L’allarme dell’Unicef. La carestia mette a rischio la vita di 10 milioni di bambini in tutto il mondo. Ecco l’altra faccia delle bombe

Nel mondo, secondo i dati diffusi da Unicef, 1 decesso su 5 tra i bambini di età inferiore ai 5 anni è dovuto alla malnutrizione acuta grave.

Nel mondo 1 decesso su 5 tra i bambini di età inferiore ai 5 anni è dovuto alla malnutrizione acuta grave. La guerra in Ucraina rischia di far sprofondare il mondo in una crisi alimentare globale che mieterà ulteriori vittime, lontane dai riflettori della stampa internazionale e lontane dal cuore dell’Europa in cui si consuma il conflitto. Sono i dati presentati da Unicef nel suo ultimo rapporto “Child alert”.

<font size=STRICTLY EMBARGOED until 17 MAY 2022 at 00.01 GMT
" width="667" height="370" style="margin: 0 auto 20px ;width: 100%; "/>

Nel mondo 1 decesso su 5 tra i bambini di età inferiore ai 5 anni è dovuto alla malnutrizione acuta grave

Secondo Unicef si prevede che, anche a causa della guerra, il prezzo degli alimenti terapeutici pronti all’uso aumenterà fino al 16% nei prossimi sei mesi, a causa del costo delle materie prime: 600mila bambini potrebbero non avere accesso alle cure salvavita. “La carenza di cibo, carburante e fertilizzanti, unita alle pressioni inflazionistiche, stanno facendo salire i prezzi”, scrive Unicef, “le agenzie umanitarie non saranno in grado di curare centinaia di migliaia di bambini”.

I bambini piccoli che sono rimasti senza cibo perdono rapidamente molto peso corporeo, spesso esacerbato da attacchi di diarrea infettiva, fino a diventare così magri e fragili da sembrare scheletrici. “È uno spettacolo angosciante”, scrive Catherine Russell, direttrice esecutiva di Unicef. “Ancora più angosciante – spiega Russel – è la consapevolezza che è terribilmente doloroso per il bambino il cui corpo sta combattendo la condizione. Senza un trattamento salvavita, è una battaglia che molti perdono”.

La maggior parte delle persone non ha mai sentito parlare di grave deperimento, noto anche come “malnutrizione acuta grave”. Ma è una delle principali cause alla base dei decessi prevenibili nei bambini piccoli. I conflitti e le crisi climatiche che distruggono l’accesso a diete sane stanno facendo aumentare quel numero. Ma anche in paesi abbastanza stabili, il deperimento infantile è aumentato di oltre il 40%.

Ad esempio, in Uganda, il deperimento infantile è aumentato del 61% dal 2016. Quando un neonato o un bambino è così sottopeso e debole, non può mangiare normalmente. Ciò significa che gli aiuti alimentari tradizionali, come i sacchi di grano o di soia, non possono salvarli. “Hanno bisogno – spiega Unicef – di cibo terapeutico salvavita e pronto all’uso (RUTF), una pasta di noci ad alto contenuto calorico somministrata come trattamento medico che può letteralmente significare la differenza tra la vita e la morte per questi bambini.

Nel 2021, l’Unicef ha previsto che il numero di bambini con grave deperimento potrebbe aumentare del 20% entro il 2022 a causa dell’impatto del Covid-19 sulla povertà, sulla sicurezza alimentare e sull’interruzione dell’accesso ai servizi nutrizionali essenziali per i bambini. Sebbene i dati globali e completi non siano ancora disponibili, principalmente perché Covid-19 ha reso difficile generare prove sufficienti, ci sono prove evidenti da regioni e paesi colpiti da conflitti e shock climatici, che il numero di bambini che soffrono di grave deperimento potrebbe essere aumentato drammaticamente in alcuni contesti negli ultimi due anni.

I conflitti e gli shock climatici stanno aumentando il grave deperimento laddove il rischio di mortalità infantile è già più alto. Nel Corno d’Africa la Somalia è di gran lunga la più colpita. Almeno 330.000 bambini avranno bisogno di cure salvavita per un grave deperimento nel 2022, superando di gran lunga i 190.000 che hanno richiesto cure durante la carestia del 2011 nel Paese. Si stima che ne soffriranno 1,4 milioni di bambini: quasi il 45% di tutti i bambini al di sotto dei 5 anni e oltre tre volte di più rispetto al 2011. Il novanta per cento del paese è in siccità.

Si stima che ne soffriranno 1,4 milioni di bambini per grave malnutrizione in Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania, Niger e Senegal nel 2022, con un aumento del 12% rispetto al 2021 e del 26% in più rispetto al 2018. L’entità dell’insicurezza alimentare è senza precedenti, con quasi 11,3 milioni di persone che dovrebbero richiedere assistenza alimentare urgente durante la prossima stagione magra di giugno e settembre, con un aumento del 92% rispetto alla media 2015-2020.

Un forte aumento degli attacchi armati alle comunità e alle infrastrutture pubbliche, continua a guidare i movimenti di massa della popolazione e a interrompere l’accesso ai servizi sanitari e nutrizionali essenziali, aggravando un contesto nutrizionale già precario. L’Unicef richiede 86 milioni di dollari per i suoi programmi di trattamento del grave deperimento nei paesi del Sahel nel 2022. A fine aprile sono stati ricevuti solo 44 milioni di dollari.

La situazione nell’Asia meridionale evidenzia in modo più chiaro come la grave malnutrizione si tramandi da una generazione all’altra. Quasi 1 ragazza su 2 nella regione si sposa prima dei 18 anni e 1 su 5 partorisce prima dei 18 anni. La regione è anche sede di alti tassi di sottopeso e anemia tra le ragazze adolescenti e le donne in gravidanza o che allattano. L’Afghanistan, che sta attraversando una moltitudine di crisi, ha da tempo i peggiori indicatori di malnutrizione cronica al mondo, un’eredità di quattro decenni di conflitti, disastri naturali ricorrenti, povertà e focolai di malattie tra cui, più recentemente, Covid-19. Quasi 4 bambini su 10 sono rachitici e quasi 4 donne su 10 in gravidanza e in allattamento sono anemiche. Sudan e Madagascar sono tra i Paesi in cui l’emergenza è critica.

In molti paesi a reddito medio e basso, il finanziamento per il trattamento del deperimento grave dipende fortemente dall’aiuto pubblico allo sviluppo (APS) dei donatori. Tuttavia, la spesa per gli aiuti allo spreco rimane inaccettabilmente bassa. Nel 2019, la spesa dei donatori per il deperimento ammontava solo al 2,8% dell’APS totale del settore sanitario e solo allo 0,2% dell’APS totale, un investimento minuscolo.

E, con lo shock economico della pandemia di Covid-19, si prevedeva che gli investimenti dei donatori nella nutrizione sarebbero diminuiti drasticamente e, in uno scenario pessimistico, non si riprenderanno completamente ai livelli pre-pandemia fino al 2028. L’attuale panorama degli aiuti allo spreco è insostenibile. La maggior parte dei finanziamenti per lo spreco proviene da pochi donatori, il che rende lo spreco di aiuti suscettibile a priorità politiche mutevoli. Tra il 2015 e il 2019, l’88% degli aiuti per il trattamento del deperimento è arrivato da soli 10 donatori.

Russia ed Ucraina sono tra i principali esportatori agricoli del mondo. Inevitabili le ricadute dal blocco dell’export

La Federazione Russa e l’Ucraina sono tra i principali produttori ed esportatori agricoli del mondo. Le linee di rifornimento sono bloccate. L’agenzia alimentare delle Nazioni Unite suggerisce che una prolungata riduzione delle esportazioni alimentari potrebbe aumentare il numero globale di persone denutrite da 8 a 13 milioni di persone nel 2022 e nel 2023.

La carenza di cibo, carburante e fertilizzanti, unita alle pressioni inflazionistiche, stanno facendo salire i prezzi. E anche la terapia RUTF non è immune. Si prevede che il prezzo di questo trattamento miracoloso aumenterà del 16% nei prossimi sei mesi. A meno che i finanziamenti non vengano aumentati, le agenzie umanitarie non saranno in grado di curare centinaia di migliaia di bambini.

Per raggiungere ogni bambino con un trattamento salvavita per la malnutrizione acuta grave, l’Unicef chiede ai Governi di aumentare gli aiuti per la malnutrizione acuta di almeno il 59% rispetto ai livelli degli APS del 2019 per contribuire a raggiungere tutti i bambini che necessitano di cure in 23 Paesi ad alto tasso; ai Paesi di includere il trattamento della malnutrizione acuta dei bambini nei programmi di finanziamento per la salute e lo sviluppo a lungo termine, in modo che tutti i bambini possano beneficiare dei programmi di trattamento, non solo quelli in situazioni di crisi umanitaria; di assicurarsi che gli stanziamenti di bilancio per affrontare la crisi della fame a livello globale includano stanziamenti specifici per interventi alimentari terapeutici per rispondere alle esigenze immediate dei bambini affetti da malnutrizione acuta grave.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram