Aleppo senza tregua. L’annuncio di cessate-il-fuoco è una farsa: spari contro il corridoio umanitario

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La tregua umanitaria ad Aleppo non regge. L’annuncio di un cessate-il-fuoco di undici ore, fatto dalla Russia e dal governo siriani, non è stato rispettato: nella parte est della città, dove la situazione è catastrofica, alcuni gruppi armati hanno aperto il fuoco nei pressi del corridoio umanitario, complicando le operazioni di assistenza a una popolazione stremata. Peraltro lo stop alle operazioni belliche è molto breve: durerà in tutto undici ore e già in serata molto probabilmente  riprenderanno gli attacchi del regime di Damasco contro le fazioni ribelli che controllano molti quartieri di Aleppo.

La situazione in Siria è resa ancora più complicata dall’azione della Turchia: i bombardieri di Ankara hanno colpito delle postazioni dell’Ypg, i guerriglieri curdi appoggiati dagli Stati Uniti. Secondo le informazioni riferite dai media locali, ci sono stati almeno 200 morti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA