla cerimonia.

L’associazione partigiani parla di “fascismo”, che “è violenza in tutte le sue forme: fisica, psicologica, intellettuale. Fascismo è impedire l’accesso alla cultura, privare della libertà d’espressione, censurare ciò che non piace, negare la memoria della Liberazione. Fascismo – conclude l’Anpi – è non poter ascoltare Bella Ciao e qualsiasi altro canto partigiano durante le celebrazioni del 25 aprile». Il sindaco ha chiesto di mettere in scaletta “Bella ciao”? «No – risponde – perché può creare divisione, poi la scaletta musicale non l’ho scelta io. C’è un processo in corso perché hanno cantato “Bella ciao”. Qui si è verificata la stessa cosa: che dovevo fare io? Il programma della manifestazione, ripeto, era finito». —

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA