Alitalia punta all’utile nel 2017. Il presidente di Etihad denuncia: in passato l’azienda è stata gestita come una società pubblica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La nuova Alitalia spicca il volo con le migliori intenzioni. E già per il 2017 prevede un utile operativo di circa 100 milioni di euro. A sostenerlo è stato ieri l’Ad della compagnia, Silvano Cassano. “Faremo tutto il possibile – ha detto – per raggiungere questo obiettivo, magari anche in anticipo, ma senza intaccare gli investimenti, che sono necessari per arrivare a fornire un servizio a 5 stelle e a fare di Alitalia una compagnia globale premium”.

SFIDA DIFFICILE
Nessuno si illude però che la sfida sia facile. ”Questa è l’ultima possibilità di salvare Alitalia”, ha avvisato il presidente di Etihad e vice presidente di Alitalia James Hogan. “Oggi – ha precisato il nuovo azionista – Alitalia va molto male, è stata gestita finora come una società pubblica. Serve un cambiamento radicale del modo di lavorare per abbassare i costi e aumentare la produttività”. Etihad, ha detto tra l’altro Hogan, “è per Alitalia un investitore di lungo termine, non una banca”. L’obiettivo del ritorno all’utile nel 2017 è sfidante, ma possibile per il presidente della compagnia Luca Cordero di Montezemolo. “Dopo momenti drammatici – ha aggiunto – oggi guardiamo al futuro con fiducia e ottimismo”. Prospettiva non difficile per chi intanto si tiene stretta una pluralità di poltrone anche in macroscopico conflitto di interessi. Montezemolo, infatti, oltre che presidente di Alitalia è vice presidente di Unicredit (grande creditore e azionista di Alitalia) e tra gli azionisti di riferimento di Ntv (il treno Italo) oggettivamente concorrente degli aerei Alitalia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA