Alitalia e Etihad ora sono pronte al decollo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Alitalia-Etihad ora può davvero decollare. E’ stato infatti trovato l’accordo con le banche per l’impegno di Poste nell’ex compagnia di bandiera. Il gruppo guidato da Caio metterà sul piatto 65 milioni di euro, che si vanno a sommare ai 75 già versati a dicembre, portando così l’esborso totale dell’azienda a 140 milioni. Poste, tuttavia, ha ottenuto il via libera a non versare denaro dentro Cai-Alitalia, destinata a diventare una specie di bad company, e nella nuova società in cui entreranno gli arabi di Etihad. L’intervento, secondo quanto riferito all’Ansa da fonti vicine al dossier, avverrà, quindi, nei confronti di una società intermedia, una midcompany.

Resta sul tavolo il problema dei lavoratori, che ha portato a una spaccatura dei sindacati, con Uil Trasporti che non ha sottoscritto il nuovo contratto e i relativi tagli al costo del lavoro. Sul punto era intervenuto in mattinata il ministro Lupi che ha escluso una nuova convocazione delle parti sociali per superare lo stallo: “Auspico che si mettano d’accordo tra loro” ha detto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA